Museo del Castello - Bagnara di Romagna

Orari e Tariffe
Sabato, domenica e festivi: 10-13 e 15-18 (in luglio-agosto: 10-13, in altri orari apertura su richiesta telefonica). Negli altri giorni apertura su richiesta telefonica 10-13.
Chiuso: lunedì, 1 gennaio, 15 agosto Gratuito Accessibile
Servizi
Storia dell'edificio
Pubblicazioni e Cataloghi
Parisini S. (a cura di), Per antiche vie: guida al Parco Archeologico dell'Alto Adriatico, Bologna, Editrice Compositori, 2014, p. 161-163.

Museo del Castello di Bagnara, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-20112, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 82.

Conti S., Lenzi F., Tabanelli E. (a cura di), Bagnara di Romagna: una storia di monete, Bagnara di Romagna, Comune di Bagnara di Romagna, 2010.

F. Lenzi, C. Guarnieri, A. Augenti (a cura di), Bagnara: guida al Museo del Castello, Ravenna 2009.

Comune di Bagnara, Storia del territorio e del castello di Bagnara di Romagna. Dal villaggio alla fortezza, 2008.


Bagnara di Romagna: note e riflessione di archeologia, Soprintendenza per i beni archeologici dell'Emilia Romagna [et al.], .S.l., 2005.
Rocca Sforzesca
Piazza IV novembre
48010 Bagnara di Romagna (RA)
Tel: 0545 905 540, 0545 905 501
Fax: 0545 761 36
Archeologia
Archeologia preistorica/paletnologia
Archeologia protostorica
Archeologia classica
Archeologia medievale
Il Museo del Castello si dipana negli spazi e negli ambienti della rocca trecentesca restituiti alla fruizione pubblica dopo il trasferimento del municipio e il recupero integrale a fini museali e culturali di questo importante complesso architettonico, divenuto lo spazio scenico di una rivisitazione storica che dalle origini del territorio bagnarese giunge sino all’età moderna.
Il percorso museale si snoda in due sezioni. Nella prima, dedicata a “Il territorio di Bagnara e della bassa Romagna”, si apre uno squarcio sulla quotidianità e sull’organizzazione residenziale e produttiva a partire dall’epoca pre-protostorica, attraverso la dominazione romana, sino al primo Medioevo, quando l’erezione di un villaggio protetto da fossato e palizzate - il castrum di Prati di S. Andrea - sancisce l’atto di nascita di Bagnara antica, abbandonata nel XIII secolo. La sezione si chiude con un’immagine dello scenario medievale che, di lì a poco, vedrà la nascita della nuova Bagnara.
La seconda sezione, collocata nel mastio centrale, ricostruisce “La storia del Castello di Bagnara di Romagna”, ne delinea vicende e trasformazioni nel tempo, fornendo così le basi per comprendere l’importante fenomeno dell’incastellamento nella bassa Romagna.


Il primo percorso museale si sviluppa nelle sale del primo piano che, dopo la dismissione degli usi militari della rocca, furono adibite a funzioni abitative. L’evoluzione dell’insediamento antico nell’area bagnarese, le caratteristiche del popolamento, le diverse tipologie costruttive avvicendatesi nel tempo sono analizzate e descritte sino alle soglie dell’Età Moderna, attraverso una serie di materiali archeologici che afferiscono al Neolitico, all’età del Bronzo, al periodo romano e al lungo periodo fra il tardoantico e l’Alto medioevo. Alla fine dell’Alto Medioevo, tra X e XI secolo, in coincidenza con la nascita di numerosi castelli, il territorio della Pianura padana è punteggiato da villaggi fortificati, composti da edifici in legno protetti da fossati e palizzate. I loro resti sono indiziati da rialzi artificiali di terreno, conosciuti con il nome di “motte”, che si ergono con debole rilievo sulle superfici agricole. Grazie ad informazioni, immagini e reperti si rivisita la nascita di Bagnara, risalente con certezza alla motta dei Prati di Sant’Andrea. Indagato con scavi regolari dal 2005, questo sito costituisce appunto il luogo di origine della più antica comunità di Bagnara e deve aver rappresentato il centro altomedievale e medievale più importante del territorio. Durante la prima fase di vita, un fossato rinforzato da grossi pali in legno difendeva l’abitato, esteso per circa 6900 mq. d’estensione., che includeva abitazioni lignee e piccole botteghe artigianali, per la lavorazione del metallo, del vetro e della ceramica, che provvedevano al fabbisogno di strumenti, attrezzi e suppellettili degli abitanti.

