Rocca Estense - Pinacoteca Coppelli - San Martino in Rio

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Tipologia Collezioni
Storia dell'edificio
Pubblicazioni e Cataloghi
Silvestri I., Un nuovo luogo d'arte da scoprire, in Bortolotti L. (a cura di), Due castelli dai destini incrociati. I restauri di Bazzano e San Martino in Rio, in “IBC Dossier”, XII, 1, gennaio-marzo 2004, pp.74-76

Parmiggiani S. (a cura di), Uber Coppelli, San Martino in Rio, Assessorato alla Cultura, 2003

Cottafavi C., San Martino in Rio: ricerche storiche, Bologna, Atesa, 2000

Martinelli Braglia G., Un episodio della bottega degli Erri: le “imprese” estensi nella Rocca di S. Martino in Rio, in “Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Antiche Province Modenesi”, 11.Ser. 18, 1996, pp. 97-108 (con bibliografia precedente)
Corso Umberto I, 22
42018 San Martino in Rio (RE)
Tel: 0522 636 726
Arte
Arte figurativa
Arte astratta
Arte concettuale
Arte oggettuale
Restaurata a più riprese, dal 1977 la Rocca ospita la Biblioteca Comunale e il Museo dell'Agricoltura e del Mondo Rurale, arricchitosi nel 2008 della sezione ceramica allestita nella suggestiva sala delle cisterne; dal 2003 si è aggiunta la Pinacoteca Coppelli, costituita sul lascito di opere del pittore Uber Coppelli (1919-2000), artista figurativo modenese di orientamento verista venato di realismo magico, maturato dagli anni Trenta dopo una formazione tardiva presso l'Istituto d'Arte Adolfo Venturi di Modena e lo studio dello scultore Alessio Quartieri. Oltre a questi spazi nella Rocca di San Martino in Rio trova posto la sede espositiva d'arte contemporanea; qui si sono tenute le mostre dei reggiani Roberta Pugno, Graziano Pompili, Wal e Michelangelo Galliani e si è dato spazio alle installazioni permanenti di Flavio Boni e Davide Rivalta.
L'attività espositiva annovera anche le mostre Oltre la siepe (2008) e Nature immateriali (2009).

After having been restored numerous times, since 1977 the Rocca Estense fortress houses the Municipal Library and the Museum of Agriculture and the Rural World (in 2008, a ceramics section, located in the evocative hall of cisterns, will be added to the latter); since 2003 it also houses the Coppelli Pinacotheque, established after a bequeathment of paintings by Uber Coppelli, and a contemporary art exhibition spaces that has hosted exhibitions by artists from Reggio Emilia including Roberta Pugno, Graziano Pompili, Wal and Michelangelo Galliani; and permanent installations by Flavio Boni and Davide Rivalta.
Throughout his artistic career, Uber Coppelli (1919-2000) - a Modena-born figurative artist who trained, rather late in life, at the Adolfo Venturi Art Institute and in the studio of the sculptor – adopted a Verismo style veined with magic realism, which he developed from the 1930s until his death.
Other exhibitions included “Oltre la siepe” in 2008 and “Nature immateriali” in 2009.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.