Musei Civici - Galleria Parmeggiani - Reggio Emilia

Orari e Tariffe
Settembre – giugno: martedì - venerdì 9-12, sabato, domenica e festivi 10-13 e 16-19, chiuso lunedì (apertura a richiesta per le scuole). Luglio – agosto: martedì - sabato 21-23, domenica e festivi 21-23, chiuso lunedì.
Gratuito Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Pubblicazioni e Cataloghi

Hayward J.F., Blair C., Campbell M., Oreficerie della Galleria Parmiggiani


Perez Sanchez A.E., I dipinti spagnoli della Galleria Parmiggiani, Casalecchio di Reno (BO), Grafis edizioni, 1988.


Ambrosetti G., Farioli E., Guida introduttiva alla Civica Galleria Anna e Luigi Parmeggiani. Raccolte Ignacio Leon y Escosura, Cesare Detti, Louis Marcy, Luigi Parmeggiani, Reggio Emilia, 1988.


Cuoghi Costantini M., Tessuti e costumi della Galleria Parmiggiani, Bologna, Grafis edizioni, 1984.


Boccia L., Armi antiche delle raccolte civiche reggiane, Reggio Emilia, 1984.

Musei Civici: Galleria Parmeggiani, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-20112, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 93.

Blair C., Campbell M., Louis Marcy: oggetti d'arte della Galleria Parmeggiani di Reggio Emilia, Torino, Allemandi, 2008.

Farioli E., Reggio Emilia: la Galleria Anna e Luigi Parmeggiani, in Atti del convengo: Case e museo e allestimenti d'epoca: interventi e recupero museografico a confronto, Torino, Centro Studi Piemontesi, 2003.

Farioli E., La Galleria Parmeggiani di Reggio Emilia: guida alla collezione, Reggio Emilia, Musei Civici, 2002.

Cuoghi Costantini M., Civica Galleria “Anna e Luigi Parmeggiani”, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, pp. 53-54, n. 17.

Cuoghi Costantini M., Tessuti e costumi della Galleria Parmeggiani, Bologna, 1994.

Perez A., I dipinti spagnoli, Casalecchio di Reno, Grafis, 1988.

Ambrosetti G., Farioli E., Guida introduttiva alla Civica Galleria Anna e Luigi Parmeggiani. Raccolte Ignacio Leon y Escosura, Cesare Detti, Louis Marcy, Luigi Parmeggiani, Reggio Emilia, Municipio di Reggio Emilia, 1988.
C.so Cairoli, 1
42121 Reggio Emilia (RE)
Tel: 0522 451 054
Arte
Arti applicate
Arte medievale (XI-XV secolo)
Arte moderna (XVI-XIX secolo)
Casa-museo/dimora storica
Singolare esempio di casa-museo privata, la galleria ha sede nel palazzetto in stile eclettico eretto tra il 1924 e il 1930 su progetto di Ascanio Ferrari per ospitare le raccolte d'arte del collezionista Luigi Parmeggiani (Reggio Emilia, 1860-1945). Compongono la raccolta arredi, armi, oreficerie, tessuti e dipinti antichi che offrono una panoramica sulla produzione artistica europea dal medioevo al XIX secolo, testimoniando l'interesse artistico e il valore documentario dei diversi settori. L'ingente patrimonio, accorpato nella Parigi cosmopolita dell'ultimo quarto dell'Ottocento e trasferito a Reggio Emilia nel 1924, in occasione del rientro del Parmeggiani in patria, venne acquistato dal Comune insieme al palazzo, e reso pubblico nel 1932.
A Parigi il collezionista si era rifugiato nel 1886, a causa dei trascorsi anarchici. Qui, sotto lo pseudonimo di Louis Marcy, si impegnò nella commercializzazione di oggetti d'arte decorativa per Ignacio Leon y Escosura, pittore, mercante d'arte e collezionista, dando avvio alla “produuzione Marcy”. Nel 1920 sposò Anne Detti, figlia del pittore spoletino Cesare Detti (1847-1914) e della sorella di Escosura. Giunse così a Reggio un patrimonio formato dalla raccolta Escosura, da un nucleo di dipinti Detti e da alcuni falsi Marcy, accanto a oggetti di manifattura ottocentesca, e tra questi armi e gioielli, la cui produzione più recente, occultata dal Parmeggiani, è tuttora oggetto di studi.


