Teatro Comunale "La Casa del Popolo" - Castello d'Argile

Dati tecnici
pianta rettangolare con balconata
capienza totale della sala 156 posti
1999-2004
fonti archivistiche
Pubblicazioni e Cataloghi
Teatri storici in Emilia-Romagna, a cura di S.M. Bondoni, Bologna 1982, p. 213;
Le stagioni del teatro. Le sedi storiche dello spettacolo in Emilia-Romagna, a cura di L. Bortolotti, Bologna 1995, p. 138.
Via Matteotti
40050 Castello d'Argile (BO)

Fondazione: XX (1900-1999)
Arti dello spettacolo (cinema, danza, musica, lirica, teatro di figura, teatro di prosa)
L'edificio in cui ha sede questa sala teatrale nasce come Casa del Popolo, viene infatti costruito nel 1907 per volontà di una delle prime organizzazioni cooperative di ispirazione socialista, analogamente a quanto si andava facendo in altre località del territorio emiliano-romagnolo.
Nel fabbricato, a due piani, furono previste sale di riunione e uffici per le cooperative a piano terra e un teatro al primo piano. Dalla disposizione assai semplice, il teatro risulta costituito da una sala a pianta rettangolare con una balconata (caratterizzata da sottili colonne in legno) che corre lungo i tre lati in cui si aprono un sufficiente numero di porte e finestre. Il palcoscenico in tavolato ligneo, di contenute proporzioni, non è dotato di particolari attrezzature. L'inaugurazione avviene il 22 settembre 1907 con la presenza dei deputati socialisti E. Ferri e G. Bentini, ed è l'occasione per un'importante festa. Sia negli anni che precedono il primo conflitto mondiale che successivamente ospita spettacoli, riunioni politiche e sindacali. Con l'avvento del fascismo diventa Casa del Fascio e, acquistato dal Comune nel 1925 è oggetto di una prima ristrutturazione. Dal 1938 il teatro viene dato in affitto ad un privato che lo attiva come cinematografo, restando comunque a disposizione del fascio per le sue manifestazioni. Nel '44 subisce danni a causa di un ordigno bellico, poi nel dopoguerra torna ad essere sede della locale Casa del Popolo e il teatro continua ad essere utilizzato come cinema, a gestione privata, fino alla metà degli anni Settanta.
Nel 1981 il Comune, proprietario del teatro, lo ristruttura, in quell'occasione viene posta all'ingresso della sala una lapide che ricorda il tenore Francesco Grassili (padre dell'attore Raoul) nativo di Castello D'Argile. Fino alla metà degli anni Novanta il teatro è attivo e i cartelloni propongono prosa, dialettale, spettacoli di cabaret, concerti ecc. Quindi, non risultando più in regola con le normative della sicurezza nei locali di pubblico spettacolo, il teatro resta chiuso per alcuni anni. Nel frattempo l'Amministrazione Comunale, che ha la necessità di idonei locali per realizzare una più ampia biblioteca e sedi per associazioni culturali e sportive, concretizza l'acquisizione dell'intero immobile (1998-99) in cui ha sede lo stesso teatro e avvia le procedure necessarie per ristrutturare tutto l'edificio. Le opere, grazie anche ad un significativo contributo della Regione Emilia-Romagna, vengono portate a termine nel giro di alcuni anni e, nel 2004, vengono inaugurati prima la Biblioteca (20 gennaio), poi il Teatro il 25 aprile.
Strutturalmente lo spazio non è stato modificato, è stato aggiunto un ascensore per la platea e un piccolo foyer d'accesso. La platea della sala teatrale può essere utilizzata anche come sede espositiva, in quanto le sedie sono mobili e stivabili sotto il palco. Dal 2005 è stata avviata una programmazione che vede l'avvicendarsi sia di spettacoli teatrali che musicali.
Il teatro è stato danneggiato dal terremoto del maggio 2012, dichiarato inagibile è stato chiuso per un breve periodo. Risarcito dai danni ha riaperto il 7 ottobre 2013 e denominato "La Casa del Popolo". La gestione dell'attività è stata affidata all'Unione Reno Galliera.
(Lidia Bortolotti)

The building that houses this theatre was originally built in 1907 as a People’s House by one of the first socialist-inspired cooperatives, as was happening elsewhere in Emilia-Romagna at the time.
The two-storey building was meant to house meeting rooms and offices for the cooperatives on the ground floor, and a theatre on the first floor. The theatre was quite simple: a rectangular hall with a balcony (featuring thin wooden columns) running along three sides, and a sufficient number of doors and windows. The small stage was made of wood planks and did not have any particular equipment. The theatre was inaugurated on 22 September 1907, in the presence of the socialist members of parliament E. Ferri and G. Bentini; this was cause for significant celebrations. It hosted theatre performances, as well as political and union meeting in the pre-WWI and post-WWI periods. With the rise to power of fascism, it became the headquarters of the local fascist party, and after being purchased by the municipality in 1925, it was renovated for the first time. In 1938, the theatre was leased to a private individual, who turned it into a cinema, although it remained available for fascist party events. In 1944, it was damaged by a bomb, and after the war it reverted to being the local People’s House and the theatre continued to be run as a privately-managed cinema until the mid-1970s.
In 1981 the municipality, which owns the theatre, renovated it and placed a plaque at the entrance commemorating the tenor Francesco Grassili (father of the actor Raoul), a native of Castello D'Argile. Until the mid-1990s, the theatre remained active, with events including prose performances, cabaret, plays in the local dialect, concerts, etc. After being found non-compliant with safety regulations for public entertainment venues, the theatre was closed for several years. In 1998-99, the municipal administration, which needed space for a larger library and cultural and sporting clubs, purchased the entire building that hosts the theatre, and launched the necessary procedures to begin renovating it. Thanks in part to a significant contribution for the Emilia-Romagna regional administration, the work was completed in a few years, and in 2004 the library (20 January) and theatre (25 April) were inaugurated.
The structure of the theatre hall was not changed, but a small entrance foyer and an elevator were added. The theatre’s main floor can also be used for exhibitions, since the seats can be removed and stored underneath the stage. Since 2005, the bill of events includes both musical and theatre performances.
(Lidia Bortolotti)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.