Pinacoteca comunale Silvestro Lega - Modigliana

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Barriere architettoniche
Servizi
Tipologia Collezioni
Storia dell'edificio
Pubblicazioni e Cataloghi

Continelli A.M., Gori M.C., Pinacoteca Comunale "Silvestro Lega", Modigliana, Stampa Litografica Fabbri, 1999

Collina C. (a cura di), I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna: arti del Novecento e dopo - 2. ed. aggiornata, Bologna, Clueb, 2008.


Collina C. (a cura di), "I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna: arti del Novecento e dopo", Bologna, Compositori, 2004, pp. 183-184







Piraccini O., Pinacoteca Comunale “Silvestro Lega”, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 180, n. 29.

Bambi V. (a cura di), Pinacoteca civica "Silvestro Lega", Modigliana (FC), Regione Emilia-Romagna, Istituto per i beni artistici, culturali e naturali, Bologna, Centro regionale per il catalogo e la documentazione, 2000?.

Pinacoteca comunale "Silvestro Lega": Palazzo pretorio, Modigliana, 1999.
Piazza Pretorio, 1 (c/o Palazzo Pretorio)
47015 Modigliana (FC)
Tel: 0546 941 431
Fax: 0546 949 514
Arte
Arte moderna (XVI-XIX secolo)
Arte contemporanea attuale (1950 ad oggi)
Arte contemporanea storica (1900-1950)
Arte figurativa
Arte astratta
Arte informale
Arte concettuale
Inaugurata nel 1999 all'interno di Palazzo Pretorio, notevole edificio di fine Trecento, ampliato e modificato nel secolo scorso, la pinacoteca comprende il cospicuo patrimonio figurativo otto-novecentesco modiglianese. Accanto ad un prestigioso nucleo di opere del celebre Silvestro Lega, figura l'interessante raccolta donata nel 1959 dal collezionista Michele Campana. Tra le altre, sono esposte opere di Annibale Gatti, Gino Barbieri, Baccio Maria Bacci, Armando Spadini, Edoardo Gordigiani, Luigi Servolini, Domenico Baccarini. Una sezione comprende i dipinti acquisiti a partire dagli anni '50 in occasione delle varie edizioni del Premio Nazionale di pittura intitolato a Silvestro Lega. Nel suo complesso, la raccolta documenta in modo originale movimenti d'avanguardia e tendenze del secondo Novecento, dall'astrattismo storico all'arte ottica e a quella concettuale. Sono presenti, tra le altre, opere di Getulio Alviani, Concetto Pozzati, Plinio Mesciulam. Completano il percorso museale altri dipinti (tra gli altri, I nuotatori del faentino Francesco Nonni) acquisiti attraverso donazioni o nel quadro delle iniziative espositive promosse dal Comune.

