FONTE
FONTE
AutorePaolo Diacono
Titolo operaHistoria Langobardorum
Anno780/790 ca. d.C.
Periodoetà carolingia
EpocaAlto Medioevo
Noteed.: G. Waitz (ed.), Pauli historia Langobardorum, in Id. (cur.), Scriptores rerum Langobardicarum et Italicarum saec. VI-IX, Hannover 1878, pp. 12-219 (tr.: B. Luiselli, A. Zanella (a cura di), Paolo Diacono. Storia del Longobardi, Milano 1991).
PASSO
LocalizzazioneII, 13
Testo originaleSane quia huius Felicis fecimus mentionem, libet quoque nos pauca de venerabili et sapientissimo viro Fortunato retexere, qui hunc Felicem suum adseverat socium fuisse. Denique hic de quo loquimur Fortunatus natus quidem in loco qui Duplabilis dicitur fuit; qui locus haut longe a Cenitense castro vel Tarvisiana distat civitate. Sed tamen Ravennae nutritus et doctus, in arte gramatica sive rethorica seu etiam metrica clarissimus extitit. Hic cum oculorum dolorem vehementissimum pateretur, et nihilominus Felix iste ipsius socius pari modo oculos doleret, utrique ad basilicam beatorum Pauli atque Iohannis, quae intra eadem urbem sita est, perrexere. In qua etiam altarium in honore beati Martini confessoris constructum propinquam habet fenestram, in qua lucerna ad exibendum lumen est constituta. De cuius oleo mox sibi isti, Fortunatus scilicet et Felix, dolentia lumina tetigerunt. Ilico dolore fugato sanitatem, quam obtabant, adepti sunt. Qua de causa Fortunatus in tantum beatum Martinum veneratus est, ut, relicta patria, paulo antequam Langobardi Italiam invaderent, Turonis ad eiusdem beati viri sepulchrum properaret. Qui sibi, ut in suis ipse carminibus refert, illuc properandi per fluenta Tiliamenti et Reunam perque Osupum et Alpem Iuliam perque Aguntum castrum Dravumque et Byrrum fluvios ac Briones et Augustam civitatem, quam Virdo et Lecha fluentant, iter fuisse describit. Qui postquam Turonos iuxta votum proprium advenit, Pictavis pertransiens, illuc habitavit, et multorum ibidem sanctorum gesta partim prosa, partim metrali ratione conscripsit; novissimeque in eadem civitate primum presbiter, deinde episcopus ordinatus est, atque in eodem loco digno tumulatus honore quiescit. Sane quia huius Felicis fecimus mentionem, libet quoque nos pauca de venerabili et sapientissimo viro Fortunato retexere, qui hunc Felicem suum adseverat socium fuisse. Denique hic de quo loquimur Fortunatus natus quidem in loco qui Duplabilis dicitur fuit; qui locus haut longe a Cenitense castro vel Tarvisiana distat civitate. Sed tamen Ravennae nutritus et doctus, in arte gramatica sive rethorica seu etiam metrica clarissimus extitit. Hic cum oculorum dolorem vehementissimum pateretur, et nihilominus Felix iste ipsius socius pari modo oculos doleret, utrique ad basilicam beatorum Pauli atque Iohannis, quae intra eadem urbem sita est, perrexere. In qua etiam altarium in honore beati Martini confessoris constructum propinquam habet fenestram, in qua lucerna ad exibendum lumen est constituta. De cuius oleo mox sibi isti, Fortunatus scilicet et Felix, dolentia lumina tetigerunt. Ilico dolore fugato sanitatem, quam obtabant, adepti sunt. Qua de causa Fortunatus in tantum beatum Martinum veneratus est, ut, relicta patria, paulo antequam Langobardi Italiam invaderent, Turonis ad eiusdem beati viri sepulchrum properaret. Qui sibi, ut in suis ipse carminibus refert, illuc properandi per fluenta Tiliamenti et Reunam perque Osupum et Alpem Iuliam perque Aguntum castrum Dravumque et Byrrum fluvios ac Briones et Augustam civitatem, quam Virdo et Lecha fluentant, iter fuisse describit. Qui postquam Turonos iuxta votum proprium advenit, Pictavis pertransiens, illuc habitavit, et multorum ibidem sanctorum gesta partim prosa, partim metrali ratione conscripsit; novissimeque in eadem civitate primum presbiter, deinde episcopus ordinatus est, atque in eodem loco digno tumulatus honore quiescit.
