Teatro Sociale - Luzzara

Elementi caratterizzanti
Dati tecnici
pianta ellittica con palchetti
99 posti
2015-2018
fonti archivistiche
Pubblicazioni e Cataloghi
C. Caselli, Luzzara. Cenni storici, Reggio Emilia 1889, p. 56-57;
Indagine conoscitiva sulle strutture e gli organismi culturali nella provincia di Reggio Emilia, Reggio Emilia 1977;
S. M. Bondoni, Sette teatri allo specchio, Reggio Emilia 1980, p.27-28;
La rete teatrale nella provincia di Reggio Emilia a cura di W. Baricchi, Reggio Emilia 1982, p. 32-33;
Teatri storici in Emilia Romagna, a cura di S. M. Bondoni, Bologna 1982, p. 195-196;
Le stagioni del teatro. Le sedi storiche dello spettacolo in Emilia-Romagna, a cura di L. Bortolotti, Bologna 1995, p. 189-190.
Piazza Tedeschi
42045 Luzzara (RE)

opera di inaugurazione:
Capuleti e Montecchi di Vincenzo Bellini.
Fondazione: XIX (1800-1899)
La costruzione dell'attuale teatro fu iniziata nel 1813 ma non ebbe vita facile dato che fu interrotta per alcuni anni e ripresa nel 1821, poi di nuovo interrotta e ripresa nel 1845. Nel 1852 fu finalmente inaugurato con la rappresentazione dell'opera lirica Capuleti e Montecchi di Vincenzo Bellini.
L'edificio è compreso nel tracciato stradale tra la via Piave, Vicolo Chiesa e Piazzetta Tedeschi, nel perimetro dell'area del Vecchio Castello di Luzzara, come rilevato da una mappa del cartografo di Carlo V. E' composto da due blocchi addossati a forma di grosso parallelepipedo irregolare ricoperto da un tetto a due falde. Questa sua forma è dovuta sia al preesistente tracciato stradale che alle esigenze degli spazi tecnici al suo funzionamento come lo dimostra il blocco del palcoscenico la cui lunghezza è due metri maggiore di quella della sala teatrale. La sala fino al restauro del 1919, si presentava a forma di U svasata, di impronta settecentesca, con tre ordini di palchi ed il palco centrale.
Poi nel 1919 (data incisa sul lunettone della finestra centrale della facciata), fu modificata la pianta che divenne semicircolare, rimasero inalterati i palchi ma vennero rifatte le decorazioni che tuttora mostrano un aspetto del primo novecentesco. Il teatro rimase chiuso per parecchi anni e fu trasformato anche in magazzino. L'arredamento originale, l'impianto di illuminazione e le scene sono andati perduti. Il Comune ha intrapreso un'opera di restauro tra gli anni Ottanta e Novanta, realizzando opere di consolidamento, intervenendo sul tetto e l'impiantistica e ripristinando i serramenti. Nel 2012 il teatro è stato fortemente danneggiato dal sisma, a distanza di cinque anni è possibile, grazie a un finanziamento del Comune e della Regione, avviare il cantiere per recuperare l'edificio e riuscire a renderlo parzialmente fruibile.
(Caterina Spada - Lidia Bortolotti)


Construction of the current theatre commenced in the 1813 but did not go smoothly, stopping for several years and resuming in 1821, only to be interrupted again and then restarted in 1845. It was finally inaugurated in 1852 with Vincenzo Bellini’s opera The Capulets and the Montagues.
The building is set between Via Piave, Vicolo Chiesa and Piazzetta Tedeschi, in the perimeter of the area of the Old Castle of Luzzara, as can be noted on a map by the cartographer of Charles V. It is composed of two blocks set side by side and forming a large irregular parallelepiped covered by a double-pitched roof. This form was dictated by the previous road network as well as the needs of the technical spaces required by the theatre, as demonstrated by the block with the stage, which is two metres longer than the one with the auditorium. Before it was restored in 1919, the theatre was shaped like a flared U in an eighteenth-century style, with three tiers of boxes and the central box.
In 1919 (the date carved in the large lunette of the central window of the façade) the layout was modified to a semicircular form. The boxes were left untouched, but the decorations were redone and their early-twentieth-century style is still evident. The theatre was closed for many years and was also transformed into a warehouse. The furnishings, lighting system and sets no longer exist. The municipal government began to restore it after 1982 and, to date, the structure has been consolidated, the roof has been redone, new electric heating and plumbing systems have been installed, and the door and window fixtures have been restored.
(Caterina Spada)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.