Arcispedale S. Maria Nuova - Reggio Emilia

Orari e Tariffe
Tipologia Collezioni
Pubblicazioni e Cataloghi
Biondi G., Povertà e malattia nel Ducato di Modena e Reggio, in Campanini G., Guarino M., Lippi G. (a cura di), Le arti della salute: il patrimonio culturale e scientifico della sanità pubblica in Emilia-Romagna, Milano, Skira, 2005, pp. 69 e sgg.

Fornili C.C., L'ispirazione religiosa e l'Arcispedale di Santa Maria Nuova in Reggio..., Reggio Emilia, Tecnograf, 1995

Badini G., I carteggi di Lodovico Bolognini e dei Marchelli tra pubblico e privato. Lineamenti di ricerca archivistica, in Pigozzi M. (a cura di), con testi di Gino Badini, Gli architetti del pubblico a Reggio Emilia dal Bolognini ai Marchelli : architettura e urbanistica lungo la via Emilia : 1770-1870, catalogo della mostra tenuta a Reggio Emilia nel 1990, Reggio Emilia, Comune di Reggio Emilia, pp. Assessorato istituzioni culturali, Civici Musei, Amministrazione provinciale di Reggio Emilia, 1990, pp. 61 e sgg. Cfr. inoltre ib. scheda di Chiara Mussini, p. 113, I.6
Viale Risorgimento, 80
42121 Reggio Emilia (RE)

Arte
Arte medievale (XI-XV secolo)
Arte moderna (XVI-XIX secolo)
Arte contemporanea storica (1900-1950)
Le origini del complesso risalgono a una committenza del dottore in utroque Pinotto Pinotti, il quale nel 1374 fece posare nei pressi della chiesa dei Santi Giacomo e Filippo, o di San Marco, la prima pietra delle fondamenta di una chiesa e di un ospedale dedicati a Santa Maria Nuova. Nel 1376, con autorizzazione di papa Gregorio XI, l'officiatura del luogo di culto fu affidata ai Carmelitani. Vennero così fondate le basi dell'assistenza ospedaliera reggiana, tuttora attiva, autonoma fino al XVIII secolo, quando i duchi estensi sottoposero la struttura al controllo statale. All'ospedale fu unito nel 1376 l'ospedale Dominae Gervaxiae e nel 1382 quello di San Geminiano, fondato nel XII secolo fuori Porta Santo Stefano, presso la chiesa e il monastero omonimi, poi affidato ai frati Umiliati. Nel 1221 risultava avere 28 letti, destinati all'accoglienza degli orfani e dei pellegrini.
Il 17 ottobre 1384, in Pavia, Pinotti dettò testamento, istituendo pereredi l'Ospedale di Santa Maria Nuova e i poveri che vi erano ricoverati, vincolando il complesso alla funzione assistenziale. Nell'occasione, Pinotti affidava la direzione dell'ospedale a dei fidei commissari: il guardinao dei Frati Minori del convento di Reggio, il priore del convento di Santa Maria Nuova, i priori del Collegio dei giudici e del Collegio dei notai di Reggio Emilia, questi ultimi in posizione preminente sugli altri, e a commissari pro tempore, tra i quali la moglie del testatore.
Nel XVII secolo il patrimonio di Santa Maria Nuova fu arricchito dai lasciti di Roberto (1632) e di Alessandro Mantelli (1644). Fra il 1704 e il 1744 l'ospedale poteva accogliere 60 infermi, e nel 1762 1762 un legato di 10.000 lire permise di aumentare di 6-8 letti l'infermeria destinata alle donne.
Nel 1770 fu dato avvio a una nuova fabbrica dell'ospedale, realizzata su progetto di Pietro Armani e Lodovico Bolognini. Il complesso si allargò sull'area della chiesa dei Carmelitani, trasferiti in quella della Confraternita di Santa Maria del Gonfalone, e sul terreno del soppresso convento di San Marco, donato dall'Università degli Studi di Modena.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.