STRADA
STRADA STORICA
StatoItalia
RegioneEmilia - Romagna
NomeVia dell'Acquedotto
Denominazione anticaAqueductus
AutoritàImperatore Traiano
Annoinizi II sec. d.C.
Periodoetà degli imperatori adottivi
EpocaAlto Imperiale
Inizio (luogo)Meldola
Fine (luogo)Ravenna
DescrizioneDopo la deduzione centuriale, la ricca pianura tra Ravenna e la via Emilia, nel tratto tra Forlì e Cesena, viene solcata da una serie di percorsi che progressivamente acquistano importanza viaria a livello locale e una solidità che li rende riconoscibili nella documentazione e nel territorio. La più importante fu probabilmente la via che fungeva da servizio per l’acquedotto che in epoca traianea fu realizzato per rifornire d’acqua corrente Ravenna e che fu rinnovato ancora in età teodericiana attorno ai centri di Meldola e della villa presso Galeata, procedendo lungo la vallata ed il corso del Ronco – Bidente: è probabile comunque che il percorso preesista alla struttura idrica, anche se la sua origine rimane ancorata all’appoderamento centuriale. Superata la via Emilia alla località Ronco di Forlì, seguiva da vicino gli odierni corso del Ronco e della via Ravegnana che collega Forlì ad, appunto, Ravenna: passava pertanto non distante da Bagnolo, Pieveacquedotto, Durazzano, Coccolia, Ghibullo, Longana e San Bartolomeo fino al Ponte della Cella prima di entrare in Ravenna, secondo un tracciato comunque non del tutto sicuro; sembra poi frequentato un percorso che fiancheggiava il corso del Ronco d’età antica, spostato mediamente di circa 3 km ad est dell’attuale: in questo modo il percorso originava probabilmente da Forlimpopoli per poi lambire le odierne San Leonardo in Schiova, Carpinello, Rotta, Castellaccio, San Pietro in Vincoli, Gambellara, per poi piegare verso Madonna dell’Albero, se non ricongiungendosi coi tracciati già citati all’altezza di Ghibullo. Sembra in ogni caso che la via giungesse al Ponte Candidiano, dove infine incrociava gli altri tracciati provenienti da meridioni prima di entra re in Ravenna. Le diverse ipotesi sul suo tracciato a destra o sinistra o distante dall’attuale Ronco possono indicare la persistenza della via nonostante i mutamenti del fiume o piuttosto la pluralità di tracciati attorno al riferimento naturale. La decadenza dell’infrastruttura idrica non ha scalfino l’importanza locale del percorso, solcante territori continuamente sfruttati: rimasta legata alle vicende del fiume, la via ha continuato a svolgere i ruoli di collegamento e di collegamento, suggellati dalla pieve che ne mutua il nome, segno in pieno altomedioevo (VIII-IX sec.) della decadenza materiale ma non strutturale del tracciato.

Bibl. P. Battelli, L’irraggiamento viario da Forum Livi (Forlì) e Forum Popili (Forlimpopoli) in età antica, “Atlante Tematico di Topografia Antica” 13 (2004), pp. 85-88, 92-93; P.L. Dall'Aglio, I. Di Cocco, La linea e la rete. Formazione storica del sistema stradale in Emilia - Romagna, Milano 2006, p. 153.

COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 07/08/2012
Viabilità storica

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.