FONTE
FONTE
Titolo operaIscrizione funeraria del banchiere Giorgio
Anno581 d.C.
Periodoetà bizantina
EpocaAlto Medioevo
NoteCIL XI, 350 = RUGO III, 35 = Collezioni Museo Arcivescovile, pp. 36-37 (trad. P. Novara), trovata nella chiesa di San Zaccaria nel Decimano. Museo Arcivescovile di Ravenna.
PASSO
Testo originaleHic requiescit in pace / Georgius v(ir) c(larissimus) argenta/rius filius Petri v(iri) c(larissimi) ar/gentarii Iun(ior) qui vixit / ann(os) pl(us) m(inus) XVII dep(ositus) sub d(ie) / prid(ie) Nonar(um) Aug(ustarum) ind(ictione) XIIII / Imp(eratore) d(omi)n(o) n(ostro) Tiberio Constantino / p(er)p(etuo) Aug(usto) anno VII et p(ost) c(onsulatum) / eiusdem anno III.
TraduzioneQui riposa in pace l'uomo chiarissimo Giorgio argentario (banchiere), figlio dell'uomo chiarissimo Pietro argentario (banchiere) iuniore, che visse più o meno diciassette anni. Fu deposto il quindicesimo giorno di agosto, nell'indizione quattordicesima, il settimo anno dell'imperatore nostro Tiberio Costantino Augusto, e nel secondo anno del consolato dello stesso.
NoteIscrizione sepolcrale di una famiglia di banchieri, trovata nel pavimento della chiesa di San Zaccaria, nel Decimano, dove potrebbe essere stata reimpiegata.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 17/07/2015
fonte

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.