STRADA
STRADA STORICA
StatoItalia
RegioneEmilia - Romagna
NomeCorridoio Bizantino
AutoritàPresidiata e mantenuta dall'Esarco di Ravenna
Annofine VI sec. d.C.
Periodoetà bizantina
EpocaAlto Medioevo
Inizio (luogo)Roma
Fine (luogo)Ravenna
DescrizioneCon corridoio bizantino si designa il collegamento viario tra Ravenna e Roma durante il periodo esarcale: esso infatti è il risultato della precaria organizzazione difensiva bizantina disposta trasversalmente all’Italia nella fascia centrale, imperniata soprattutto sui capisaldi di Perugia, Gubbio e del Furlo. I due centri capolinea erano i principali d’Italia dagli inizi del V sec., e lo rimasero anche dopo la conquista bizantina a seguito delle guerre greco-gotiche, conclusesi nel 552: non a caso l’invasione Longobarda fu tenuta, a stento, lontana da questi due centri, e se Roma dovette subire un assedio nel 579, Ravenna, sede dell’Esarco, fu seriamente attaccata solo nel 717. Mantenere il collegamento viario tra le due città era però molto più difficile, anche perché i Longobardi avevano subito cercato di occupare le regioni attraversate da vie strutturate soprattutto lontano dalle coste, dove meglio potevano controllare e sfruttare il territorio: ecco quindi che già nel 574 o 576 Spoleto, punto di passaggio della Flaminia, non solo è conquistata, ma diventa sede di uno dei più potenti duchi longobardi, Farolado I. Il suo tentativo di controllare l’Italia centrale ed i commerci interni è evidente anche dall’occupazione del porto di Classe tra, circa, 579 e 584: la cacciata dei Longobardi dal porto ravennate non volle dire il ripristino della via Flaminia e i Bizantini dovettero attestarsi su Perugia, portando alla nascita, di fatto, di un nuovo percorso viario tra le due capitali dell’Italia bizantina, che veniva mantenuto con tregue e pagamenti, in quanto fuori dai centri urbani, soprattutto nel tratto attualmente umbro, si era di fatto in territorio Longobardo; infatti nella seconda metà del VI sec. Perugia fu più volte occupata dai Longobardi, e solo dal 594 la sua definitiva acquisizione all’Esarcato può aver avviato la costituzione del percorso transappenninico alternativo all’antica Flaminia. Così da Roma si prese a percorrere, dopo un breve tratto di Cassia, l’antica via Amerina che evitava Civita Castellana, Narni e soprattutto Spoleto, per toccare i “castra” di Nepi e Orte, fino appunto ad Amelia, e poi per nuovi tratti a Perugia e Gubbio, da dove si raggiungeva il passo della Scheggia raggiungendo così la Flaminia. Si entrava così nella Pentapoli e la via si faceva più sicura e prendeva forse delle varianti: è possibile infatti che per risparmiare chilometri e forse giorni, anche a giudicare dall’importanza assunta durante le guerre gotiche da Urbino, si fosse attivato almeno dal VI sec. un diverticolo che da Rimini tagliasse per l’interno raggiungendo la Flaminia poco prima del Furlo, anche se per la scomodità di alcuni tratti e per l’importanza delle città costiere nell’Italia bizantina il percorso classico della Flaminia dovette rimanere il privilegiato, soprattutto a livello commerciale. Da Rimini poi si raggiungeva Ravenna attraverso la via meglio attrezzata che, molto probabilmente, in epoca bizantina era quella interna, ovvero la via del Confine: ne sembra riprova una notizia di Agnello (par. 169) per la quale agli inizi del IX sec. una delle prime tappe da Ravenna era la chiesa di S. Stefano presso Nova, forse da identificare con S. Stefano di Pisignano; inoltre tra Rimini e Classe non c’erano altri porti e comunque il collegamento tra le città costiere era meglio garantito dalla rotta di cabotaggio tra Ravenna e Ancona. Il nuovo percorso non sembra mai aver avuto un nome ufficiale, ma per tutto il medioevo rimase il nome Flaminia, sia ad indicare una porta di Roma, che la regione antica di Ravenna, che la via di collegamento tra le due città: l’itinerario “Malmesburiense”, datato alla metà del VII sec. chiama “Flamminea” la via che collega Roma a Ravenna e, per quanto si possa riferire antiquariamente all’antica consolare (non cita tappe intermedie), un'altra fonte, la Cosmografia dell’Anonimo Ravennate, pure di fine VII sec., in un elenco di città poste lungo vie, mette in fila città lungo o nei pressi la via Emilia con centri lungo il corridoio anziché sulla Flaminia, come facevano invece le fonti itinerarie di III e IV sec., fino a Roma, secondo l’evidenza che poteva avere un cittadino ravennate del tempo perché a quel tempo la via che poteva percorrere era il cosiddetto corridoio bizantino.

Bibl. E. Menestò (a cura di), Il corridoio bizantino e la via Amerina in Umbria nell’alto medioevo, Spoleto 1999; S. Cosentino, Storia dell’Italia bizantina (VI-XI secolo), Bologna 2008, pp. 23-24, 61-62.

COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 07/08/2012
Viabilità storica

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.