Teatro di Villa Massari Mazzoni - Voghiera

Dati tecnici
pianta rettangolare
Pubblicazioni e Cataloghi
U. Malagù, Ville e delizie del ferrarese, Ferrara 1972, pp. 153-154;
Teatri storici in Emilia-Romagna, a cura di S. M. Bondoni, Bologna 1982, p. 228;
Le stagioni del teatro. Le sedi storiche dello spettacolo in Emilia-Romagna, a cura di L. Bortolotti, Bologna 1995, p. 250.
Villa Massari Ricasoli ora Villa Massari Mazzoni
Strada Provinciale 29, 103
loc. Voghenza
44019 Voghiera (FE)

Fondazione: XIX (1800-1899)

Questo teatrino, posto all’interno di una delle due strutture laterali della settecentesca Villa Massari Mazzoni (in precedenza Massari Ricasoli), trova la sua ragione d’essere nel legame coniugale che il duca Galeazzo Massari Zavaglia, al tempo proprietario dell’intero complesso, e la cantante lirica Maria Waldmann stringono nel 1877.
La Waldmann, nata a Vienna nel 1845, si affermò interpretando rilevanti ruoli di mezzosoprano nel repertorio lirico italiano. Fu amica di Teresa Stolz che affiancò sia nel Don Carlo che nella première europea di Aida, interpretando il ruolo di Amneris e in successive rappresentazioni. Fu molto apprezzata da Giuseppe Verdi cui la cantante rimase legata da una profonda amicizia, documentata da un fitto scambio epistolare continuato anche dopo il suo matrimonio con il duca ferrarese e il conseguente ritiro dalle scene a soli trentun anni.
Galeazzo Massari fece realizzare il teatrino di Voghenza in onore della celebre moglie subito dopo le nozze, la quale avrebbe potuto qui tenere concerti per familiari e amici.
La sala, collocata come si è detto a piano terra di uno dei due edifici di servizio che affiancano la villa padronale, è a pianta rettangolare e ne sfrutta l’intera volumetria. Esternamente l’edificio mantiene le caratteristiche della costruzione gemella (entrambe con le facciate ornate da una statua centrale posta in nicchia con sovrastante edicola finestrata), mentre all’interno l’ambiente è suddiviso in area palcoscenico, completamente priva di attrezzature, e la platea quadrangolare interamente decorata. Le pareti laterali presentano ognuna tre specchiature dipinte a vivaci colori (azzurro e rosso pompeiano) intervallate da finte lesene, a sinistra dell’entrata sono di contorno alle finestre e si contrappongono simmetricamente a quelle della parete frontale, al cui interno sono dipinte delle figure femminili danzanti. L’arcoscenico, semplice e lineare, propone una sovrastante decorazione con putti e maschere a monocromo, è fronteggiato da una doppia scala che crea una nicchia sull’entrata e conduce a un piccolo palco sovrastante, anch’esso decorato da specchiature e da stemma centrale.
Particolarmente elaborato e celebrativo è infine il soffitto. Al centro è raffigurata Maria Waldmann, vestita secondo la moda del tempo, intenta a cantare nel ruolo di Amneris, come specifica un cartiglio, è affiancata dal dio Apollo che la incorona, poco discosto sta un putto intento a suonare l’arpa, altri putti sorreggono festoni intrecciati a cartigli che riportano i titoli delle più celebri interpretazioni della cantante. La decorazione è completata da quattro tondi posti agli angoli con i ritratti dei celebri compositori Mayerbeer, Donizetti, Verdi e Rossini.
L’intervento di restauro pittorico del teatro, condotto tra il 1998 e il 2008 da Enrica Bernasconi di Milano, ha recuperato completamente una situazione conservativa piuttosto compromessa. L’intervento è stato completato con un adeguato impianto di illuminazione e il montaggio di un sipario in velluto rosso che delimita la parte destinata al palcoscenico. Sull’esterno è intervenuta la ditta Sorpilli.
Il pregevole complesso architettonico, costituito da un’elegante villa bifronte affiancata da due armoniosi edifici di servizio in uno dei quali nella seconda metà dell’800 trova appunto sede il teatrino, nasce come residenza estiva vescovile voluta dal Legato Pontificio Tommaso Ruffo di Bagnara. Il progetto va ascritto all’architetto romano Tommaso Mattei (1652-1726) che, all’apice della carriera viene incaricato dal cardinale Ruffo dell’imponente opera di ristrutturazione e di rimodernamento della sede vescovile di Ferrara, alla cui conduzione Ruffo era stato designato da Clemente XI nel maggio del 1717. Gli interventi di Mattei, avviati nel 1718, si concludono nel 1725 a pochi mesi dalla sua morte. La residenza estiva di Voghenza sarebbe stata compiuta nel 1722. Il sito avrebbe un’origine molto antica testimoniata da una torre medievale inglobata in alcuni edifici di servizio posti a margine del parco e ad una certa distanza dalla villa padronale. L’insieme è inserito in un parco che si estende su una superficie di 22 ettari con oltre 8000 essenze arboree, molte delle quali pregiate e secolari. Il parco era anticamente un'isola sul Po.
La famiglia Mazzoni, attuale proprietaria del pregevole complesso, ha provveduto in tempi recenti all’intervento di manutenzione conservativa del parco, al restauro degli esterni e del piano terra della villa e del prezioso teatrino che, a lungo in disuso, può così essere restituito, seppure saltuariamente, all’attività culturale e alla fruizione pubblica. Questo luogo viene affittato per eventi sia pubblici che privati.
(Lidia Bortolotti)



Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.