Imboccati, a partire da settentrione, gli eleganti loggiati costruiti sulle cortine murarie si accede direttamente al mastio, ove si snoda il secondo itinerario museale che ripercorre per intero la storia del castello di Bagnara, vale a dire l’intero sistema difensivo imperniato sulla maestosa rocca, la cinta muraria, la porta civica, i terragli. Salendo la magnifica scala a chiocciola, realizzata in monoliti arenaria, si visitano accompagnati dagli operatori museali i diversi piani del mastio, uno dei quali fu anche adibito a carcere, e si giunge alla terrazza panoramica che domina la campagna circostante.

Dalla corte si ha anche accesso al sotterraneo, un ampio e suggestivo ambiente voltato, sottostante le sale del palazzo, al cui fondo si apre un’area archeologica. Qui sono stati messi in in luce un elemento murario riferibile alla prima fase di edificazione della fortezza e due cavità a copertura voltata per la raccolta dell’acqua piovana, successivamente riutilizzate come discarica di rifiuti. Da tali immondezzai provengono gli oggetti per la mensa e la cucina esposti nella vetrina databili al XVI secolo. Un’altra indagine condotta nell’area del fossato ha consentito di recuperare calici e bicchieri in vetro del medesimo periodo.

Risalendo la scalinata sulla destra della corte, si raggiunge la sala ricavata dalla copertura del torrione visconteo per visitare una piccola ma interessante collezione storico-artistica. comprendente una terracotta maiolicata del 1770 e alcuni dipinti di scuola emiliana risalenti al XVI, XVII e XVIII sec.


The Castle Museum is housed in the open spaces and rooms of the fourteenth-century fortress, now open to the public since the town hall moved to other premises. This important architectural complex was fully renovated for use as a museum and cultural centre, becoming the setting for a historic revisitation of the territory of Bagnara from its origins up to the present day. The Museum itinerary is composed of two sections. The first, dedicated to “The territory of Bagnara and lower Romagna”, offers a glimpse of daily life and the organisation of the home and production from the dawn of history, through Roman rule, up until the early Middle Ages, when the building of a village protected by a moat and palisade - the castrum of Prati di S. Andrea - marked the birth of old Bagnara, abandoned in the 13th century. The section ends with an image of the medieval scenario that was shortly to lead to the birth of new Bagnara. The second section, in the central keep, reconstructs “The history of the Castle of Bagnara di Romagna”, outlining its events and transformations over the years, thus laying the basis for understanding the important phenomenon of encastellation in lower Romagna.

The first Museum itinerary is laid out in the rooms on the first floor which were assigned to residential functions after the fortress ceased to be used for military purposes. The evolution of the old settlement in the Bagnara area, the characteristics of the population, and the different types of buildings adopted over time are analysed and described up until the threshold of the Modern Age, thanks to a series of archaeological exhibits from the Neolithic period to the Bronze Age, to Roman times and the long period between Late Antiquity and the Early Middle Ages. At the end of the Early Middle Ages, between the 10th and the 11th century, coinciding with the foundation of numerous castles, the Po Valley was scattered with fortified villages, composed of wooden buildings protected by moats and palisades. Traces of their presence can be seen in artificial earthworks, known as mottes, standing slightly above the surface of the surrounding farmland. Thanks to information, pictures and exhibits, visitors can learn about the origins of Bagnara, which certainly dates back to the motte of Prati di S. Andrea. The site, which has been regularly excavated since 2005, was the place of origin of the oldest community at Bagnara and must have been the most important centre in the territory during the Middle Ages. In its early days, the site was defended by a moat reinforced with great wooden poles. The settlement covered an area of about 6,900 square metres and included wooden houses and small workshops where craftsmen produced metal, glass and ceramics, satisfying the inhabitants’ needs for different kinds of tools and furnishings.
On the north side, the elegant arcades built onto the curtain walls lead directly to the keep, where the second Museum itinerary traces the whole history of the castle of Bagnara, that is the entire defence system that hinged on the mighty fortress, the walls, the town gate and the ramparts. Visitors can climb the magnificent spiral staircase, made of blocks of sandstone, where museum guides will accompany them to the various floors of the keep, one of which was also used as a prison, and up to the panoramic terrace that overlooks the surrounding countryside.
From the courtyard they can access an impressive vaulted underground chamber, below the main rooms of the castle, with an archaeological area at the end. Here a part of the wall has been brought to light, dating back to the earliest phase of construction of the fortress, as well as two cavities with a vaulted ceiling for collecting rainwater, later used as a rubbish dump. Objects found among the rubbish included table and kitchen ware now on display, dating back to the 16th century. Another investigation in the area of the moat recovered goblets and glasses of the same period.
The staircase on the right of the courtyard leads to the room in the roof of the Visconti tower where a small but interesting historic and artistic collection can be visited, including an item of majolica pottery of 1770 and a number of paintings by the Emilian school of the 16th, 17th and 18th century.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.