Hic beati Martini vitam quattuor in libris heroico versu contexuit, et multa alia maximeque ymnos singularum festivitatum et praecipue ad singulos amicos versiculos, nulli poetarum secundus, suavi et diserto sermone conposuit. Ad cuius ego tumulum, cum illuc orationis gratia adventassem, hoc epitaphium, rogatus ab Apro, eiusdem loci abbate, scribendum contexui: Ingenio clarus, sensu celer, ore suavis, / Cuius dulce melos pagina multa canit, / Fortunatus, apex vatum, venerabilis actu, / Ausonia genitus, hac tumulatur humo. / Cuius ab ore sacro sanctorum gesta priorum / Discimus: haec monstrant carpere lucis iter. / Felix, quae tantis decoraris, Gallia, gemmis, / Lumine de quarum nox tibi tetra fugit. / Hos modicos prompsi plebeio carmine versus, / Ne tuus in populis, sancte, lateret honor. / Redde vicem misero: ne iudice spernar ab aequo, / Eximiis meritis posce, beate! precor.
Haec paucis de tanto viro, ne eius vitam sui cives funditus ignorarent, delibavimus; nunc ad historiae seriem revertamur.

TraduzionePoiché abbiamo menzionato questo Felice, ci piace aggiungere alcune poche notizie anche sul venerabile e sapientissimo Fortunato, il quale afferma che codesto Felice fu suo compagno. Il Fortunato di cui parliamo era nato in un luogo chiamato Valdobbiadene, che non è molto lontano dal castello di Ceneda e dalla città di Treviso; tuttavia fu allevato ed educato a Ravenna e divenne assai famoso nell'arte della grammatica, nella retorica e anche nella metrica. Soffrendo d'un fortissimo dolore agli occhi, e avendo male agli occhi nello stesso modo anche il suo amico Felice, si recarono insieme alla basilica dei Beati Paolo e Giovanni, posta dentro le mura della città; presso un altare, costruito in onore del beato Martino confessore, c'è una finestra sulla quale, per far luce, è posta una lampada; con l'olio di questa Fortunato e Felice si unsero gli occhi malati. Subito, sparito il dolore, ottennero la guarigione che desideravano. Per questa ragione Fortunato venerò tanto il beato Martino che, lasciata la patria poco prima che i Longobardi invadessero l'Italia, si recò a Tours a visitare il sepolcro del santo. Come egli stesso ci riferisce, nei suoi versi descrive il viaggio fatto per recarvisi: attraverso le correnti del Tagliamento, Ragogna, Osoppo, le Alpi Giulie, la fortezza di Agunto, i fiumi Drava e Birro, le terre dei Brioni, la città di Augusta bagnata dal Virdo e dal Lech. Dopo esser giunto a Tours, secondo il suo voto, passando per Poitiers, vi si stabilì e scrisse le gesta di molti santi, parte in prosa e parte in versi. In quella città fu ordinato prima presbitero, quindi vescovo, e ora vi riposa sepolto con degni onori.
Qui scrisse la vita del beato Martino in quattro libri di esametri e compose molti altri carmi in dolce e dotta lingua, specialmente inni sulle festività cristiane e versi per gli amici, a nessun poeta secondo. Per la sua tomba, essendomi recato là in pellegrinaggio, su invito di Apro, abate di quel luogo, ho composto questo epitaffio: Chiaro d'ingegno, vivace nel sentire, soave nell'idioma, / la cui dolce melodia molte pagine fanno riudire, / Fortunato, cima dei poeti e venerabile negli atti, / nato in Ausonia, è sepolto in questa terra. / Dalla sua bocca consacrata conosciamo le gesta degli antichi santi, / che ci avviano al cammino della luce. / Beata Gallia, fulgida di così preziose gemme, / alla cui luce per te fugge il buio della notte! / Questi versi io, piccolo, ho scritto in umile metro, / perché, o santo, fra i popoli non sia ignota la tua gloria. / E tu ricambia il misero: per i tuoi meriti insigni / implora, beato, il giusto giudice, che non mi sdegni.
Abbiamo volentieri accennato a queste poche cose d'un così grande uomo, perché i suoi concittadini non ne ignorino del tutto la vita. Ora riprendiamo il filo della nostra storia.

