FONTE
FONTE
Titolo operaIscrizione funeraria di Valerio Saturnino
AnnoII/III sec. d.C.
EpocaAlto Imperiale
NoteCIL XI, 343, reimpiegata nella pieve di San Giorgio d'Argenta. Museo Arcivescovile di Ravenna.
PASSO
Testo originaleD(is) M(anibus) / M(arci) Val(eri) Satur(nini) / III(triere) Piet(ate) / vix(it) an(nos) XX / mil(itavit) men(ses) VI / M(arcus) Val(erius) Capit(o) / ex e(adem) her(es) fr(ater) / L(ucius) Dom(itius) Mart(ialis) / dup(licarius) sub(heres) p(onendum) c(uraverunt) / ite(m) V(pentere) Aug(usto) / M(arci) Sesti Pude(ntis) / n(atione) Del(matae) vix(it) an(nos) / XXVIII mil(itavit) an(nos) / VIIII III(triere) Piet(ate) M(arcus) / Val(erius) Capito f/r(ater) h(eres) b(ene) m(erenti) po(nendum) curavit.
TraduzioneAgli dei Mani. A Marco Valerio Saturnino, della trireme Pietas, che ha vissuto vent’anni e che fu in servizio militare per sei mesi, Marco Valerio Capitone, della stessa (trireme), fratello ed erede, e Lucio Domizio Marziale, beneficiario di doppia paga, coerede, si preoccuparono della realizzazione. Inoltre a Marco Sestio Pudente, della quinquereme Augusto, nativo della Dalmazia, che ha vissuto ventotto anni e che fu in servizio militare per nove anni, Marco Valerio Capitone, della trireme Pietas, fratello ed erede si preoccupò di realizzare al benemerito.
NoteIscrizione funeraria di due commilitoni classiari.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 17/07/2015
fonte

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.