Dopo un lungo periodo di chiusura, la galleria è stata riaperta al pubblico nel 1988. Lungo l'itinerario di visita, introdotto da un portale moresco (sec. XV) e articolato in dodici sale, si ammirano, in ordine progressivo, marmi, terrecotte, armi (da segnalare un nucleo di spadini dal XVII al XIX secolo); seguono gli oggetti eseguiti in Francia in forme rinascimentali intorno al 1840 e alcuni pezzi della produzione Marcy.

Il percorso prosegue con le sale dedicate ai gioielli, ai costumi e ai tessuti, alcuni utilizzati dall' Escosura per i dipinti d'ambientazione che con i quadri del Detti costituiscono la sezione “moderna” della raccolta figurativa.

Il nucleo dei dipinti antichi, una cinquantina, è distribuito secondo una suddivisione per scuole, fiamminga, franco-inglese e spagnola, rappresentata da un sorprendente gruppo di capolavori “che in Italia, paese non particolarmente ricco di testimonianze di quest'area, acquista un significato particolare” (Alfonso Perez Sanchez). Tra questi, il Salvatore benedicente di El Greco, il Ritratto di matematico di Jusepe De Ribera e Il ratto d'Europa di Giovanni Francesco Romanelli. Da segnalare, nella sezione fiamminga, il pregevole Trittico di Bruges.

Chiudono il percorso le sale Escosura con i quadri dell'artista spagnolo: sono ritratti e soggetti storici tra ricostruzioni d'ambiente suggestive che comprendono, talvolta, gli oggetti stessi della galleria.


A singular example of a private museum-home, the gallery is located inside an eclectically-styled building constructed sometime between 1924 and 1930. Designed based on a project by Ascanio Ferrari, the structure was erected to house works of arts belonging to the collector, Luigi Parmeggiani (Reggio Emilia, 1860-1945). His collection consists of furnishings, arms, jewellery, and fabrics, as well as ancient paintings, which provide an overview of European art from the middle ages to the 19th century, reflecting the artistic interests and documentary value of the different sectors. This considerable collection - created in cosmopolitan Paris during the last twenty-five years of the 19th century and transferred to Reggio Emilia in 1924 upon Parmeggiani’s return to Italy - was acquired by the municipality together with the palazzo and was opened to the public in 1932. As a result of his anarchic past, Parmeggiani had sought refuge in Paris in 1886. There, under the pseudonym of Louis Marcy, he became engaged in marketing decorative art objects for Ignacio Leon y Escosura - a painter, art merchant, and collector – and established “produzione Marcy”. In 1920, Parmiggiani married Anne Detti, Escosura’s sister and the daughter of the Spoleto-born painter, Cesare Detti (1847-1914). As such, Reggio acquired a legacy which was made up of Escosura’s collections, some paintings by Detti, and a few false Marcys, as well as a number of 19th century objects, including arms and jewellery, whose more recent production – concealed by Parmeggiani – continues to be the subject of study today.

After closing its doors for an extended period of time, the gallery was reopened to the public in 1988. Visits to the Museum begin a Moorish portal (15th century) and continue along the length of twelve rooms. Here, visitors can admire marbles, terracotta objects, and arms (special mention must be made of a collection of small swords from the 17th to the 19th centuries), followed by Renaissance-style French objects from around 1840, and a number of Marcy pieces.
The tour continues with rooms devoted to jewels, costumes, and fabrics, some of which were used by Escosura for his scenery paintings. Together with Detti’s canvases, they make up the “modern” part of the figurative collection.
A collection of approximately fifty antique paintings is also on display at the Museum. Ordered by school - Flemish, Franco-English, and Spanish – it contains a surprising number of masterpieces that “in Italy, a country that is not particularly abounding in works from this period, acquires its own, unique significance” (Alfonso Perez Sanchez). The collection includes a particularly striking Salvatore Benedicente (Blessing Saviour) by El Greco, the Ritratto di Matematico (Portrait of a Mathematician) by Jusepe De Ribera, and the Ratto d’Europa (Rape of Europa) by Giovanni Francesco Romanelli. Moreover, the Flemish section also contains and superb Triptych by Bruges.
The last few rooms in the Museum are dedicated to Escousura and feature the works of the Spanish artist. They contain portraits and paintings of historical subjects surrounded by striking reconstructions of settings which, sometimes, include objects from the actual gallery.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.