Museo Fondazione Cariparma - Parma

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Pubblicazioni e Cataloghi
Collina C. (a cura di), I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna: arti del Novecento e dopo - 2. ed. aggiornata, Bologna, Clueb, 2008.
Strada al Ponte Caprazucca, 4
43121 Parma (PR)
Tel: 0521 289 944, 0521 532 111
Fax: 0521 289 761
Arte
Arte moderna (XVI-XIX secolo)
Arte contemporanea storica (1900-1950)
Arte contemporanea attuale (1950 ad oggi)
Numismatica
Arti applicate
Arte figurativa
Arte astratta
Il museo, con sede nel Palazzo Bossi Bocchi, si compone di una raccolta di dipinti che documentano la cultura figurativa parmigiana dal XVI al XX secolo. Agli inizi del Cinquecento risalgono due tavole di Cristoforo Caselli detto il Temperello e uno splendido disegno di Parmigianino. Fra il Seicento e il Novecento si collocano le opere di Felice Boselli, Cristoforo Caselli, Giovanni Paolo Panini, Francesco Antonio Simonini, Louis Michel Van Loo, Alberto Pasini, Roberto Guastalla, Cecrope Barilli, Luigi e Salvatore Marchesi, Giulio Carmignani, Giambattista Borghesi, Daniele De Strobel, Amedeo Bocchi, Donnino Pozzi e Bruno Zoni.
L'esposizione è completata da una collezione di ceramica italiana e porcellane del XV-XVI secolo, una collezione di banconote dall'Unificazione d'Italia ai nostri giorni, altre collezioni di mobili provenienti da Parma, stampe e disegni della città e del ducato. Si trova inoltre un'interessante sezione dedicata ai falsi e alle tecniche di falsificazione.
Nel 2014, Renato Bruson ha donato alla Fondazione Cariparma la propria collezione di 70 importanti dipinti dell’800 italiano e dalla fine del mese di settembre 2014, prima della sua collocazione definitiva all’interno delle Collezioni permanenti di Palazzo Bossi Bocchi, è in esposizione nello stesso Palazzo. La donazione è composta da opere di importanti artisti tra cui Giovanni Boldini, Francesco Paolo Michetti, Giovanni Segantini, Pompeo Mariani; significativa la serie dei macchiaioli con opere di Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Telemaco Signorini e Nicolò Cannicci; la raccolta comprende anche dipinti di vedutisti veneti tra cui i fratelli Ciardi, Leonardo Bazzaro, Pietro Galter, Italico Brass, Pietro Fragiacomo e Ettore Tito.



The museum, housed in Palazzo Bossi Bocchi, comprises a collection of paintings that document figurative culture in Parma from the 16th to the 20th century. From the early 16th century there are two board paintings by Cristoforo Caselli, also known as Temperello , and a splendid drawing by Parmigianino. From the 17th to the 20th century, there are works by Felice Boselli, Cristoforo Caselli, Giovanni Paolo Panini, Francesco Antonio Simonini, Louis Michel Van Loo, Alberto Pasini, Roberto Guastalla, Cecrope Barilli, Luigi and Salvatore Marchesi, Giulio Carmignani, Giambattista Borghesi, Daniele De Strobel, Amedeo Bocchi, Donnino Pozzi and Bruno Zoni.
The exhibition is completed by a collection of Italian ceramic and porcelain ware from the 15th-16th century, a collection of banknotes dated from the Unification of Italy to the present day, other various collections of furniture from Parma, iconographic collections, prints and drawings of the town and the duchy. There is an interesting section dedicated to forgeries and forgery techniques.
In 2014, Renato Bruson donated to the Foundation Cariparma their collection of 800 Italian and 70 major paintings from the end of September 2014, prior to its final location within the permanent collection of the Palazzo Bocchi Bossi, is on display in the the palace itself. The donation consists of works by important artists such as Giovanni Boldini, Francesco Paolo Michetti, Giovanni Segantini, Pompeo Mariani; significant number of the Macchiaioli with works by Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Signorini and Nicholas Cannicci; The collection also includes paintings by Venetian painters including the brothers Ciardi, Leonardo Bazzaro, Peter Galter, Italico Brass, Peter Fragiacomo and Ettore Tito.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.