NoteBiografia di Venanzio Fortunato (ca. 530-607 d.C.): la sua permanenza a Ravenna è da collocare al ca. 560/565 d.C. Felice è stato vescovo di Treviso nella seconda metà del VI d.C.
PASSO
LocalizzazioneII, 14-24
Testo originale[14] Igitur Alboin Vincentiam Veronamque et reliquas Venetiae civitates, exceptis Patavium et Montemsilicis et Mantuam, cepit. Venetia enim non solum in paucis insulis, quas nunc Venetias dicimus, constat, sed eius terminus a Pannoniae finibus usque Adduam fluvium protelatur. Probatur hoc annalibus libris, in quibus Pergamus civitas esse legitur Venetiarum. Nam et de lacu Benaco in historiis ita legimus: "Benacus lacus Venetiarum, de quo Mincius fluvius egreditur". Eneti enim, licet aput Latinos una littera addatur, Grece laudabiles dicuntur. Venetiae etiam Histria conectitur, et utraeque pro una provincia habentur. Histria autem ab Histro flumine cognominatur. Quae secundum Romanam historiam amplior, quam nunc est, fuisse perhibetur. Huius Venetiae Aquileia civitas extitit caput; pro qua nunc Forum Iulii, ita dictum, quod Iulius Caesar negotiationis forum ibi statuerat, habetur.
[15] Non ab re esse arbitror, si etiam ceteras Italiae provincias breviter adtingamus. Secunda provincia Liguria a legendis, id est colligendis, leguminibus, quorum satis ferax est, nominatur. In qua Mediolanum est et Ticinus, quae alio nomine Papia appellatur. Haec usque ad Gallorum fines extenditur. Inter hanc et Suaviam, hoc est Alamannorum patriam, quae versus septemtrionem est posita, duae provinciae, id est Retia prima et Retia secunda, inter Alpes consistunt; in quibus proprie Reti habitare noscuntur.
[16] Quinta vero provincia, Alpes Cottiae dicuntur, quae sic a Cottio rege, qui Neronis tempore fuit, appellatae sunt. Haec a Liguria in eorum versus usque ad mare Tyrrenum extenditur, ab occiduo vero Gallorum finibus copulatur. In hac Aquis, ubi aquae calidae sunt, Dertonam et monasterium Bobium, Genua quoque et Saona civitates habentur. Sexta provincia Tuscia est, quae a ture, quod populus illius superstitiose in sacrificiis deorum suorum incendere solebant, sic appellata est Haec habet intra se circium versus Aureliam, ab orientis vero partem Umbriam. In hac provincia Roma, quae olim totius mundi caput extitit, est constituta. In Umbria vero, quae istius in parte ponitur, Perusium et lacus Clitorius Spoletiumque consistunt. Umbria autem dicta est, quod imbribus superfuerit, eum aquosa clades olim populos devastaret.
[17] Septima quoque Provincia Campania ab urbe Roma usque ad Siler Lucaniae fluvium producitur. In qua opulentissimae urbes Capua, Neapolim et Salernus constitutae sunt. Quae ideo Campania appellata est propter uberrimam Capuae planitiem; ceterum ex maxima parte montuosa est.
Porro octava Lucania, quae nomen a quodam luco accepit, a Silere fluvio inchoat, cum Brittia, quae ita a reginae quondam suae nomine appellata est, usque ad fretum Siculum per ora maris Tyrreni, sicut et duae superiores, dextrum Italiae cornu tenens pertingit; in qua Pestus et Lainus, Cassianum et Consentia Regiumque sunt positae civitates.
[18] Nona denique provincia in Appenninis Alpibus conputatur, quae inde originem capiunt, ubi Cottiarum Alpes finiuntur. Hae Appenninae Alpes per mediam Italiam pergentes, Tusciam ab Emilia Umbriamque a Flamminia dividunt. In qua sunt civitates Ferronianus et Montembellium, Bobium et Urbinum, necnon et oppidum quod Verona apellatur. Alpes autem Appenninae dictae sunt a Punicis, hoc est Annibale et eius exercitu, qui per easdem Romam tendentes transitum habuerunt. Sunt qui Alpes Cottias et Appenninas unam dicant esse provinciam; sed hos Victoris revincit historia, quae Alpes Cottias per se provinciam appellat.
