Pinacoteca Civica - Pieve di Cento

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Storia dell'edificio
Pubblicazioni e Cataloghi

Evangelisti S. (a cura di), Pinacoteca Civica di Pieve di Cento: Collezioni Comunali del Novecento. Catalogo Generale, Bologna, Nuova Alfa, 1989.


D'Amico R., Gozzi F. (a cura di), La Pinacoteca civica di Pieve di Cento: catalogo generale, Pieve di Cento, G. Bargellini, 1985.

Pinacoteca Civica, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-20112, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 23.

Collina C. (a cura di), I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna: arti del Novecento e dopo - 2. ed. aggiornata, Bologna, Clueb, 2008. 

Salvi A., Tasini M., con testi di, L’archivio notarile del comune di Pieve di Cento, Pieve di Cento, Officinarte snc, Tipografia Bagnoli, 2007.

Pinacoteca Civica, in Franzoni G., Baldi F. (a cura di), Bologna: una provincia, cento musei: l'archeologia, le arti, la storia, le scienze, l'identità: guida, Bologna, Provincia Settore cultura, Pendragon, 2005, p. 145.

Campanini G., Pozzetti E. (a cura di), La donazione Cuniberti alla Pinacoteca civica di Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, 2002.

Maugeri V., Pinacoteca Comunale, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 114, n. 61.

Donazione Mascellani. Pinacoteca civica di Pieve di Cento, Bologna, 1992.

D'Amico R., Gozzi F. (a cura di), La Pinacoteca Civica di Pieve di Cento. Catalogo Generale, Bologna 1985.

Fabbri C., Il patrimonio ritrovato, Cento 1983.
Palazzo Mastellari
Piazza A. Costa, 10
40066 Pieve di Cento (BO)
Tel: 051 686 261 1
Fax: 051 974 308
Arte
Arte moderna (XVI-XIX secolo)
Arte sacra
Arti applicate
Arte contemporanea storica (1900-1950)
Arte contemporanea attuale (1950 ad oggi)
Dal 1980, con l'apertura delle sale dell'attuale Pinacoteca che trova posto nel Centro Culturale di Piazza Andrea Costa, le opere d'arte di Pieve di Cento hanno un'adeguata e sicura conservazione oltre che garantire l'accesso al pubblico. La Pinacoteca si presenta articolata in due sezioni distinte e complementari: il nucleo della raccolta d'Arte Antica e dal 1989 le Collezioni d'Arte del Novecento, con la raccolta delle opere donate dalla pittrice bolognese Norma Mascellani.

Nelle sale di arte antica si trova la Madonna in legno policromo (sec. XIV) di cui è incerta la provenienza; l'ipotesi più probabile è che sia giunta a Pieve di Cento al seguito dei pellegrini d'oltalpe. Ancora del XIV secolo sono i quattro antifonari miniati; di grande valore artistico e documentale sono i dipinti del Cinquecento. Più ricca la collezione di tele seicentesche. Da considerare il San Michele dello Scarsellino, La Creazione dell'uomo attribuita a Matteo Loves e la Sant'Orsola dello Zallone. A cavallo fra Sei e Settecento si collocano poi le splendide opere di Giuseppe Zola: Il Ritrovamento di Mosè e Il Paesaggio con torrente. Con Il San Nicola di Bari del Pedrini (fine '700) giungiamo al XIX secolo rappresentato in Pinacoteca da opere significative, come L'Addolorata attribuita al pittore restauratore Luigi Baraldi.

The opening of the Art Gallery in the Piazza Andrea Costa Cultural Centre in 1980 ensured that Pieve di Cento’s art collection is safely preserved and available for public viewing. The Art Gallery has two distinct sections that complement each other: the core collection of ancient art, and, since 1989, the 20th century arts collection, which includes works donated by the Bolognese painter Norma Mascellani.

The section on ancient art features a polychrome wood Madonna (14th century) of uncertain origin; the most likely explanation is that it arrived in Pieve di Cento along with pilgrims from France. The collection also features four miniature antiphonaries from the 14th century, and its 16th century paintings are of great artistic and documentary value. The collection of 17th century paintings is particularly rich, and includes Scarsellino’s Saint Michael; The creation of man, attributed to Matteo Loves; and Zallone’s Saint Ursula. The splendid works of Giuseppe Zola – The finding of Moses and Landscape with torrent - are from the late 17th and early 18th centuries. Pedrini’s San Nicola di Bari (late 18th century) introduces the section on 19th century painters, which includes significant works such as Our Lady of Sorrows, attributed to the painter and restored Luigi Baraldi.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.