Museo dell'Arredo Contemporaneo - Russi

Orari e Tariffe
Temporaneamente CHIUSO
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Pubblicazioni e Cataloghi
Collina C. (a cura di), I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna: arti del Novecento e dopo - 2. ed. aggiornata, Bologna, Clueb, 2008.


Collina C. (a cura di), I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna: arti del Novecento e dopo, Bologna, Compositori, 2004, p.167.

Guarino M., Museo dell’Arredo Contemporaneo, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 161, n. 34.

I maestri del design: Russi, museo dell'arredo contemporaneo, in Andar per musei: guida dei musei aderenti al Sistema della Provincia di Ravenna, 2. ed. - Ravenna, Provincia di Ravenna, 2000, p. 10-11.

Museo dell'Arredo Contemporaneo, in Zannier I. (a cura di), Viaggio nei musei della provincia di Ravenna, Ravenna, Longo, 1995, p. 185.

Brani di storia dell'arredo, 1880-1980, Ravenna, Essegi, Russi: Museo dell'arredo contemporaneo, 1988.
SS. San Vitale, 253
48026 Russi (RA)
Tel: 0544 419 299, 338 958 6837
Fax: 0544 416 119
Specializzato
Arte contemporanea storica (1900-1950)
Arte contemporanea attuale (1950 ad oggi)
Tematico
Arti applicate
Arte oggettuale
A partire da aprile 2015, la collezione permanente del Museo dell'Arredo Contemporaneo è in mostra a Milano ed è disponibile per la visualizzazione a Museo del Design 1880-1980 . Ciò è stato reso possibile grazie alla Musei Italiani e Borsa Italiana.

Sorto nella seconda metà degli anni Ottanta per volontà di Raffaello Biagetti, pittore, artigiano e titolare di un negozio di arredamento, il museo si prefigge di illustrare la storia del design attraverso testimonianze ed opere che hanno scandito il percorso cronologico di questo fenomeno artistico e socio-culturale che ha caratterizzato il Novecento a livello globale. La collezione permanente, allestita con l’ausilio di esperti del settore come Giovanni Klaus Koenig, Giuseppe Chigiotti e Filippo Alison, è composta da trecento pezzi fra mobili, lampade e oggetti d’arredamento, esposti all’interno di una moderna struttura industriale, per rappresentare l’evoluzione del design, dal 1880 all’attualità, attraverso i maggiori protagonisti, relazionati alla cronologia dei movimenti e degli stili della storia dell’arte e del costume sociale.

Vi sono esempi di Art Noveau, rappresentati da Anton Gaudì, Michael Thonet e Charles R. Mackintosh; la Wiener Werkstätte da Joseph Hoffmann, De Stijl da Gerrit T. Rietveld e Keler, il costruttivismo russo da El Lissitskij, il Bauhaus da Walter Gropius, Marcel Breuer, Mies Van der Rohe, il funzionalismo razionalista francese e italiano degli anni Trenta, sfociato poi nella Decorative Arts, da Le Corbusier (Charles-Edouard Jeanneret), Jean Prouvè, Giò Ponti e Giuseppe Terragni, il modernismo organico di matrice nordica, espansosi a livello europeo ed intercontinentale significato da Alvar Alto, Charles Eames e Giò Ponti, il made in Italy, espressione del boom economico design industriale italiano negli anni Sessanta e Settanta, è testimoniato da lavori di Carlo Scarpa, Gae Aulenti, Bruno Munari, Marco Zanuso, Mario Bellini, sino ad arrivare alle idee di Ettore Sottsass e Vico Magistretti, strettamente interrelate alle altre discipline artistiche quali la moda, la grafica, la pittura, il cinema, l’architettura e le arti applicate.
L’attività espositiva del museo è assai dinamica: sono state realizzate diverse mostre a carattere monografico dedicate a designers ed artisti come Roger Kelly, Alice Guareschi, Lisa Ponti, Mattia Battistini, Pasquale Martini, Patrizia Piccino, Massimiliano Fabbri, Marco Neri, Bas Meerman, Gabriele Picco, Flavio Favelli, e Antonio Rovaldi in una doppia personale con Robert Vincent, ancora Franco Mello, il gruppo di designers Dorothy Gray, e, nell’ambito di Openstudiofaenza, la mostra di oggetti d’arredo fra arte, artigianato e design in ceramica della produzione faentina contemporanea, nonché L’Abitare e l’Argilla e la personale di Italo Zuffi a cura di Davide Ferri e la rassegna Advento.100 oggetti di design Tecali Puebla Mexico.

Established in the mid-1980s by Raffaello Biagetti, a painter and artisan who owned a furniture store, the museum aims to trace the history of design using works and items that marked the chronological evolution of this 20th century worldwide artistic and socio-economic phenomenon. The permanent collection, put together with the help of experts such as Giovanni Klaus Koenig, Giuseppe Chigiotti, and Filippo Alison, comprises three hundred items including furniture, lamps, and furnishings exhibited in a modern industrial facility and illustrating the evolution of design from 1880 to the present through the eyes of its main players, and in light of broader artistic and social trends.

There are examples of Art Nouveau, with works by Anton Gaudi, Michael Thanet and Charles R. Mackintosh; the Wiener Werkstätte, represented by Joseph Hoffmann, De Stijl da Gerrit T. Rietveld and Keler; Russian Constructivism by El Lissitskij; Bauhaus by Walter Gropius, Marcel Breuer, and Mies Van der Rohe; French and Italian Rational Functionalism from the 1930s, which set the stage for Decorative Arts, represented by Le Corbusier (Charles-Edouard Jeanneret), Jean Prouvè, Giò Ponti and Giuseppe Terragni; northern European Organic Modernism, which expanded throughout Europe and the world and is here represented by Alvar Alto, Charles Eames and Giò Ponti; the “Made in Italy” style, an expression of the Italian industrial design boom of the 1960s and 1970s is here represented by works by Carlo Scarpa, Gae Aulenti, Bruno Munari, Marco Zanuso, and Mario Bellini; and finally, the ideas of Ettore Sottsass and Vico Magistretti, which are closely interconnected to other artistic disciplines such as fashion, the graphic arts, painting, cinema, and applied arts.
The museum has a dynamic exhibition schedule: it has staged many monographic exhibitions dedicated to artists such as Roger Kelly, Alice Guareschi, Lisa Ponti, Mattia Battistini, Pasquale Martini, Patrizia Piccino, Massimiliano Fabbri, Marco Neri, Bas Meerman, Gabriele Picco, Flavio Favelli, Antonio Rovaldi in a double personal exhibition with Robert Vincent, Franco Mello, and the Dorothy Gray designers’ group. On the occasion of Openstudiofaenza, the museum hosted an exhibition of contemporary artisanal, artistic, and designer furniture from Faenza, as well as the L’Abitare e l’Argilla exhibition, a personal exhibition by Italo Zuffi curated by Davide Ferri and the exhibition Advento.100 design objects - Tecali Puebla Mexico.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.