MEB - Museo Ebraico di Bologna
Via Valdonica, 1/5
Bologna (BO)
manifattura italiana (?)
Tallit

seta/ ricamo
cm 49 (la) 88 (a)
sec. XIX (1800 - 1899)
Tessuto diagonale barrato con disegno a bande alterne orizzontali in seta avorio e grigio azzurre della medesima altezza intercalate da una banda più alta azzurra. Gli angoli della Tallit sono ornati da un motivo decorativo a tre fiori ricamati in color avorio. Ai bordi ha le classiche frange (tzitzit o zizzit) dello scialle di preghiera ebraico.

Il Tallèd o Tallit, anche definito 'scialle di preghiera', è una stoffa quadrangolare, solitamente di lana, di seta o di cotone, ai cui quattro angoli pendono degli tzitzit, indossato dagli uomini nella preghiera mattutina e in particolari occasioni solenni come nel giorno del Kippùr (Espiazione) in cui viene portato tutto il giorno. Il Tallìt generalmente è di colore bianco, ma con alcune righe blu in analogia con il filo blu dei fiocchi posti ai suoi angoli. E' costume degli ebrei tradizionalisti di indossare sotto i vestiti un piccolo quadratino di stoffa anch'esso munito dei fiocchi prescritti, che si chiama "piccolo talled" (tallit katan). Le frange servono per adempiere il comandamento espresso dalla Torah: "metterai delle frange alle quattro estremità del mantello con cui ti copri" (Libro del Deuteronomio 22:12).