Musei Civici - Museo del Tricolore - Reggio Emilia

Orari e Tariffe
Settembre – giugno: martedì - venerdì 9-12, sabato, domenica e festivi 10-13 e 16-19, chiuso lunedì (apertura a richiesta per le scuole). Luglio – agosto: martedì - sabato 21-23, domenica e festivi 21-23, chiuso lunedì. Gratuito Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Pubblicazioni e Cataloghi

Collina C., Farioli E., C. Poppi C. (a cura di),  Bandiera Dipinta: Il tricolore nella pittura italiana 1797-1947,  Catalogo della mostra, Reggio Emilia, 2003.

Musei Civici: Museo del Tricolore, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-20112, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 94.

Museo del Tricolore, in Cantieri culturali: allestimenti, didattica, catalogazione e restauro nei musei dell'Emilia-Romagna, Bologna, Istituto Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia Romagna, 2006, p. 9.

Festanti M. (a cura di), Il Museo del Tricolore, Comune di Reggio Emilia, Musei Civici, Reggio Emilia 2000.

Tamassia P., Museo del Tricolore, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 54, n. 18.
Piazza Prampolini, 1
42121 Reggio Emilia (RE)
Tel: 0522 456 033
Fax: 0522 456 476
Storia
Risorgimento
Storia moderna
Il Museo del Tricolore è stato inaugurato nel 2004 nei locali adiacenti alla storica Sala dove il 7 gennaio 1797 è nata a Reggio Emilia la bandiera tricolore. Luogo elettivo della storia civica reggiana, dalla caratteristica morfologia ellittica a palchetti, quest'ultima fu realizzata tra il 1754 e il 1774 dall'architetto L. Bolognini per l'archivio comunale, poi trasferito nel palazzo di S. Giorgio.
Il percorso museale documenta con criteri storiografici innovativi gli episodi più importanti legati alla storia della bandiera nazionale in rapporto con l’evoluzione della storia del Risorgimento italiano. L’ordinamento mette in stretto rapporto la storia della nostra bandiera nel corso delle vicende che dai primi moti portarono all’unità del Paese e il contributo offerto dai reggiani alle battaglie per il riscatto nazionale.
La struttura espositiva della prima sezione del Museo illustra – attraverso stampe, dipinti, armi, cimeli e disegni ma anche ricostruzioni d’ambiente - la storia delle vicende politiche di Reggio Emilia dalla nascita nel 1796 della Repubblica Reggiana al 1814 con l’inizio della Restaurazione.
Nella seconda sezione sono esposti i documenti originali ed i cimeli relativi alle vicende storiche del Risorgimento nazionale, fino almeno al 1897, l’anno delle grandi celebrazioni reggiane del primo Centenario del Tricolore che ebbero il loro culmine nel celebre discorso di Carducci.
Ai documenti storici sono affiancati strumenti audiovisivi moderni che agevolano la lettura dell'itinerario espositivo e del significato della Bandiera come simbolo di eccellenza dell’identità nazionale.

The Museum of the Tricolore was inaugurated in 2004 in the rooms next to the historic Hall where - on 7 January 1797 - the famous tricolour flag was first conceived in Reggio Emilia. The elective headquarters of Reggio’s civic history - with its distinctive appearance, rendered unique by its elliptical stages - the building was the work of the architect, L. Bolognini, and was constructed between 1754 and 1774. Originally, it had been designed to house the municipal achieve, although this was later moved to Palazzo di S. Giorgio. Today, the Museum provides a record of some of the most important moments in the history of the country’s flag as well as of the Risorgimento movement in Italy using innovative histographic criteria. The Museum has been organised specifically to highlight the profound connection between the history of Italy's flag and the episodes that brought about its unification, in addition to the contributions that Reggio's inhabitants made to the battles for the country’s redemption. The first section of the Museum contains prints, paintings, arms, memorabilia, and drawings, as well as reconstructions of settings. It illustrates the political events that took place in Reggio Emilia, from the birth of the Repubblica Reggiana in 1796 to the start of the Restaurazione in 1814. The second section of the Museum contains original documents and mementos connected to historical events of the Risorgimento, up to at least 1897, when Reggio held its great celebration for the first Centenario del Tricolore (Centenary of the Italian flag), which culminated in a famous speech by Carducci. Modern audiovisual instruments are provided alongside historical documents to facilitate visits as well as highlight the meaning of the flag as a symbol of excellence for national identity.


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.