Museo del Motociclo - Interno
Museo del Motociclo - Inaugurazione nuova sede
Rimini

Museo Nazionale del Motociclo

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Barriere architettoniche
Servizi
Tipologia Collezioni
Pubblicazioni e Cataloghi
Piraccini O., Museo Nazionale del Motociclo, In Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 194, n. 17.
Via Casalecchio, 58/N
Rimini (RN)
Tel: 0541 731 096, 347 1844267
Fax: 0541 633 287
Tematico e/o specializzato
Tematico
Inaugurato alla fine del 1994 per iniziativa di tre collezionisti, G. Corvatta, G. Savorelli e A. Zaghini, che hanno riunito le proprie raccolte in un unico contesto espositivo, dal 2005 il museo occupa una nuova e più ampia sede poco fuori Rimini, ove si ripercorre l'evoluzione del mezzo motociclistico dall'inizio del secolo ai giorni nostri e si mettono in mostra, in rappresentanza di oltre 60 Case italiane e straniere, le 250 moto realizzate dalla fine dell’Ottocento agli anni ’80. Un apparato documentario, fotografico e illustrativo correda il museo, che svolge anche una funzione di centro di documentazione.

Unica nel suo genere, questa galleria della storia motociclistica venne posta dapprima a Cerasolo di Coriano per approdare a Rimini nel 1996, dove rimase al numero 11 di Via Casalecchio fino al dicembre del 2003. La struttura era divenuta poi insufficiente per contenere il patrimonio e quindi si è dovuto pensare ad una nuova collocazione. A soli cinque chilometri dalla precedente ubicazione, il museo consta ora di due edifici: un casale completamente restaurato e una struttura dal design più moderno e funzionale. Oltre ad offrire un itinerario tra le due ruote, raccolte in quattro ampie sale, ordinate cronologicamente per aree tematiche, il complesso intende rappresentare un punto di riferimento per motociclisti italiani e stranieri. Sono stati pertanto predisposti locali per riunioni e per l’intrattenimento degli ospiti e con lo stesso obiettivo si promuove l'organizzazione di numerose iniziative finalizzate a diffondere la storia della moto e a potenziare l’offerta turistico-culturale. Anche il mercatino mensile, organizzato sin dal 1994 negli spazi antistanti il centro espositivo, è tornato con la consueta cadenza.

Inaugurated at the end of 1994 by three enthusiasts, G. Corvatta, G. Savorelli and A. Zaghini, who put together their own collections in a single display area, since 2005 the museum has occupied a new and larger home, just outside Rimini, where it illustrates the evolution of the motorcycle from the beginning of the 20th century to the present day, with an exhibition of 250 vehicles built between the end of the 19th century and the Eighties, by more than 60 Italian and foreign manufacturers. The museum, which also acts as a centre of documentation, is equipped with a documentary, photographic and illustrative service.

Unique in its kind, this gallery of motorcycle history was located originally at Cerasolo di Coriano, then arrived in Rimini in 1996 where it remained in Via Casalecchio until December 2003. The structure had become insufficient to hold all the collections, so a new arrangement had to be found. Just five kilometres from its previous location, the museum now consists of two buildings: a completely refurbished farmhouse and a structure with a more modern and functional design. As well as offering a panorama of two-wheel vehicles, gathered in four large rooms, in chronological order by thematic areas, the museum aims to be a point of reference for Italian and foreign motorcyclists. Rooms have therefore been provided for meetings and for entertaining guests. With the same aim in mind, many ventures are organised, aimed at making known the history of the motorcycle and offering a boost for tourism and culture. The monthly market, held since 1994 in the area in front of the museum, is again being held regularly.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.