Museo Glauco Lombardi - Parma

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Storia dell'edificio
Pubblicazioni e Cataloghi

Sandrini F. (a cura di), Le piccole ed operose mani della Duchessa. Ricami e servizi da lavoro di Maria Luigia d'Asburgo - Quaderni del Museo n.6, Parma 2002.


Godi G., Carrara G. (a cura di), Fondazione museo Glauco Lombardi : [catalogo guida del museo], S.l. : s.n., Parma , 1991.


Sandrini F. (a cura di), Museo Glauco Lombardi. Maria Luigia e Napoleone Testimonianze, ed. TCI

Fondazione Museo Glauco Lombardi, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-20112, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 68.

Landi E., Fondazione Glauco Lombardi, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 39, n. 28.

Guida al Museo Glauco Lombardi, Parma 1972.
Palazzo di Riserva
Strada G. Garibaldi, 15
43121 Parma (PR)
Tel: 0521 233 727 (Museo)
Fax: 0521 233 727
Storia
Arte moderna (XVI-XIX secolo)
Storia moderna
Arti applicate
Il museo è formato dall'insieme di alcuni degli arredi già appartenuti ai Borbone e alla duchessa Maria Luigia, dispersi tra il 1862 e il 1868 ma recuperati in parte dal collezionista Glauco Lombardi nell'intento di documentare la vita, i costumi e la storia di Parma dal 1748 al 1859. Fondato a Colorno nel 1915 e inaugurato nel 1961 nel Palazzo della Riserva, trasformato in casino di gioco da Ennemond Alexandre Petitot nel 1764, il museo conserva opere d'arte, suppellettili e gioielli distribuiti nelle diverse sezioni del percorso espositivo.

Cimeli di Maria Luigia costituiscono il 'Museo Napoleonico', allestito nel salone e in due stanze contigue. Qui si possono ammirare alcuni capi preziosi del guardaroba della sovrana: il manto ducale ricamato in platino, frammenti del Mantello imperiale e l'abito da cerimonia donatole da Napoleone nel 1810; la famosa corbeille nuziale disegnata da Prud'hon, il calco della mano della duchessa, opera del Canova, un frammento di mantello imperiale donato dalla Duchessa per sovvenire ai bisogni dei parmigiani colpiti dal colera, album, diari, gioielli, effetti personali e persino il cestino da lavoro dell'imperatrice, autrice di alcune delle vedute ad acquerello esposte nelle sale. Nella collezione non mancano lettere del Bonaparte e del Re di Roma. Nel Museo Toschi, nell'omonima sezione, è poi documentata l'attività incisoria praticata dall'artista parmigiano, mentre nella Raccolta Petitot si annoverano disegni dell'architetto e incisioni di Benigno Bossi. Una raccolta di acquerelli, incisioni e dipinti del XIX secolo e opere francesi del XVIII secolo, allineate in un'apposita sala, completano l'arredo del palazzo. Nell'Archivio del museo sono ordinate ottocento lettere di Maria Luigia alla figlia Albertina.

The Museum’s collection is made up of some furniture and decorations formerly belonging to the House of Bourbon and Marie Louise, Duchess of Parma. The collection had been lost between 1862 and 1868 and was subsequently partly recovered by the collector Glauco Lombardi in his attempt to document the life, customs, and history of Parma between 1748 and 1859. Founded in Colorno in 1915 and inaugurated in 1961 in the Palazzo della Riserva – which had been turned into a gambling casino by Ennemond Alexandre Petitot in 1764 – the Museum displays works of arts, baubles, and jewels in its various sections.

The “Napoleonic Museum” located in the main hall and two adjacent rooms features mementos once belonging to Marie Louise. They include some valuable items from her wardrobe, such as her platinum-embroidered ducal mantle, pieces of her Imperial mantle, and the evening dress given to her by Napoleon in 1810; the famous wedding corbeille designed by Prud'hon, Canova’s cast of the Duchess’s hand, a fragment of the Imperial mantle donated by the Duchess to help Parma’s inhabitants during a cholera epidemic, and even a work basket belonging to the Empress, who painted some of the watercolour landscapes on display in the Museum. The collection also includes letters from Napoleon Bonaparte and his son Napoleon II of France. The Toschi Museum documents the etchings by the Parma-born artist of the same name, while the Petilot collection features drawings by its namesake architect and engravings by Benigno Bossi. The exhibition ends with a hall displaying a series of 19th century watercolours, engravings, and paintings, along with some 18th century French pieces. The Museum’s archive holds 800 letters from Marie Louise to her daughter Albertina.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.