La pinacoteca ha avuto una gestazione durata quarant’anni, ossia da quando Michele Campana donò, nel 1959, il primo nucleo di opere all’Amministrazione comunale affinché si desse avvio ad un museo rappresentativo dell’arte dell’Ottocento e del Novecento, d’area tosco-emiliano romagnola, intestato al pittore macchiaiolo originario di Modigliana. La ricerca di un’idonea struttura architettonica ha rallentato il progetto, che poi ha trovato felice concretizzazione nelle sale del medievale Palazzo Pretorio.
La collezione si compone di quattro grandi sezioni: la prima dedicata ai dipinti di Silvestro Lega, la seconda formata dalle opere figurative, di stile postimpressionista o legati alla tradizione ripresa da “strapaese”, donate da Michele Campana, la terza documenta le avanguardie del secondo dopoguerra i cui lavori, appartenenti all’espressionismo astratto, all’Op Art e all’astrattismo geometrico, sono entrati grazie al Premio Silvestro Lega, attivo dal 1959 al 1967 e dal 1975 al 1980; e l’ultima è la testimonianza di numerose donazioni ed acquisizioni diversificate tra loro e di prevalenza riferite ad esempi artistici locali. Fanno parte della collezione d’arte del XX secolo e dell’attualità della Pinacoteca quadri, disegni ed incisioni di Tito Livio Macrini, Gino Romiti, Giulio Gherarducci, Romano Morando, Adelindo Tassi, Giovan Battista Crema, Francesco Bansi, Antonio Pietro Manca, Bruno Migliorini, Dino Sergio Chesini, Marco Guido Dal Monte, Giovanni Molteni, Domenico Rambelli, Gino Barbieri, Domenico Baccarini, Enrico Ludolf Verworner, Giovanni Malesci, Krimer (Cristoforo Mercati), Vincenzo Stagnani, Engel Pierini, Eduardo Gordigiani, Pietro Senno, Giovanni Pellis, Aldo Fortunati, Maria Baccio Bacci, Guglielmo Micheli, Luigi Varoli, Orazio Toschi, Igino Tuniz, Giovanni Sircana, Bruno Ricchi, Oreste Zuccoli, Umberto Cocci, Tommaso Della Volpe, Bruno Minucci, Tarcisio Cardinali, Giorgio Bossola, Alberto Caligiani, Giuseppe Golfieri, Eduardo Gordigiani, Anacleto Margotti, Armando Spadini, Pietro Dossola, Carmelo Floris, Giovanni Costetti, Giuseppe Fraschetti, Vincenzo Stagnani, Carlo Servolini, Bruno Pruno, Nevio Bedeschi, Pier Luigi Ponteri, Piero Ricci, Remo Gordigiani, Giovanni Gurioli, Sonia Micela, Miria Malandri, Vincenzo Stagnani, Maceo Casadei, Gino Mandolesi, Francesco Nonni, Riccardo Guarnieri, Fortunato Celli, Ugo Pierotti, Rina Ferri, Giorgio Bossola, Emanuele Cappello, Vittorio Tremante, Valentino Ghiglia, Mina Angelini, Vincenzo Sommaruga, Nerino Tassoni, Guido Codagnone, Gianna Spagna Nardi, Alfonsina Poggialini, Carmelo Zotti, Giovanni Fabbri, Irene Ugolini Zoli, Sergio Sasso, Concetto Pozzati, Getulio Alviani, Sergio Saviotti, Alfiero Tavanti, Giulio Ruffini, Romano Campagnoli, Mario Nanni, Paolo Patelli, Plinio Mesciulam, Giorgio Bellandi, Leonardo Poggiolini, Umberto Zannoni, Giulio Turci, Sergio Cicognani, Mario Bocchini, Vincenzo Stagnani, Nevio Bedeschi, Attilio Bragaglia, Aldo Pazzagli, Enzo Bongiovanni, Adriana Biondi, Augusto Zoboli, Antonio Bazzotti e Piero Bertolini. Nel 2007, nell’ex Convento dei Cappuccini, è stata ordinata da Giovanni Gurioli un’esposizione legata alla rivisitazione delle passate edizioni del Premio Silvestro Lega a confronto con la nuova manifestazione Ora Elabora 3 che ha proposto, invece, una selezione di giovani artisti contemporanei a confronto con i protagonisti che formano la raccolta di quadri acquisti dal Comune di Modigliana; hanno esposto Oscar Baccilieri, Maurizio Battaglia, Matteo Brucoli, Licia Brunelli, Silvia Camporesi, Carlo Cavina, Marco Di Giovanni, Oscar Dominguez, Filippo Farneti, Monika Gricko, Federico Guerri, Giovanni Gurioli, Ana Hillar, Chiara Lecca, Luca Morini, Nero, Fiorenza Pancino, Anna Rossi, Giovanni Ruggiero, Andrea Salvatori, Massimo Sansavini, Erich Turroni, Verter Turroni e Mattia Vernocchi.

Inaugurated in 1999 in Palazzo Pretorio, an imposing late 14th century building that was renovated and enlarged last century, the Pinacotheque holds a large collection for 19th and 20th century figurative art from Modigliana. Along with a prestigious group of works by the renowned artist Silvestro Lega, it also features an interesting collection donated by the collector Michele Campana in 1959. Artists whose works are on display include Annibale Gatti, Gino Barbieri, Baccio Maria Bacci, Armando Spadini, Edoardo Gordigiani, Luigi Servolini, and Domenico Baccarini. One section features paintings acquired beginning in the 1950s on the occasion of the National Painting Awards dedicated to Silvestro Lega. Overall, the collection provides original documentation on the trends and avant-garde movements of the second half of the 20th century, from historical abstracticism to optical and conceptual art, with works by, among others, Getulio Alviani, Concetto Pozzati, and Plinio Mesciulam. The exhibition ends with a number of other paintings (including The swimmers by the Faenza-born Francesco Nonni) acquired thanks to donations or within the framework of exhibitions sponsored by the Municipality.

