Museo Carlo Zauli
Via della Croce, 6
Faenza (RA)
Zauli Carlo
1926/ 2002
scultura

grès
cm 108 (la) 96,5 (a) 70 (p)
sec. XX (1984 - 1984)
La tipologia del "cubo esploso" sintetizza appieno tutta l'importanza dell'opera di Carlo Zauli nella scultura italiana del secondo Novecento: partendo da una forma geometrica perfetta (in questo caso il cubo) l'artista modula la superficie in modo profondo e naturale, tanto che essa si ritrova a essere in se stessa un frammento di pura Natura, testimoniandone l'energia, la sensualità, la ricchezza plastica.
L'opera in oggetto è uno degli esempi più potenti di tale progetto artistico, dalla superficie potente, sensuale e armoniosa al tempo stesso, ricoperta di bianco-grigio tipico dell'artista, tanto che questo smalto venne chiamato internazionalmente "Bianco Zauli".