loc. Valle Pega, Campo Zavelea
Comacchio
struttura abitativa
villa rustica
ambito culturale romano
età romana
Nel 1956 N. Alfieri effettuò alcune ricognizioni che portarono al riconoscimento di resti di costruzioni pertinenti ad ambienti vari e di canalette a sud-est di alcune tombe romane.
Fra il 1957 e il 1978 vennero condotti saggi di scavo e sopralluoghi, sotto la direzione di G. Gualandi, grazie ai quali sono stati identificati i resti di una villa rustica del I secolo d.C., di cui rimangono le sole fondamenta.
In particolare, fra 1957 e 1959 si portarono alla luce tre grosse lastre in tufo (di cui due sagomate a cornice) e alcuni mattoni romani. Nel 1977 fu rinvenuto un frammento di calice in vetro, mentre nel settembre 1978 si raccolsero ceramica (sigillata nord-italica, acroma fine), mattonelle pavimentali (quadrangolari, esagonali e rombiodalie) e cocciopesto.