Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea: Fondo Michelangelo Antonioni - Ferrara

Orari e Tariffe
Per orari di visita e costi del biglietto consultare il sito web o contattare telefonicamente.
Tipologia Collezioni
Pubblicazioni e Cataloghi
Collina C. (a cura di), I luoghi d'arte contemporanea in Emilia-Romagna: arti del Novecento e dopo, Bologna, Compositori, 2004, pp. 140-141.


Guarino M., Museo Michelangelo Antonioni, in Musei in Emilia Romagna, Bologna, Compositori, 2000, p. 134, n. 26.


Antonioni M., Le montagne incantate ed altre opere, catalogo della mostra, Ferrara, 1993.

Tassini A., I film di Michelangelo Antonioni, Roma, Gremese Editore, 1990.


Rohdie S., Antonioni, London, BFI, 1990.


Lyons R., Michelangelo Antonioni's Neo-realism: A World View, New York, Arno Press, 1973.


Rifkin N., Antonioni's Visual Language, Ann Arbour (Michigan), UMI, 1982.
Palazzo Massari
Corso Porta Mare 5
44121 Ferrara (FE)
Tel: 0532 244 949
Fax: 0532 205 035
Arte
Arte contemporanea attuale (1950 ad oggi)
Le opere pittoriche e i blow up delle Montagne incantate di Michelangelo Antonioni costituiscono un’importante sezione del Fondo Michelangelo Antonioni, l’archivio personale del regista che racconta la sua attività professionale dall’inizio della carriera fino alla metà degli anni Novanta, acquistato dal Comune di Ferrara nel 1998 e conservato dalle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea della città. Si tratta di un ricchissimo corpus di materiali eterogenei che, oltre alla produzione pittorica, comprende la biblioteca e la discoteca del regista, le pellicole, la corrispondenza, l’archivio fotografico dei film e dei documentari, i premi, la rassegna stampa, scritti vari, tra cui sceneggiature, soggetti, appunti, manifesti dei film e alcuni oggetti personali.
Nel 2015 ha preso il via un intervento di inventariazione archivistica e catalogazione del fondo che ha interessato anche la produzione pittorica: 371 opere, suddivise in “opere piccole, medie e grandi”, “le montagne incantate”, “oli e ritratti”, realizzati su carta e cartoncini con varie tecniche, e i “blow up” delle Montagne incantate, gli ingrandimenti fotografici degli originali (a volte di dimensioni ridottissime).




Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.