Musei di Palazzo dei Pio: Museo Monumento al Deportato - Carpi

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Storia dell'edificio
Pubblicazioni e Cataloghi
Musei Monumento al Deportato politico e razziale nei campi di sterminio nazisti, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-2012, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 56.

Collina C. (a cura di), I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna: arti del Novecento e dopo - 2. ed. aggiornata, Bologna, Clueb, 2008.


Museo Monumento al Deportato, in i luoghi delle idee. Musei e Raccolte della provincia di Modena, Modena, Provincia, 2005, pp. 60-61.


Collina C. (a cura di), "I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna: arti del Novecento e dopo", Bologna, Compositori, 2004, pp. 68-70

Tamassia P., Museo Monumento al Deportato, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 61, n. 4.


Gibertoni R., Melodi A., Il campo di Fossoli e il Museo Monumento al Deportato di Carpi, in Matta T. (a cura di) "Un percorso della memoria. Guida ai luoghi della violenza nazista e fascista in Italia", Milano 1996, pp. 99-119.

Gibertoni R., Melodi A., Il Museo Monumento al Deportato a Carpi, Milano 1993.
Palazzo dei Pio
Piazza dei Martiri, 68
41012 Carpi (MO)
Tel: 059 688 483
Storia
Storico monografico
Resistenza e II Guerra Mondiale
Arte contemporanea storica (1900-1950)
Arte figurativa
L'esistenza di questo museo a Carpi è dovuta alla presenza nella frazione di Fossoli, dal 1943 al 1944, di un campo di raccolta e di concentramento di prigionieri destinati alla deportazione. Sulle pareti vi sono graffiti di Picasso, Guttuso, Léger e Cagli. Il museo raccoglie inoltre oggetti, messaggi e lettere dei deportati. Nel cortile esterno sono collocate 16 stele sulle quali sono incisi i nomi di alcuni campi di concentramento nazisti.

II Museo Monumento è stato inaugurato a conclusione di un impegno assunto dal Comune già negli anni dell'immediato dopoguerra per onorare il ricordo delle vittime delle deportazioni nazifasciste. Infatti, a pochi chilometri dalla città, nella frazione di Fossoli, si trovava un campo di raccolta e transito degli italiani destinati a campi di sterminio. Il museo è situato in un'ala del pian terreno del Castello dei Pio. E' stato progettato (dopo un concorso internazionale) dallo studio dell'architetto Ludovico Belgiojoso (anch'esso internato) in una forma che "tende a creare - sono parole sue - un'emozione ancora valida a molti anni di distanza". Pochi gli oggetti, collocati al centro di ciascuna sala, scelti da Lica e Albe Steiner per la forza della loro capacità evocativa delle condizioni di vita nei campi di concentramento. Il Museo Monumento al Deportato è stato inaugurato nel 1973, ma la sua gestazione risale all’immediato secondo dopoguerra affinché rimanesse viva la memoria del sacrificio umano degli ebrei e dei combattenti durante la II Guerra Mondiale nel vicino Campo di Fossoli. Il progetto del Museo veniva espletato dal gruppo BBPR, ossia Belgioioso, Banfi, Peressutti e Rogers, in collaborazione con Renato Guttuso; la motivazione dell’assegnazione dei lavori a questo gruppo d’architetti veniva individuata, dall’amministrazione e dal comitato promotore, nella capacità di aver saputo concepire un museo privo di facile retorica e banali simbolismi. Collocato al piano terra del Castello, esso si sviluppa lungo tredici ambienti, alcuni dei quali affrescati con pertinenza al tema della pace e della Resistenza, commemorando i deportati, da Pablo Picasso, Emilio Longoni, Corrado Cagli, Fernand Legér e Renato Guttuso; e ai quali si alternano suggestivi e toccanti pensieri dei condannati a morte della Resistenza europea che, attraverso il graffito, sensibilizzano civilmente alla pace.
Nel 1999 il figlio del pittore milanese Aldo Carpi, lo scrittore Pinin, ha donato al Museo 150 opere del padre che ha vissuto e riportato visivamente le tragedie delle due guerre mondiali; in particolare Il diario di Gunsen, ritratti a disegno densi di pathos redatti con sintetico realismo fotografico, che narrano l’orrore prodotto dai lager nazisti negli uomini.
L’attività espositiva del Museo è indirizzata verso la continuità della memoria delle atrocità naziste quale memento e monito affinché non si possano riperpetrare nuovamente altre crudeltà; qui sono spesso realizzate mostre documentarie od artistiche, che abbiano uno stretto legame con la Resistenza, il sacrificio ebraico dell’Olocausto, della prigionia e delle distruzioni provocate dalla guerra come Monumenti in guerra 1943-45, gli alleati e i danni al patrimonio culturale in Emilia Romagna.
Il percorso espositivo si chiude con la Sala dei nomi: sui muri e sulle volte sono incisi, come nella sinagoga di Praga, i nomi di quattordicimila deportati italiani nei campi di concentramento nazisti. Nel cortile del museo i nomi di alcuni campi di concentramento nazisti sono incisi su sedici stele polidirezionate, alte sei metri, in forma di lapidi funerarie. Nel 1984 il comune di Carpi ha ottenuto dallo Stato la concessione dell'area dell'ex campo di Fossoli. In attesa dell'attuazione di un progetto di recupero del sito, è possibile visitare quanto rimane delle baracche, utilizzate fino agli anni Sessanta, occupate prima dalla comunità di Nomadelfia e poi dai profughi giuliani e dalmati.

