FONTE
FONTE
AutoreVarrone
Titolo operaDe lingua latina
Anno45/30 a.C.
Periodoetà delle guerre civili
EpocaRepubblicano
Noteed.: A. Traglia (a cura di), Opere di Marco Terenzio Varrone, Torino 1974 (trad. del curatore).
PASSO
LocalizzazioneVIII, 41=83
Testo originaleHabent plerique libertini a municipio manumissi, in quo, ut societatem et fanorum servi, non servarunt proportione[m] rationem, et Romanorum liberti debuerunt dici ut a Faventia Faventinus, ab Reate Reatinus sic a Roma Romanus, ut nominantur (a) libertinis orti publicis servis Romani, qui manumissi ante quam sub magistratus nomina, qui eos liberarunt, succedere c(o)eperunt.
TraduzioneLa maggior parte degli schiavi affrancati la un municipio traggono il nome da questa città. Ma in ciò, come i servi delle società e dei templi, non hanno conservato la regola dell'analogia; e i liberti dei Romani avrebbero dovuto prendere, come da Faventia prendevano i cognomen di Faventinus, da Reate quello di Reatinus, così da Roma quello di Romanus, per l'appunto come hanno il cognomen di Romano quelli i cui antenati erano stati pubblici schiavi e che erano stati affrancati prima che si cominciasse ad adottare il nome della gens del magistrato che li aveva liberati
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 17/07/2012
fonte

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.