The Pinacotheque had an incubation period of forty years, beginning when Michele Campana donated the initial collection to the municipal administration in 1959, for the purposes of establishing a museum dealing with 19th and 20th century art in Tuscany and Romagna, to be dedicated to the Modigliana-born macchiaolo painter Silvestro Lega. The search for a suitable home for the museum slowed the project down, until the medieval Palazzo Pretorio became available.
The Pinacotheque has four main sections: the first is dedicated to Silvestro Lega’s paintings; the second features post-impressionist paintings or works linked to the Strapaese movement, donated by Michele Campana; the third documents post-World War II avant-garde art, with works representing abstract expressionism, Op Art, and geometrical abstracticism acquired thanks to the Silvestro Lega Prize, active between 1959 and 1967 and again between 1975 and 1980; and the fourth features many varied donations and acquisitions, mostly of works by local artists. The Pinacotheque’s collection of 20th century and contemporary art includes paintings, drawings, and engravings by Tito Livio Macrini, Gino Romiti, Giulio Gherarducci, Romano Morando, Adelindo Tassi, Giovan Battista Crema, Francesco Bansi, Antonio Pietro Manca, Bruno Migliorini, Dino Sergio Chesini, Marco Guido Dal Monte, Giovanni Molteni, Domenico Rambelli, Gino Barbieri, Domenico Baccarini, Enrico Ludolf Verworner, Giovanni Malesci, Krimer (Cristoforo Mercati), Vincenzo Stagnani, Engel Pierini, Eduardo Gordigiani, Pietro Senno, Giovanni Pellis, Aldo Fortunati, Maria Baccio Bacci, Guglielmo Micheli, Luigi Varoli, Orazio Toschi, Igino Tuniz, Giovanni Sircana, Bruno Ricchi, Oreste Zuccoli, Umberto Cocci, Tommaso Della Volpe, Bruno Minucci, Tarcisio Cardinali, Giorgio Bossola, Alberto Caligiani, Giuseppe Golfieri, Eduardo Gordigiani, Anacleto Margotti, Armando Spadini, Pietro Dossola, Carmelo Floris, Giovanni Costetti, Giuseppe Fraschetti, Vincenzo Stagnani, Carlo Servolini, Bruno Pruno, Nevio Bedeschi, Pier Luigi Ponteri, Piero Ricci, Remo Gordigiani, Giovanni Gurioli, Sonia Micela, Miria Malandri, Vincenzo Stagnani, Maceo Casadei, Gino Mandolesi, Francesco Nonni, Riccardo Guarnieri, Fortunato Celli, Ugo Pierotti, Rina Ferri, Giorgio Bossola, Emanuele Cappello, Vittorio Tremante, Valentino Ghiglia, Mina Angelini, Vincenzo Sommaruga, Nerino Tassoni, Guido Codagnone, Gianna Spagna Nardi, Alfonsina Poggialini, Carmelo Zotti, Giovanni Fabbri, Irene Ugolini Zoli, Sergio Sasso, Concetto Pozzati, Getulio Alviani, Sergio Saviotti, Alfiero Tavanti, Giulio Ruffini, Romano Campagnoli, Mario Nanni, Paolo Patelli, Plinio Mesciulam, Giorgio Bellandi, Leonardo Poggiolini, Umberto Zannoni, Giulio Turci, Sergio Cicognani, Mario Bocchini, Vincenzo Stagnani, Nevio Bedeschi, Attilio Bragaglia, Aldo Pazzagli, Enzo Bongiovanni, Adriana Biondi, Augusto Zoboli, Antonio Bazzotti and Piero Bertolini. In 2007, in the former Capuchin Convent, Giovanni Gurioli curated an exhibition that compares the past editions of the Silverstro Lega Award with the new Ora Elabora 3 project, in which the work of young contemporary artists is compared with that of the authors of the paintings acquired by the Municipality of Modigliana; participating artists included Oscar Baccilieri, Maurizio Battaglia, Matteo Brucoli, Licia Brunelli, Silvia Camporesi, Carlo Cavina, Marco Di Giovanni, Oscar Dominguez, Filippo Farneti, Monika Gricko, Federico Guerri, Giovanni Gurioli, Ana Hillar, Chiara Lecca, Luca Morini, Nero, Fiorenza Pancino, Anna Rossi, Giovanni Ruggiero, Andrea Salvatori, Massimo Sansavini, Erich Turroni, Verter Turroni and Mattia Vernocchi.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.