Museo Civico del Risorgimento - Bologna

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Storia dell'edificio
Pubblicazioni e Cataloghi

Sangiorgi O. (a cura di), Armi da fuoco nel Museo del Risorgimento di Bologna, fa parte di Bollettino del museo del Risorgimento, a. 2004.


Sangiorgi O. (a cura di), Armi bianche nel Museo del Risorgimento di Bologna, fa parte di Bollettino del museo del Risorgimento, a. 1999.


Gli oggetti nel Museo. Catalogo degli oggetti esposti, 1999.


Collina C., La collezione dei dipinti a olio del Museo del Risorgimento di Bologna, fa parte di Bollettino del Museo del Risorgimento, a. 1993.

Museo Civico del Risorgimento, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-20112, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 8.

Museo Civico del Risorgimento, in Franzoni G., Baldi F. (a cura di), Bologna: una provincia, cento musei: l'archeologia, le arti, la storia, le scienze, l'identità: guida, Bologna, Provincia Settore cultura, Pendragon, 2005, p. 66.

Tamassia P., Museo Civico del Risorgimento, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 90, n.12.

Bologna: Museo civico del Risorgimento, in Bollettino del museo del Risorgimento, a. 1997, pp. 57-63.

Invito al Museo civico del Risorgimento. Casa Carducci, Bologna, Comune, 1990.
Piazza G. Carducci, 5
40121 Bologna (BO)
Tel: 051 347 592, 051 225 582
Fax: 051 225 583
Storia
Risorgimento
Dal 1990 il museo è ospitato al pian terreno di Casa Carducci, dove attualmente ha sede. Il percorso espositivo si sviluppa in cinque sale, a partire dal periodo napoleonico fino alla prima guerra mondiale. Il materiale esposto costituisce una selezione alquanto ridotta del ricco patrimonio museale. Particolare attenzione è dedicata alla storia della città di Bologna nel periodo risorgimentale. In mostra figurano divise, armi, uniformi, bandiere, dipinti (tra le altre, opere di Muzzi e Ademollo), oggetti "patriottici" in genere ma anche stampe, giornali e manifesti.

Il museo è stato inaugurato nel 1893. Collocato in una sala al pian terreno del Museo Civico, offriva un allestimento molto curato, anche da un punto di vista scenografico, con le pareti ornate dagli stemmi delle città della regione e dai busti dei grandi protagonisti del Risorgimento italiano. Nelle vetrine erano esposti i documenti, i cimeli, le medaglie: una mole di materiale la cui raccolta era iniziata già dieci anni prima dell'apertura del museo, in occasione dell'Esposizione nazionale di Torino (1884) nell'ambito della quale fu allestito un padiglione sul Risorgimento italiano. A questo nucleo vennero aggiunti altri materiali nel 1888 anno delle Celebrazioni per l'VIII Centenario dello Studio e dell'Esposizione emiliana a Bologna. In questo contesto, a San Michele in Bosco fu allestito il "Tempio del Risorgimento". Il successo ottenuto dalla mostra fu tale che il Consiglio Comunale deliberò l'istituzione del Museo del Risorgimento.Il museo, chiuso al pubblico durante la seconda guerra mondiale, è stato riaperto nel 1954 con la nuova denominazione di "Museo civico del primo e secondo Risorgimento", per raccordare il Risorgimento con la Resistenza. Nei decenni successivi, l'esposizione ha subito alterne vicende con vari riallestimenti e periodi di chiusura.

Since 1990, the Museum is housed on the ground floor of Casa Carducci. The exhibition takes up five halls, starting with the Napoleonic era and ending with World War I. The items on display are but a small fraction of the Museum’s rich collections. The history of Bologna during the Italian unification era receives particular attention. The exhibits display uniforms, weapons, flags, paintings (including works by Muzzi and Ademollo), other “patriotic” items, prints, newspapers, and posters.

The Museum was inaugurated in 1893. Located in a hall on the ground floor of the Civic Museum, its carefully-arranged exhibits featured walls decorated with Bologna and Emilia Romagna’s coats of arms, and busts of the leaders of Italian unification. Glass cases displayed documents, mementos, and medals, whose collection had begun ten years prior to the Museum’s inauguration, during the Turin national expo (1884), which featured a pavilion on Italian unification. This initial collection was augmented in 1888 with material from the Celebrations for the Seventh Centenary of Emilia’s Fairs and Studies held in Bologna, which included a “Temple of Italian unification” in San Michele del Bosco. The exhibition’s success was such that the municipal council approved the institution of a Museum of Italian Unification. The Museum, which was closed to the public during World War II, was re-opened in 1954 under the new name of “Civic Museum of the first and second Italian Unification”, to establish a link between the unification of Italy and the Italian resistance movement. The Museum’s fortunes waxed and waned during the following decades, as it underwent periodic renovations and closures.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.