Decima porro Emilia a Liguria incipiens, inter Appenninas Alpes et Padi fluenta versus Ravennam pergit. Haec locupletibus urbibus decoratur, Placentia scilicet et Parmaque, Regio et Bononia Corneliique foro, cuius castrum Imolas appellatur. Extiterunt quoque qui Emiliam et Valeriam Nursiamque unam provinciam dicerent. Sed horum sententia stare non potest, quia inter Emiliam et Valeriam Nursiamque Tuscia et Umbria sunt constitutae.
[19] Dehinc undecima provinciarum est Flamminia, quae inter Appenninas Alpes et mare est Hadriaticum posita. In qua nobilissima urbium Ravenna et quinque aliae civitates consistunt, quae Greco vocabulo Pentapolim appellantur. Constat autem, Aureliam Emiliamque et Flamminiam a constratis viis, quae ab urbe Roma veniunt, et ab eorum vocabulis a quibus sunt constratae talibus nominibus appellari.
Post Flamminiam duodecima Picenus occurrit, habens ab austro Appenninos montes, ex altera vero parte Hadriaticum mare. Haec usque ad fluvium Piscariam pertendit. In qua sunt civitates Firmus, Asculus et Pinnis et iam vetustate consumpta Hadria, quae Hadriatico pelago nomen dedit. Huius habitatores cum a Savinis illuc properarent, in eorum vexillo picus consedit, atque hac de causa Picenus nomen accepit.
[20] Porro tertia decima Valeria, cui est Nursia adnexa, inter Umbriam et Campaniam Picenumque consistit. Quae ab oriente Samnitum regionem adtingit. Huius pars occidua, quae ab urbe Roma initium capit, olim ab Etruscorum populo Etruria dicta est. Haec habet urbes Tiburim, Carsiolis et Reate, Furconam et Amiternum regionemque Marsorum et eorum lacum qui Fucinus appellatur. Marsorum quoque regionem ideo intra Valeriam provinciam aestimo conputari, quia in catalogo provinciarum Italiae minime ab antiquis descripta est. Si quis autem hanc per se provinciam esse vera ratione conprobaverit, huius rationabilis sententia modis erit omnibus tenenda.
Quarta decima Samnium inter Campaniam et mare Hadriaticum Apuliamque, a Piscaria incipiens, habetur. In hac sunt urbes Theate, Aufidenam, Hisernia et antiquitate consumpta Samnium, a qua tota provincia nominatur, et ipsa harum provinciarum caput ditissima Beneventus. Porro Samnites nomen accipere olim ab hastis, quas ferre solebant quasque Greci saynia appellant.
[21] Quinta decima provinciarum est Apulia, cumsociata sibi Calabria. Intra quam est regio Salentina. Haec ab occidente vel africo habet Samnium et Lucaniam, a solis vero ortu Hadriatico pelago finitur. Haec ab occidente vel africo habet Samnium et Lucaniam, a solis vero ortu Hadriatico pelago finitur. Haec habet urbes satis opulentas, Luceriam, Sepontum, Canusium, Agerentiam, Brundisium et Tarentum et in sinistro Italiae cornu, quod quinquaginta milibus extenditur, aptam mercimoniis Ydrontum. Apulia autem a perditione nominatur; citius enim ibi solis fervoribus terrae virentia perduntur.
[22] Sexta decima provincia Sicilia insula conputatur. Quae Tyrreno mari seu Ionio alluitur de Siculique ducis proprio nomine nuncupatur. Septima decima Corsica; octava decima Sardinia ponitur. Quae utraeque Tyrrenis fluctibus ambiuntur. Porro Corsica a duce suo Corso, Sardinia a Sarde, Herculis filio, nominatur.
