FONTE
FONTE
AutoreAteneo
Titolo operaDeipnosophistae
Anno195 ca. d.C.
Periodoetà dei Severi
EpocaAlto Imperiale
Noteed.: G. Kaibel (ed.), Athenaei Naucratitae deipnosophistarum, 3 voll. Leipzig 1887-1890 (rist. anast. Stuttgart 1965-1966; trad.: L. Canfora, C. Jacob (a cura di), I Deipnosofisti, i dotti a banchetto, 4 voll., Roma 2001).
PASSO
LocalizzazioneXIII, 24
TraduzionePerciò ti consiglio, o “Tessalo dal seggio variopinto”, di intendertela con quelle dei bordelli, e di non spendere inutilmente i denari che spettano ai tuoi figli. Perché nel vero senso della parola «anche zoppo sai fottere benissimo», anche se tuo padre, il ciabattino, ti aveva ampiamente ammonito e insegnato a badare alla frusta! O non conosci — come dice Eubulo nella “Festa notturna” (fr. 82 Kassel-Austin = II, 193 K)
“le canore adescatrici di quattrini, / ben addestrate puledre di Cipride / – nude, l'una a fianco dell'altra incolonnate, / diritte, in vesti dalla lieve tramatura, come / le fanciulle che l'Eridano con acque pure irriga; / da loro tu potrai, al sicuro e senza rischio alcuno, / comperarti il piacere al prezzo di un quattrino”.
E nella “Nannio”, se la commedia è di Eubulo e non di Filippo (fr. 67 Kassel-Austin = II, 187 K):
“Chi di nascosto insegue amori clandestini, / non è forse l'uomo più infelice al mondo? / Mentre potrebbe alla luce del sole, guardandosele / nude, l'una a fianco dell'altra incolonnate, / diritte, in vesti dalla lieve tramatura, come / le fanciulle che l'Eridano con acque pure irriga, / comperarsi il piacere al prezzo di un quattrino, / senza inseguire Cipride furtiva, il più turpe / di tutti i mali, per voglia di bricconate e non d'amore! / Ma io piango la Grecia miseranda, / che lasciò partire Cidia come navarco”.
Anche Senarco nell”'Atleta del pentathlon” biasima quelli che seguono il tuo modo di vivere e come te si affannano dietro alle etère più costose e alle donne di condizione libera, con questi versi (fr. 4 Kassel-Austin = II, 468 K):
“Cose tremende — tremende! — e intollerabili / vanno facendo nella città quanti son giovani, / quando invece ci sono ragazze assai carine / nei bordelli: queste di vederle è consentito / mentre si scaldano al sole e il petto svelano, / nude, l'una a fianco dell'altra incolonnate; / quella che piace tra loro si può scegliere, / gracile, grassa, rotonda, lunga o storta, / giovane, vecchia, di mezz'età, matura, / senza piazzar la scala per entrare di soppiatto, / né calarsi dentro per un buco del tetto, / né ingegnarsi a penetrare nascosti nella paglia. / Quelle, al contrario, tirano dentro e trascinano / tanto i vecchi, chiamandoli "babbino", / quanto i giovani, chiamandoli "caruccio": / ognuna di queste senza paura, a buon mercato, / si può averla di giorno, di sera, in tutti i modi; / mentre quelle che manco puoi vedere, o forse a stento, / ma sempre tremebondo e sul chi vive / [atterrito e con l'anima in mano] / […] / Ma queste donne quando mai — o sovrana del mare, Cipride — / potranno fotterle, se ogni volta delle leggi draconiane / devono ricordarsi, e proprio quando sono sul più bello?”.

NoteL'Eridano citato è il fiume mitologico.
PASSO
LocalizzazioneXIII, 84
TraduzioneBadate dunque, o filosofi, che vi date agli amori contro natura e mancate di rispetto ad Afrodite, di non farvi annientare anche voi allo stesso modo. Perché i ragazzi sono belli, secondo il detto della cortigiana Glicera riportato da Clearco, solo fintantoché assomigliano alle donne. Piuttosto, mi par proprio che abbia agito in modo conforme alla natura lo spartano Cleonimo, il quale per primo prese in ostaggio dai Metapontini duecento donne sposate e fanciulle da marito, le più illustri e belle, come riferisce Duride di Samo nel terzo libro della “Storia dei tempi di Agatocle”; e appunto anch'io, per citare “l'Antilaide” di Epicrate (fr. 4 Kassel-Austin = II, 284 K):
“Ma questi affari d’amore li ho imparati a perfezione / da Saffo, da Meleto, da Cleomene e da Laminzio”.
Ma voi, o filosofi, se anche, innamorandovi talvolta delle donne, arrivate a capire che il buon esito è impossibile, convincetevi che gli ardori amorosi di chi non può sperare nel successo si estinguono, come racconta Clearco. E infatti: un toro cercò di montare la vacca di bronzo che stava presso la fonte Pirene; un cane, un colombo, un'oca maschio s'accostarono e balzarono addosso rispettivamente a una cagna, a una colomba e a un'oca femmina, ma dipinte: quando tutti loro constatarono ch'era impossibile, rinunciarono, come Cleisofo di Selimbria. Costui, innamoratosi di una statua di marmo pario, a Samo, si chiuse a chiave nel tempio convinto di potersi congiungere con questa; giacché dunque non gli fu possibile, a causa della freddezza e della resistenza opposta dal marmo, subito desistette dal suo desiderio, e avvicinato a sé quel brandello di carne, con esso si congiunse. Un accenno a questo episodio si trova anche nella commedia del poeta Messi intitolata “Il dipinto” (fr. 41 Kassel-Austin = II, 312 K):
“È accaduto, a quanto si dice anche a Samo, / quest'altro fatto: per una fanciulla di marmo / si accese un tale, e si chiuse con lei nel tempio”.
Anche Filemone si riferisce allo stesso fatto (fr. 127 Kassel-Austin = II, 521 K):
“Ma a Samo, una volta, del marmoreo simulacro / un uomo s'invaghì, e arrivò a chiudersi nel tempio”.
Adeo di Mitilene nel suo libro Gli 'scultori' ricorda che la statua in questione è opera di Ctesicle. Polemone, o l'autore dell'opera intitolata “Il libro della Grecia”, riferisce (fr. 28 Preller): “A Delfi, nel tesoro degli Spinati ci sono due fanciulli di marmo; per uno di questi, racconta la gente di Delfi, si accese di passione un tale che era tra i visitatori, e si chiuse con lui: come compenso dell'incontro lasciò una corona. L'uomo fu sorpreso sul fatto; tuttavia il dio comandò alla gente di Delfi giunta a consultarlo di lasciarlo libero, perché aveva pagato il compenso”.

NoteLa costruzione del tesoro degli spineti a Delfi, un tempietto votivo, risaliva al VI-V a.C.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 17/07/2012
fonte

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.