Museo di Palazzo Ducale - Guastalla

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Storia dell'edificio
Pubblicazioni e Cataloghi
Assessorato alle politiche culturali della città di Guastalla (a cura di), Il museo della citta, Cremona, 2002.
Palazzo Ducale
Via Gonzaga, 16
42016 Guastalla (RE)
Tel: 0522 839 756, 0522 839 763
Fax: 0522 839 756
Misto
Archeologia classica
Storia moderna
Storia contemporanea
Arte moderna (XVI-XIX secolo)
Arte contemporanea storica (1900-1950)
Arte contemporanea attuale (1950 ad oggi)
Arte figurativa
Arte astratta
Il museo della Città di Guastalla nasce per raccogliere testimonianze del ricco percorso storico, culturale ed artistico della città. Sono esposti materiali di diversa natura e di tipologia, quali reperti archeologici documenti fotografici, oggetti d'arte dell'età dei Gonzaga, opere pittoriche a carattere religioso. Il percorso accompagna il visitatore alla scoperta di Guastalla e del suo Stato, sviluppandosi attraverso sezioni tematiche, ognuna delle quali è dedicata ad un particolare e significativo momento della storia della città, dalle sue origini, alla formazione dello stato e di questo centro urbano, con particolare attenzione all'età dei Gonzaga, fino ad arrivare all’età contemporanea.

Dal 2009 il Museo della Città è ospitato nelle sale del Palazzo Ducale di Guastalla, luogo simbolo per la storia e la cultura della città. Il percorso museale prende avvio da due elementi fortemente simbolici: la pala d’altare della Madonna e i Santi Francesco e Bernardino da Siena dipinta sul finire del XVI secolo da Francesco Martino Codeluppi ad effigiare la dedicazione della città alla Vergine; la copia del Busto ritratto di Ferrante Gonzaga realizzato fra il 1561 e il 1562 da Tommaso Della Porta. Le due opere poste nella Sala del Camino e nel Vestibolo riassumono il significato del Museo della Città di Guastalla che concentra l’attenzione sulle figure storiche, gli eventi e le espressioni di cultura che in queste terre hanno preso forma nel corso di ventiquattro secoli. Il percorso porta il visitatore ad attraversare la storia e la tradizione artistica della città a partire dalle sue origini (attraverso reperti di età romana provenienti da scavi di una necropoli nei pressi di Pieve di Guastalla), passando per le fasi di formazione della struttura urbana e dello stato, alla signoria dei Gonzaga, fino alle testimonianze artistiche del XIX e XX secolo.

The City Museum of Guastalla was established to document the city’s rich historical, cultural, and artistic heritage. It displays a varied array of material, including archaeological finds, photographs, works of art from the Gonzaga era, and religious paintings. The exhibits help visitors discover Guastalla and its Duchy thanks to several thematic sections, each of which is dedicated to a significant moment in the city’s history, its origins, and the foundation of the Duchy and the development of the city up to the present day, with a particular focus on the Gonzaga era.

Since 2009 the City Museum has been housed in Guastalla’s Ducal Palace, the city’s main cultural and historical landmark. The exhibits open with two highly symbolic elements: the altarpiece depicting the Virgin Mary with Saint Francis and Saint Bernardino of Siena, painted at the end of the 16th century by Francesco Martino Codeluppi to celebrate the city’s dedication to the Virgin Mary; and a copy of a bust depicting Ferrante Gonzaga made between 1561 and 1562 by Tommaso Della Porta. These two works, located in the fireplace hall and in the vestibule, sum up the meaning of the City Museum of Guastalla, which focuses on historical characters, events, and cultural expressions in Guastalla over the last 24 centuries. The exhibits help visitors discover the city’s history and artistic traditions, starting with its origins (thanks to Roman-era archaeological finds uncovered during digs in a necropolis near Pieve di Guastalla), and continuing with the establishment of the city-state and the rule of the Gonzaga dynasty, and ending with local 19th and 20th century art.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.