Museo e Centro di documentazione del Castello - Formigine

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Storia dell'edificio
Pubblicazioni e Cataloghi
Museo e Centro di Documentazione del Castello, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-2012, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 58.

Collina C. (a cura di), I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna: arti del Novecento e dopo - 2. ed. aggiornata, Bologna, Clueb, 2008. 

Vandelli V., Il castello di Formigine. Archeologia, storia e restauri, Silvana Editoriale, 2007.


Studio Azzurro, Il castello di Formigine. Il museo multimediale, il tempo e lo spazio, Silvana Editoriale, 2007.


Brigati N., Libro A., Vecchio Nepita C. (a cura di), Il castello di Formigine. Un racconto di mille anni, Comune di Formigine, 2007.

Formigine riscopre il suo castello: 1201-2001, ottocento anni di storia, Formigine, Amministrazione Comunale di Formigine, 2001?

Cattinari R., Testimonianze artistiche quattrocentesche nel castello di Formigine, in Bonacini P. (a cura di), Il castello di Formigine ricerche storiche e archeologiche, atti del convegno Formigine riscopre il suo castello, Modena, Aedes Muratoriana, 1998, pp. 53 e sgg.

Labate D., Archeologia dell'edilizia storica: il castello di Formigine, in Bonacini P. (a cura di), Il castello di Formigine ricerche storiche e archeologiche, atti del convegno Formigine riscopre il suo castello, Modena, Aedes Muratoriana, 1998, pp. 171 e sgg.

Bonacini P., Oltre il castello. Territorio e società formiginese tra Medioevo e prima età moderna, in Formigine un paese, la sua storia, la sua anima, Carnate (MI), Telesio Editrice, 1997, pp. 51 e sgg.
Piazza Calcagnini, 1
41043 Formigine (MO)
Tel: 059 416 145
Fax: 059 416 143
Storia
Archeologia medievale
Architettura
Storia medievale
Storia moderna
Arte contemporanea attuale (1950 ad oggi)
Arte oggettuale
Arte astratta
Arte concettuale
Arte digitale
Arte elettronica
Multimediale
Arte performativa
Sono ospitati nella rocchetta il Centro di documentazione della sezione medievale ed il Museo, mentre la parte rinascimentale, che ha sede presso il palazzo marchionale, accoglie la sala del Consiglio comunale, e di rappresentanza del Sindaco, per sottolineare l'antica funzione istituzionale. Il progetto permanente degli artisti Paolo Rosa, Leonardo Sangiorgi, Fabio Cirifino e Stefano Roveda di Studio Azzurro, si caratterizza per un'interattiva multimedialità capace di sfruttare i molteplici linguaggi offerti dalle nuove tecnologie, e, in questo caso, le installazioni del gruppo si integrano nel percorso del Castello, guidando gli spettatori nella fruizione delle mostre e del sito stesso. L'attività espositiva, inaugurata a settembre 2007 presso le sale adibite alle mostre temporanee, si è caratterizzata per un programma centrato sull'arte contemporanea, come Binomi, la prima collettiva che ha ospitato artisti e generi differenti proposti in coppia come Bertozzi & Casoni, Francesco Bocchini e Andrea Chiesi, Marcello Grassi ed Elisa Rossi. Il palinsesto si è concluso con un'altra mostra dedicata all'arte contemporanea, la direttrice della Galleria Civica di Modena, Angela Vettese, ha curato l'esposizione Lo spirito dell'arte della collezione privata di Carlo Cattelani che annovera artisti quali Andy Warhol, Lucio Fontana, Joseph Beuys, Christo, Gino De Dominicis, Agnes Denes, Dan Graham, Carsten Höller, Karen Kilimnik, Alison Knowles, Sherrie Levine, Nam Jum Paik, Alberto Burri e Mario Schifano, Gilbert & George, Sol LeWitt, Hermann Nitsch, Yoko Ono, Daniel Spoerri, Atsuko Tanatka, Franco Vaccari, Ben Vautier, Wolf Vostell e Sue Williams. Nel 2008 il castello ha visto l'intervento artistico di David Tremlett con cinque wall drawings e un'esposizione di bozzetti preparatori per le opere che l’artista inglese ha realizzato in altre sedi storiche pubbliche. Nel 2010 invece la mostra "Rhapsody in green" ha descritto il percorso artistico della disegnatrice Laura Zuccheri. Si ricorda inoltre, che l'attività del complesso è anche quella di accogliere diverse proposte multimediali quali laboratori per bambini, conferenze, e concerti tra cui Woma Jazz, l'unico festival jazz composto da sole artiste donne.

The Museum and the documentation centre for the Medieval section are housed in the castle, while the Renaissance section is housed in the Marquis’ palace, which currently also houses the town council and is used as the mayor’s liaison office, testifying to its ancient institutional function. The permanent exhibitions by the artists Paolo Rosa, Leonardo Sangiorgi, Fabio Cirifino, and Stefano Roveda from Studio Azzurro make use of interactive multi-medial tools that can take advantage of the multiple languages provided by new technologies, and the group’s installations form an integral part of the Castle’s itinerary, helping visitors enjoy both the exhibits and the castle itself. Temporary exhibitions were inaugurated in September 2007 in dedicated rooms, and have so far focused on contemporary art, including Binomi, a collective exhibition featuring pairs of artists working in different genres, including Bertozzi & Casoni, Francesco Bocchini & Andrea Chiesi, and Marcello Grassi & Elisa Rossi. The programme of exhibitions ended with another show dedicated to contemporary art: Angela Vettese, director of the Modena Civic Gallery, curated the exhibition The spirit of art in Carlo Cattelani’s private collection, featuring artists such as Andy Warhol, Lucio Fontana, Joseph Beuys, Christo, Gino De Dominicis, Agnes Denes, Dan Graham, Carsten Höller, Karen Kilimnik, Alison Knowles, Sherrie Levine, Nam Jum Paik, Alberto Burri e Mario Schifano, Gilbert & George, Sol LeWitt, Hermann Nitsch, Yoko Ono, Daniel Spoerri, Atsuko Tanatka, Franco Vaccari, Ben Vautier, Wolf Vostell, and Sue Williams. In 2008 the castle housed an exhibition by David Tremlett featuring five wall drawings and a series of preparatory sketches for works exhibited by this English artist in other historic public buildings. In 2010 the exhibition "Rhapsody in green" traced the artistic career of the draftswoman Laura Zuccheri. The Museum also sponsors numerous multi-media events, such as workshops for children, conferences, and concerts, including Woma Jazz, the only jazz festival to exclusively feature female performers.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.