Teatro Cinema Giuseppe Sarti - Faenza

Elementi caratterizzanti
Dati tecnici
pianta ellittica con gallerie
350 posti
Pubblicazioni e Cataloghi
La casa del Popolo di Faenza: 1905-2005: un secolo di vita, un pezzo di storia della casa, del suo primo teatro G. Sarti e delle associazioni cattoliche ospitate, a cura di Salvatore Banzola, Faenza 2007
Via Carlo Cesare Scaletta, 10
48018 Faenza (RA)

opera di inaugurazione:
conferenza e concerto
Fondazione: prima metà sec. XX
La costruzione di questo teatro viene avviata nel novembre del 1907 per volontà della Società Anonima Cooperativa “Casa del Popolo” di Faenza che intende avvalersi delle arti sceniche per diffondere tra la gente i principi della religione cristiana e al tempo stesso: “[…] informare i costumi coll’onesto diletto, al vero, al buono e al bello […]” (La Casa …, 2007, p. 37-38). Con questo intento nel 1906 la cooperativa acquista un immobile in via Scaletta fino ad allora destinato a stallatico per i cavalli della corriera per Modigliana, in un’area che anticamente era stata occupata dalla chiesa e dal convento dei Celestini.
Autore del progetto è l’architetto Vincenzo Pritelli cui subentra l’ingegner Enrico Camangi cui spetta il compito di portare a termine il teatro.
L’inaugurazione ha luogo il 29 maggio 1910, la serata prevede una conferenza sul musicista faentino Giuseppe Sarti, cui il teatro è dedicato, tenuta dal professor Andrea d’Angeli del Liceo Rossini di Pesaro, intercalata da brani musicali per voce e piano, seguono i cori della Società Orfeonica bolognese che intepretano brani di Schumann, Beethoven e Mendelssohn.
Posto in pieno centro storico in una via secondaria ma a poca distanza da piazza del Popolo, esternamente il Sarti non presenta alcuna caratteristica particolare.
Da un piccolo ingresso biglietteria si accede ad un’ampia sala che funge da foyer, caratterizzata da lesene e sovrastante cornicione che corre lungo tutto il perimetro. Accanto vi è un piccolo ambiente adibito a caffetteria.
La sala teatrale si caratterizza per la forma a emiciclo con due ordini di gallerie sostenute da eleganti colonne con capitelli in gesso, più robuste al piano terra si assottigliano nei due ordini successivi, le balconate dei palchi sono a fascia, lisce e con un morbido profilo mistilineo.
Il secondo ordine si caratterizza per un gioco di arcate e vele. Su sette ampie arcate a sesto ribassato, sostenute dalle colonne che qui hanno curiosi capitelli tondeggianti decorati con foglie d’acanto, poggia la cupola del soffitto dalla forma schiacciata al cui centro si apre un ampio lucernaio rotondo ora chiuso da una grata ma che un tempo era utilizzato nei trattenimenti diurni. L’arcoscenico ha profilo ellittico ed è ornato sulla sommità da motivi che richiamano le valve delle conchiglie, alle estremità è decorato dai classici mascheroni teatrali, tragico da un lato comico dall’altro.
L’intera struttura è stata al tempo realizzata in cemento armato fornito dalla ditta dell’ingegner Lambertini di Bologna.
Priva di decorazioni pittoriche l’intera sala è tinteggiata e presenta tre coloriture, bianco il soffitto e i capitelli, rosso bordeaux per pareti e colonne, mentre in grigio sono le fasce delle balaustre e i motivi a conchiglia del boccascena.
Benché da tempo non sia più utilizzabile, in quanto notevolmente ridotto per l’installazione dello schermo cinematografico, è ancora presente e in discrete condizioni il palcoscenico originale nella sua interezza. Da un accesso sul retro sono tuttora visibili una parte delle graticciate, le scale e i ballatoi lignei tuttora in loco che hanno servito un palco di tutto rispetto.
Lo schermo per le proiezioni cinematografiche posto sul palco ha tuttavia lasciato uno spazio utilizzabile per conferenze e spettacoli che non necessitano di spazio e complesse scenografie.
Fin dal 1913 la “Casa del Popolo” stipulò un contratto con un privato per la realizzazione di spettacoli cinematografici in questa sala. Nel dicembre del 1933 in teatro fu installata una moderna macchina cinematografica e nella nuova veste il locale fu definito "il Re dei cinematografi".
Dall'inizio degli anni sessanta la programmazione del Sarti ha tenuto in particolare riguardo il cinema di qualità fino a diventare un punto di riferimento per la cinematografia d’essai. Iscritto alla F.I.C.E. il Sarti è inserito nel circuito "Schermi di Qualità" che sostiene il cinema di buon livello qualitativo italiano ed europeo.
Nel giugno del 2000 il teatro cinema Giuseppe Sarti è stato acquistato dal Comune.
(Lidia Bortolotti)



Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.