[23] Certum est tamen, Liguriam et partem Venetiae, Emiliam quoque Flamminiamque veteres historiographos Galliam Cisalpinam appellasse. Inde est, quod Donatus gramaticus in expositione Vergilii Mantuam in Gallia esse dixit; indeque est, quod in Romana historia legitur Ariminum in Gallia constitutum. Siquidem antiquissimo tempore Brennus rex Gallorum, qui aput Senonas urbem regnabat, cum trecentis milibus Gallorum Senonum ad Italiam venit eamque usque ad Senogalliam, quae a Gallis Senonibus vocitata est, occupavit. Causa autem cur Galli in Italiam venerint haec fuisse describitur. Dum enim vinum degustassent ab Italia delatum, aviditate vini inlecti ad Italiam transierunt. Horum centum milia non longe a Delphos insula properantes Grecorum gladiis extincta sunt; alia vero centum milia in Galatia ingressa, primum Gallogreci, postea vero Galatae appellata sunt. Et hi sunt quibus doctor gentium scripsit epistulam Paulus. Centum milia quoque Gallorum, quae in Italia remanserunt, Ticinum Mediolanumque, Bergamum Brexiamque construentes, Cisalpinae Galliae regioni nomen dederunt. Istique sunt Galli Senones, qui olim urbem Romuleam invaserunt. Sicut enim dicimus Galliam Transalpinam, quae ultra Alpes habetur, sic Galliam Cisalpinam hac parte, quae infra Alpes est, vocitamus.
[24] Italia quoque, quae has provincias continet, ab Italo Siculorum duce, qui eam antiquitus invasit, nomen accepit. Sive ob hoc Italia dicitur, quia magni in ea boves, hoc est itali, habentur. Ab eo namque quod est italus per diminutionem, licet una littera addita altera inmutata vitulus, appellatur. Italia etiam Ausonia dicitur ab Ausono, Ulixis filio. Primitus tamen Beneventana regio hoc nomine appellata est; postea vero tota sic coepit Italia vocitari. Dicitur quoque etiam Latium Italia, pro eo quod Saturnus Iovem, suum filium, fugiens, intra eam invenisset latebram.
Igitur postquam de Italiae provinciis vel ipsius nomine, intra quam res gestas describimus, sufficienter est dictum, nunc ad historiae ordinem redeamus.

Traduzione[14] Alboino conquistò intanto Vicenza, Verona e le altre città della Venezia, tranne Padova, Monselice e Mantova. La regione dei Veneti infatti consta non solo delle poche isole, che ora chiamiamo Venezia, ma i suoi confini si estendono dai territori della Pannonia fino al fiume Adda. Ciò è comprovato dai libri Annali, dove si legge che la città di Bergamo appartiene alla Venezia. E infatti anche del lago Benaco così leggiamo nelle storie: «Benaco è lago della Venezia, dal quale esce il fiume Mincio». Eneti, anche se in latino c'è una lettera in più, in greco vuol dire «degni di lode». Alla Venezia è unita anche l'Istria ed entrambe sono da considerare una sola provincia. L'Istria prende il nome dal fiume Istro. Nella storia romana si dice che essa fosse molto più grande di quanto non sia ora. Capitale della Venezia fu la città di Aquileia, al posto della quale ora c'è Cividale del Friuli, che si ritiene chiamata in questo modo perché lì Giulio Cesare aveva stabilito una piazza di mercato.
[15] Non credo che sia fuori luogo accennare in breve anche alle altre province dell'Italia. La seconda provincia è la Liguria così detta da “legere”, cioè raccogliere legumi, di cui è molto ferace; vi appartengono Milano e Ticino, detta con altro nome Pavia. Questa regione si estende fino ai confini della Gallia; fra la Liguria e la Svevia, la patria cioè degli Alamanni, che è posta a nord, ci sono sulle Alpi due province, la Rezia prima e la Rezia seconda, nelle quali si sa che abitano appunto i Reti.
[16] La quinta provincia prende il nome dalle Alpi Cozie, chiamate così dal re Cozio, che visse al tempo di Nerone; s'estende a sud-est della Liguria fino al mare Tirreno, ed è delimitata a occidente dai territori della Gallia. In essa vi sono Acqui, dove si trovano acque calde, Tortona, il monastero di Bobbio, inoltre Genova e Savona. La sesta provincia è la Toscana, chiamata così da “tus”, l'incenso, che il suo popolo soleva superstiziosamente bruciare nei sacrifici ai suoi dèi. Questa regione a nord-ovest ha l'Aurelia, a oriente l'Umbria. In questa provincia si trova Roma, che un tempo fu la capitale di tutto il mondo. Nell'Umbria, che è pure posta in questa provincia, si trovano Perugia, il lago […] e Spoleto. L'Umbria è così chiamata perché scampò alle piogge [imbres], allorché uno spaventoso diluvio devastò le popolazioni.