The existence of this museum in Carpi is due to the fact that between 1943 and 1944, a transit and concentration camp for prisoners destined for deportation was set up in the hamlet of Fossoli. The Museum’s walls feature graffiti by Picasso, Guttuso, Léger, and Cagli. The Museum also displays some of the deportees’ belongings, letters, and messages. The exterior courtyard features 16 steles bearing the names of some Nazi concentration camps.

The Museum was inaugurated to honour the municipal administration’s commitment, made in the immediate post-war years, to commemorate the victims of Nazi-fascist deportations. Indeed, just a few kilometres from the city centre, the hamlet of Fossoli once hosted a transit and concentration camp for Italians about to be deported to Nazi extermination camps. The Museum is located on the ground floor of the Castello dei Pio. It was designed by the studio of the architect Ludovico Belgiojoso (a former camp inmate) after it won an international competition. In the architect’s words, the Museum was designed “to stir emotions even many years after the fact”. It only displays a few objects, placed in the centre of each room and selected by Lica and Albe Steiner on the basis of their ability to portray the living conditions in concentration camps. Although the Museum was inaugurated in 1973, its origins lie in the immediate post-war period and the desire to keep alive the memory of the human sacrifice of Jews and resistance fighters in the nearby Fossoli concentration camp during World War II. The Museum was designed by the BBPR group (Belgioioso, Banfi, Peressutti and Rogers), in collaboration with Renato Guttuso; the municipal administration and the organizing committee motivated their decision to award the project to this team thanks to their success in designing a museum that eschewed trite rhetoric and mundane symbolism. Located on the ground floor of the castle, the Museum has thirteen rooms, some of which feature frescoes celebrating peace and the Italian Resistance and commemorating deportees including Pablo Picasso, Emilio Longoni, Corrado Cagli, Fernand Legér and Renato Guttuso. They are accompanied by the touching, evocative words of members of the European Resistance who were senteced to death: the graffiti on display echo their civilized call for peace. In 1999 the writer Pinin Carpi, son of the Milanese painter Aldo Carpi, donated 150 of his father’s works to the Museum. Aldo Carpi had lived through and depicted the tragedies of the two world wars. In particular, his book Diario di Gusen (Gusen’s Diary) includes pen sketches filled with pathos and photograph-like realism, which tell of the horrors that human beings were subjected to in Nazi camps. The Museum’s exhibitions aim to keep alive the memory of Nazi atrocity, as a warning so that such cruelty may never again take place. It often hosts art or documentary exhibitions that focus on the Italian Resistance, the Jewish Holocaust, and on imprisonment and destruction during World War II, such as Monuments during the war 1943-45, the Allies and damage to Emilia-Romagna’s cultural heritage.
The exhibition ends with the Hall of Names: the names of 14,000 Italians deported to Nazi concentration camps are engraved on the walls and ceiling, recalling a similar display in the Prague synagogue. In the Museum’s courtyard, the names of some Nazi concentration camps are engraved on 16 six-meter-high steles, which are shaped like tombstones and point in several directions. In 1984, the Italian government granted the Carpi municipal administration a lease on the site where the Fossoli camp was located. A salvage project is underway; for now, it is possible to visit the remains of the shacks, which were in use until the 1960s, having first housed the Nomadelfia community, and subsequently refugees from Venezia Giulia and Dalmatia.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.