Artisti, artigiani, architetti, produttori

Città di Castello (PG) , 1915 - Nizza (F) , 1955
pittore

Link esterni


Alberto Burri nasce a Città di Castello (Perugia) nel 1915. Si iscrive alla Facoltà di Medicina di Perugia, che frequenta dal 1934 al 1939. Nel 1940 parte per la guerra. Fatto prigioniero dagli inglesi, resta internato in un campo del Nord Africa, prima di essere trasferito dagli americani a Hereford, in Texas, dove inizia a dipingere. Tornato in Italia nel 1946, Burri si trasferisce a Roma, deciso a diventare artista.
Nel 1947 tiene la sua prima personale alla galleria La Margherita. Propone opere di carattere figurativo. Ma l'anno successivo è già impegnato nelle prime composizioni astratte: Bianchi e Catrami. Nel 1949 realizza SZ1, il primo "Sacco" stampato. L'anno successivo comincia le Muffe e i Gobbi.
Nel 1951 Alberto Burri partecipa alla fondazione del Gruppo Origine, con Ballocco, Capogrossi e Colla. Nel 1952 espone per la prima volta alla Biennale di Venezia e pone mano a Grande Sacco. Le mostre di Chicago e New York del 1953 segnano l'inizio del successo internazionale. Nel 1954 realizza piccole combustioni su carta. Continua a utilizzare il fuoco anche negli anni successivi, realizzando Legni (1956), Plastiche (1957) e Ferri (1958 circa).
Il 1955 è un anno cruciale. Torna per la prima volta negli Stati Uniti e presenzia alla prima mostra personale in un museo pubblico: l'Oakland Art Museum. Due anni dopo, il Carnegie Institute di Pittsburgh gli allestisce un'importante retrospettiva. Nel 1959 è la volta del Palais des Beaux-Arts di Bruxelles. La sua fama è ormai riconosciuta, e nel 1960 la Biennale di Venezia gli dedica una sala personale.
Tra il 1961 e il 1969 Burri realizza il ciclo di Plastiche combuste. Nel 1963 espone al Museum of Fine Arts di Houston. Nel 1965 vince il Gran Premio alla Biennale di San Paolo. Sul finire degli anni '60 si trasferisce a Los Angeles.
In considerazione del suo successo, la Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma gli dedica una sala permanente. Abbandonate le combustioni, Alberto Burri nel 1973 inizia il ciclo dei Cretti che riprendono i Bianchi realizzati a cavallo tra gli anni '40 e '50. Nel 1975 realizza le scene per Tristano e Isotta di Richard Wagner al Teatro Regio di Torino. Nel 1976 realizza il Grande Cretto Nero per il Franklin D. Murphy Sculpture Garden di Los Angeles, nel 1978 il Grande Cretto di Capodimonte.
Nel 1976 inizia a lavorare ai Cellotex. Al 1979 risalgono i Cicli, che domineranno tutta la sua produzione successiva. Il primo, intitolato Il Viaggio, viene esposto negli Ex-Seccatoi del Tabacco di Città di Castello. Presenterà altri cicli a Firenze (1981), Palm Springs (1982), Venezia (1983), Nizza (1985), Roma, Torino (1989) e Rivoli (1991).
Nel 1981 viene inaugurata la Fondazione Burri in Palazzo Albizzini a Città di Castello. In questi anni Burri si dedica al progetto (interrotto nel 1989) del Grande Cretto per la cittadina siciliana di Gibellina, sconvolta dal terremoto del 1968.
Negli anni '80 vengono dedicate a Burri numerose esposizioni: Documenta a Kassel (1982), Palazzo Citterio a Milano (1984), Stabilimento Peroni e Università degli Studi a Roma (1987). Nel 1990 si apre, sempre a Città di Castello, la seconda sede della Fondazione, presso gli ex-Seccatoi del Tabacco. Lasciata la California, Burri si trasferisce a Beaulieu, in Francia, ma continua a frequentare Città di Castello.
Nel 1993 espone al Museo Internazionale della Ceramica di Faenza, l'ultimo grande cretto in ceramica, Nero e Oro.
Significativa è, inoltre, la sua attività scenografica e l'ideazione di teatri-sculture all'aperto, tra le quali il Teatro Continuo nel Parco Sempione a Milano (1973) e il Teatro-scultura per l’Operazione Arcevia di Ico Parisi (progetto del 1975, non realizzato) ed il Grande Ferro R, collocato all’entrata di palazzo Mauro De André a Ravenna.
Alberto Burri muore a Nizza nel 1995.
Nel decimo anniversario dalla sua scomparsa (2005), viene organizzata una mostra alle Scuderie del Quirinale intitolata "Burri. Gli artisti e la materia" per testimoniare come la sua opera abbia dato un profondo contributo all'arte del XX secolo in ambito internazionale.

Burri e l'informale: Alberto Magnelli, Ettore Colla, Lucio Fontana, Giuseppe Capogrossi, Jean Dubuffet, Edgardo Mannucci, Mario Ballocco, Antoni Tàpies, Piero Manzoni, (a cura di) Massimo De Sabbata, Firenze : <a href="http://e-ducation.it" rel="nofollow" title="Apri collegamento esterno">e-ducation.it</a>, 2008.

Alberto Burri, (a cura di) Maurizio Calvesi e Chiara Sarteanesi, Milano, Skira, 2008.

Alberto Burri: un mondo fatto di materia, (a cura di) Fabiana Giulietti, Emanuela Pantalla, Perugia, Edizionicorsare, 2006.

A. Burri, V. Brandi Rubiu (a cura di), Alberto Burri, Einaudi, Torino 1975

A. Burri, J. J. Sweeney (a cura di), Burri, L’obelisco, Roma 1955

A. Burri, Cesare Brandi (a cura di), Alberto Burri: opere grafiche, 2RC Editrice, Roma 1973

R. Zuccaro, Burri Alberto, voce in Enciclopedia Italiana Treccani, V Appendice, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma 1991

M. De Sabbata, Burri Alberto, voce in Dizionario Biografico degli Italiani, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma 2013

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.