Castello dei Burattini - Museo Giordano Ferrari - Parma

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Pubblicazioni e Cataloghi

Siri M., Il Castello dei burattini, Museo Giordano Ferrari, Parma: Piano museale
2001, Regione Emilia-Romagna, Istituto per i beni artistici, culturali e natura
li, Bologna, Centro regionale per il catalogo e la documentazione, 2001.

Castello dei Burattini: Museo G. Ferrari, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-20112, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 67.

Guarino M., Fabbri I. (a cura di), Chi è di scena! : Burattini e Marionette in Emilia-Romagna, Bologna, Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2009, DVD video.


Il Castello dei Burattini - Museo Giordano Ferrari, in Cantieri culturali: allestimenti, didattica, catalogazione e restauro nei musei dell'Emilia-Romagna, Bologna, Istituto Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia Romagna, 2006, p. 5.

Guarino M., Museo dei Burattini e delle Marionette “Giordano Ferrari”, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 38, n. 22.

Guarino M. (a cura di), Chi è di scena, Baracche, burattini e marionette dalle collezioni emiliano-romagnole, supplemento a “IBC”, 1999.
Complesso di San Paolo
Strada M. Melloni, 3/a
43121 Parma (PR)
Tel: 0521 031 631
Fax: 0521 218 876
Specializzato
Arti dello spettacolo (cinema, danza, musica, lirica, teatro di figura, teatro di prosa)
Tematico
Situato all'interno dell'antico Complesso di San Paolo, il museo è tra i più importanti d'Italia per numero di pezzi esposti e per valore storico artistico. Dedicato a Giordano Ferrari (1905-1987), burattinaio e collezionista di Parma, si compone di oltre 500 pezzi tra cui marionette, pupi, burattini, scenografie, oggetti di scena, fotografie, manifesti e copioni che nell'insieme danno vita ad un percorso museale curioso e stimolante. L'esposizione è articolata su due itinerari: quello delle marionette e quello dei burattini. Nel primo caso le marionette sono state suddivise sulla base delle diverse compagnie teatrali e sistemate secondo un ordine di tipo cronologico, nel secondo caso invece i burattini sono stati ordinati in base alla provenienza geografica allo scopo di evidenziare le diversità regionali. Nella raccolta si segnalano inoltre opere di collezione, come nel caso di alcuni burattini italiani del Cinquecento e di altri pezzi, ugualmente interessanti, eseguiti tra il XVII e il XVIII secolo da manifatture dell'Italia settentrionale, tra cui si ricordano le maschere della Commedia dell'Arte e di altre tradizioni popolari ed artistiche. La collezione del museo si è poi arricchita nel tempo di tre ulteriori raccolte, quella del giornalista e studioso di cultura popolare Franco Cristofori, quella dell'ingegnere e burattinaio dilettante Amilcare Adamoli e il fondo di pupazzi televisivi del Gruppo 80 guidato da Kitti Perria ed Enrico Valenti.
Una sala del museo è stata dedicata alla famiglia Ferrari, per documentarne l'attività artistica attraverso l'esposizione delle loro creazioni.

Housed in the ancient San Paolo compound, the Ferrari Museum is one of the most important museums of its kind in Italy, thanks to the number of items on display and their historical and artistic value. It is dedicated to Giordano Ferrari (1905-1987), a puppeteer and collector from Parma, and has over 500 items including marionettes, puppets, Sicilian “pupi” hand puppets, stage sets and objects, photographs, posters, and scripts, which come together to create an unusual, stimulating exhibition. The Museum has two itineraries: one on marionettes and the other on puppets. The marionettes are arranged in chronological order and divided according to theatre company, while the puppets are arranged according to geographic origin in order to highlight regional differences. The Museum also includes some collectors’ items, such as several 16th century Italian puppets and some equally interesting items made between the 17th and 18th centuries by northern Italian manufacturers. The latter include costumes and masks from the Commedia dell’Arte and other folk traditions. Over time, the Museum acquired three more collections: those of the journalist and folk culture scholar Franco Cristofori, the engineer and amateur puppeteer Amilcare Adamoli, and the television puppets from Kitti Perria and Enrico Valenti’s Gruppo 80. One of the Museum’s rooms is dedicated to the Ferrari family, and documents their artistic activities by displaying their works.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.