Museo della Bilancia - Campogalliano

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Accessibile
Servizi
Tipologia Collezioni
Pubblicazioni e Cataloghi

Apparuti L., Luppi G. (a cura di ), Stadere/Steelyards, Museo della Bilancia-Libra 93, Campogalliano 2008.


Alessandrini R. (a cura di), La Mala Misura. Antologia di bilance ingannevoli e pesi falsi, Mobydick Editore, Faenza 2006.


Gianelli G., Zavattoni G. (a cura di), Il Leone e la bilancia. Bilance e pesi per monete di Venezia, Accademia Italiana di Studi Numismatici, Vicenza, 2003.


Zavattoni G., Bilance e strumenti per pesare le monete (metà XVII-XX secolo) di una collezione privata Edizioni ennerre, Milano, 2003.


Luppi G. (a cura di), Museo della Bilancia, Campogalliano (MO): Piano museale 2002, Regione Emilia-Romagna, Istituto per i beni artistici, culturali e naturali, Bologna, Centro regionale per il catalogo e la documentazione, 2002.


Apparuti L., Dall'Olio C. (a cura di), Pesare in camera oscura: La bilancia fotografata dal 1890 agli anni Sessanta, rfm Edizioni, Modena 2002.


Corti C., Giordani N. (a cura di), Pondera. Pesi e Misure nell'Antichità, Editore Libra 93, Campogalliano 2001.


Dameri D., Lodovisi A., Luppi G. (a cura di), La Bona Opinione. Cultura scienza e misure negli stati estensi, 1598-1860, Edizioni Museo della Bilancia, Campogalliano 1997.


Calegari M., Gabrietti G., Saper fare. Ricordi di un bilanciaio di Campogalliano, a cura del Centro Documentazione del Museo della Bilancia, CLUEB, Bologna 1996.


Palmirani R., Mussini M., Collezione Palmirani. 1894-1994. Cento ex libris nel segno della bilancia, Luppi G. (a cura di), Edizioni Museo della Bilancia, Campogalliano 1995.


Il Museo della Bilancia, catalogo Electa, 1995.


Grossi L., Vaughan D., Menna E., Dragoni G., Bilance a bracci uguali / Equal arm balances, testo italiano-inglese, a cura di Luppi G., Edizioni Museo della Bilancia/Il Bulino, Modena-Campogalliano 1993.

Museo della Bilancia, in I musei di qualità della regione Emilia-Romagna 2010-2012, Bologna, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, 2010, p. 54.

Museo della Bilancia, in Cantieri culturali: allestimenti, didattica, catalogazione e restauro nei musei dell'Emilia-Romagna, Bologna, Istituto Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia Romagna, 2006, p. 27.

Museo della Bilancia, in i luoghi delle idee. Musei e Raccolte della provincia di Modena, Modena, Provincia, 2005, pp. 56-57.


Tamassia P., Museo della Bilancia, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 60, n. 2.


Gibertoni R. , Melodi A., Luppi G. (a cura di), Il Museo della Bilancia di Campogalliano, Milano 1995.
Via Garibaldi, 34/a
41011 Campogalliano (MO)
Tel: 059 527 133
Fax: 059 527 084
Specializzato
Tematico
Meccanica
Impresa
Territorio di produzione pionieristica, Campogalliano, nel 1989 si dota di un museo unico in Italia: il Museo della Bilancia che espone oltre 200 strumenti (gli altri 650 circa e tutto il patrimonio librario ed archivistico sono comunque visitabili su richiesta nel deposito ordinato) nello stabile recuperato della ex distilleria della cantina sociale.

La visita inizia, dopo avere percorso un corridoio lungo il quale è collocato il "muro iconico" che con suggestioni visive ci introduce ai concetti di bilancia e peso, nel Labirinto dei fenomeni dove è possibile pesarsi e vedere il proprio peso, oltre che sulla Terra, anche nelle condizioni simulate di gravità che avremmo sulla Luna e su Giove; qui si può interagire con dei computer per conoscere la bilancia a bracci uguali, il dinamometro e la bilancia inerziale.

La "Galleria dei mestieri e delle professioni" raccoglie gli strumenti di pesatura utilizzati nel mestiere della macelleria. La sezione espone oltre 20 bilance, dalle ottocentesche stadere in ferro alle bilance da banco in marmo con i piatti in opaline o granito, dalle bilance con testa a orologio degli anni Cinquanta alle pesa prezzo a scala elettro ottica degli anni ’70, dal bastone da passeggio con ippometro per misurare l’altezza al garrese dei cavalli alle bilance del soppresso macello comunale di Campogalliano, dalla pesa aerea da mattatoio ad un modellino di pesabovini con ringhiera. L’oggetto simbolo della sezione è una raffinata stadera pesacarne, costruita a Torino nel 1907 e decorata da fregi in ottone a testa di bue ed utilizzata come immagine di sfondo anche nei pannelli didattici, rinnovati nella veste grafica e ricchi di iconografia che spesso si rifà alle bilance esposte. Nella parte finale della sezione un divertente gioco interattivo con il quale il visitatore può scoprire segreti e meraviglie di un prodotto da macelleria recentemente rivisitato nel territorio di Campogalliano: la salsiccia gialla.

