Parco di Bosco Albergati "La Città degli alberi"
vicino al bosco Albergati
Castelfranco Emilia (MO)
Leonardi Cesare progetto
1935/ 2021
(progetto)
Notizie storiche: progetto e costruzione
Alcuni anni dopo l’esperienza di Parco Amendola a Modena (1981), sciolto lo studio associato, Leonardi prosegue autonomamente la ricerca sul verde. Nel 1988 propone la piantumazione di circa quaranta ettari di terreno intorno al bosco storico della villa cinquecentesca degli Albergati, in rovina a causa dell'incuria e dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. In quell’area rurale si svolgeva durante l’estate una Festa de l’Unità, evento che diventa parte integrante del programma progettuale. Le strutture metalliche funzionali ad accogliere gli stand disegnano una mezzaluna che delimita la preesistenza da preservare. La realizzazione della nuova area boschiva avviene tramite l'applicazione della Struttura Reticolare Acentrata: una rete poligonale modulare, che Leonardi sperimenta e definisce a partire dal 1983, ideata per progettare il territorio e generare un ambiente in cui uomini ed alberi possano convivere in equilibrio. Gli alberi sono collocati nei 'nodi', distanziati tra loro in modo da permetterne l’accrescimento in condizioni ottimali, mentre le ‘aste’ di collegamento diventano siepi e filari di arbusti. La farnia è l’essenza principale insieme ad altre 53 essenze arboree e 78 arbustive. L’impresa è stata sostenuta e resa possibile da un gruppo di volontari che in tempi e con risorse limitate hanno messo a dimora circa seimila piante, prima nel vivaio interno all’area e poi piantumate nel punto prestabilito del reticolo.
La Città degli Alberi resta ad oggi l’unica concreta applicazione della SRA e ne dimostra l’efficacia progettuale e realizzativa.



5-503