via Montebello
Piacenza (PC)
Data di costruzione / dismissione: 1948 - 1999
Nel complesso della manifattura tabacchi venivano svolte le attività di stoccaggio e conservazione dei tabacchi greggi, confezionate e immagazzinate le stecche di sigarette e di altri prodotti dei Monopoli di Stato. Dopo la creazione dell'Ente Tabacchi Italiani nel 1998, era iniziato il processo di dismissione di tutti gli impianti destinati alla produzione e allo stoccaggio dei tabacchi in Italia e la manifattura piacentina aveva seguito lo stesso destino. Tali opifici e magazzini erano stati ceduti alla fine del 2003 alla Fintecna, società finanziaria pubblica incaricata di collocare sul mercato i beni statali. La manifattura si trova nel quartiere Infrangibile, sorto ai primi del Novecento, nella parte occidentale di Piacenza. Lo sviluppo del quartiere iniziò nel secondo dopoguerra quando gli abitanti delle frazioni circostanti giunsero a Piacenza in cerca di lavoro e qui costruirono le loro abitazioni su lotti di terreno non ancora ordinati dal piano regolatore. Il nome del quartiere pare derivi da una vetreria che produceva articoli infrangibili, novità per quegli anni, ed in tal modo venne chiamata anche la fermata della tramvia che collegava la città alla località di Sant’Antonio, passando di fronte alla vetreria, lungo la via Emilia Pavese. Concluse le attività stoccaggio e di conservazione dei tabacchi greggi, dal 2009 è in corso un intervento di riqualificazione urbana dell’intero comparto. Il piano di recupero della manifattura tabacchi prevede la demolizione parziale delle volumetrie esistenti e la realizzazione di nuovi insediamenti residenziali con annesse funzioni commerciali.