Al primo piano, nel "Canale della storia" gli strumenti sono esposti cronologicamente partendo dalla stadera romana in bronzo fino ad arrivare alle contemporanee celle di carico per le bilance elettroniche; lungo il percorso si vedono esposte alcune curiosità fra cui un calibro per la misura della suola delle scarpe, un metro campione costruito a Modena nell’officina metrica del ducato estense nel 1856-57, una grandiosa bilancia da laboratorio, una bilancia a forma di penna, una preziosa pesalettere intarsiata, una bilancia a pendolo pesauova americana ed una con il piatto richiudibile per pesare il pesce vivo durante le gare di pesca. All’inizio del canale è posizionata una spettacolare stadera che veniva utilizzata per pesare il ghiaccio nel 1876 in una fabbrica sull’isola della Giudecca a Venezia.

La sezione successiva è "Campogalliano. Città della bilancia", nella quale si ricrea un esterno con un acciottolato che evoca una piazza: il Museo vuole proiettarsi all’esterno e identificarsi con il territorio di Campogalliano nel quale sono ancora leggibili i segni - evidenziati in un grande plastico - di una vocazione artigianale ed industriale che ha trovato nella bilancia il proprio genius loci. Gli strumenti in questa sala sono stati costruiti a Campogalliano.

Infine la "Galleria delle bascule e delle grandi stadere", dedicata a strumenti di grosse dimensioni: grandi stadere pesafantino o per pesare le “forme” di parmigiano-reggiano o le botti, bascule in legno di diverse tipologie e bascule pesapersone e pesaneonati.

All’esterno del museo, nel giardino adiacente, una pesa ponte funzionante 24 ore su 24 consente ai passanti, anche in gruppo, di pesarsi e di ammirare le leve della pesa colorate nella loro diversità a formare un vero e proprio "Arcobaleno di leve".


The town of Campogalliano has long been a pioneer in the production of balance scales, and since 1989 it has had a one-of-a-kind museum in Italy: the Balance Scale Museum, which displays over 200 such instruments (the remaining 650, along with the library and archives, are stored in the Museum’s warehouse and can be viewed upon request) in the former distillery of the local wine cooperative.

After walking through a long hallway featuring an “iconic wall” that uses imagery to introduce the concepts of balances and weight, the visit begins in the “Labyrinth of phenomena” where visitors can weigh themselves and see their weight displayed not only as it appears on planet Earth, but also, through simulated gravity conditions, on the moon and on Jupiter. Visitors can also interact with computers to learn about equal-arm balances, spring scales, and inertia balances.
The "Gallery of trades" draws together weighing instruments used by butchers. This section displays over 20 balances, from 19th century iron steelyard balances to marble bench scales with granite or opaline pans; from 1950s high dial scales to 1970s electro-optical weighing and pricing balances; from walking sticks with hippometers to measure a horse’s height at the withers to the weighing scales used in Campogalliano’s former municipal abattoir; from slaughterhouse hanging scales to a small model of a cattle scale with railings. The section’s most emblematic piece is a sophisticated steelyard balance, used to weigh meat, built in Turin in 1907 and decorated with brass bull’s head friezes; it is used as the background image for the Museum panels, with their new layout featuring rich imagery that often references the balances on display. The final part of the section includes a fun interactive game that helps visitors discover the secrets and wonders of one of Campogalliano’s newly rediscovered pork products: the yellow sausage.
On the first floor’s “Walk through history” the instruments are displayed in chronological order, starting with ancient Roman bronze steelyard balances and ending with contemporary load cells for electronic balances; along the way there are several curios including a calibre for measuring the soles of shoes, a sample yardstick built in Modena in the Duchy of Este’s measurement tools workshop in 1856-7, a grandiose laboratory scale, a pen-shaped scale, a valuable inlaid letter scale, an American pendulum egg scale, and a scale with a covered pan to weigh live fish during fishing competitions. At the beginning of the walk, there is a spectacular steelyard balance that was used to weigh ice in 1876 in a factory on Venice’s Giudecca island.
The next section is called "Campogalliano. City of scales", and it re-creates an exterior, gravel-covered courtyard that recalls a town square: the Museum aims to project itself on the outside and identify with the Campogalliano area, which still bears the signs - highlighted in a large raised-relief map – of an artisanal and industrial vocation that found its genius loci in weighing instruments. All the tools exhibited in this hall were built in Campogalliano.
Finally, the "Weighbridge and large steelyard balance gallery" is dedicated to large weighing instruments, such as large steelyard balances used to weigh jockeys, wheels of Parmesan cheese, or barrels; various types of wooden weighbridges, and weighbridges used to weigh people or newborn infants.
Outside the Museum, in the adjacent garden, a weighbridge allows passers-by – either alone or in groups – to weigh themselves 24 hours a day, and to admire its colourful levers as they form a “rainbow of levers”.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.