IDRO - Ecomuseo delle Acque di Ridracoli - Bagno di Romagna

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Pubblicazioni e Cataloghi
IDRO Ecomuseo delle Acque di Ridracoli, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-20112, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 40.
Borgo di Ridracoli
47021 Bagno di Romagna (FC)
Tel: 0543 917 912
Fax: 0543 903 733
Storia e scienze naturali
Ecomuseo
Tematico
Zoologia
Il museo è organizzato secondo un sistema espositivo in cui il visitatore e' accompagnato alla scoperta dei segreti dell'acqua e della foresta, attraverso l'ausilio di elementi espositivi, modellini, esperimenti scientifici e giochi interattivi. Il percorso si articola in poli tematici, paesaggistico, tecnologico e naturalistico, localizzati lungo la diga. All'interno della sede centrale, collocato all'ultimo piano, si trova uno spazio dedicato alla Fauna della Vallata del Bidente, composta da esemplari provenienti dal Museo Naturalistico di Ridracoli. L'allestimento della collezione ha richiesto, causa gli spazi ridotti, una selezione degli esemplari del precedente museo che sono stati collocati in sale appositamente allestite per ricreare l'ambiente naturale d'origine. Una prima sala ospita gli ungulati e i grandi erbivori, la successiva i predatori: lupi, volpi, mustelidi e aquile reali, la terza e la quarta espongono rapaci diurni e notturni ed infine l'ultima è dedicata alle specie non più presenti nella vallata.

The Museum’s exhibits aim to help visitors discover the secrets of waterways and forests, through dioramas, models, scientific experiments, and interactive games. The exhibition includes landscape, technology, and natural history sections, located along the Ridracoli dam. The last floor of the Museum’s headquarters hosts a section on the fauna of the Bidente valley, featuring specimens from the Ridracoli Natural History Museum. Due to the limited available space, it contains selected specimens from the former museum, displayed in exhibits that re-created their original natural habitats. The first features ungulates and large herbivores, the second predators – including wolves, mustelids, foxes, and Golden Eagles - the third and fourth respectively feature diurnal and nocturnal raptors, while the last features species no longer present in the valley.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.