[17] La settima provincia, la Campania, si estende dalla città di Roma fino al Sele, fiume della Lucania: in essa si trovano le ricchissime città di Capua, Napoli e Salerno. Questa regione è chiamata Campania per la fertilissima pianura di Capua; per il resto è in massima parte montuosa.
L'ottava regione, poi, la Lucania, che prende nome da “lucus”, un bosco sacro, comincia dal fiume Sele, insieme con la Bruzia, così chiamata dal nome di una sua antica regina, e si estende fino allo stretto di Sicilia, lungo le coste del mar Tirreno, come le due precedenti, tenendo il corno destro dell'Italia; vi si trovano le città di Pesto, Laino, Cassiano, Cosenza e Reggio.
[18] Nona è computata la provincia che si trova nelle Alpi Appennine, le quali hanno inizio dove finiscono le Alpi Cozie; questi monti, protendendosi attraverso l'Italia, dividono la Toscana dall'Emilia, e l'Umbria dalla Flaminia. Vi sono le città di Ferroniano [Pavullo nel Frignano?], Montebello [Monteveglio?], Bobbio [Sarsina] e Urbino, e una cittadella che è chiamata Bettona. Le Alpi Appennine sono così chiamate dai Punici, cioè da Annibale e dal suo esercito, che movendo verso Roma le attraversarono. Ci sono di quelli che delle Alpi Cozie e delle Appennine fanno una sola provincia. Ma li confuta la storia di Vittore, che chiama le Alpi Cozie provincia a sé.
La decima regione, l'Emilia, che comincia dalla Liguria, si estende fra le Alpi Appennine e il fiume Po, fino a Ravenna. È splendida di ricche città, come Piacenza, Parma, Reggio, Bologna, il Foro di Cornelio, la cui rocca è chiamata Imola. Ci sono stati anche di quelli che hanno sostenuto che l'Emilia, la Valeria e la Norcia formano una sola regione. Ma la loro opinione non può reggere, poiché fra l'Emilia, la Valeria e la Norcia ci sono la Toscana e l'Umbria.
[19] L'undicesima provincia è la Flaminia, che è posta fra le Alpi Appennine e il mare Adriatico; in essa c'è la più nobile delle città, Ravenna, e cinque altre città che, con parola greca, sono dette Pentapoli. È noto che l'Aurelia, l'Emilia e la Flaminia sono chiamate così dalle strade lastricate che partono da Roma e, a loro volta, presero tali nomi da coloro che le hanno costruite.
Dopo la Flaminia si incontra la dodicesima provincia, il Piceno, che ha a sud i monti Appennini e dall'altra parte il mare Adriatico. Questa regione si estende fino al fiume Pescara, e vi si trovano le città di Fermo, di Ascoli, di Penna [Pescara] e di Adria [Atri], ormai consunta dal tempo, che ha dato il nome al mare Adriatico. Quando gli attuali suoi abitatori si misero in cammino dalla Sabinia verso di essa, un “picus”, cioè un picchio, si posò sul loro vessillo e per questo prese il nome di Piceno.
[20] La tredicesima provincia, la Valeria, cui è annessa la Norcia, si trova fra l'Umbria, la Campania e il Piceno, e a oriente confina col Sannio. La sua parte occidentale, che inizia dalla città di Roma, un tempo era detta Etruria, dal popolo degli Etruschi. Comprende le città di Tivoli, di Carsoli, di Rieti, di Furcona, di Amiterno, la regione dei Marsi e il loro lago chiamato Fucino. Credo che anche la regione dei Marsì si debba considerare parte della provincia Valeria, poiché non è stata iscritta dagli antichi nel catalogo delle province d'Italia. Se però qualcuno potrà dimostrare con validi argomenti che questa è una provincia a sé, si dovrà in ogni modo tener conto di questo motivato parere.
La quattordicesima è considerata il Sannio, fra la Campania, il mare Adriatico e l'Apulia, e ha inizio dal fiume Pescara. Vi sono le città di Chieti, Aufidena, Isernia, Sannio [Boviano?], ormai consunta dalla sua antichità, da cui prende il nome tutta la provincia, e la capitale di queste province, la ricchissima Benevento. I Sanniti presero il nome dalle lance che erano soliti portare, e che ì Greci chiamano “saynia”
[21] La quindicesima provincia è l'Apulia, unita alla Calabria, nella quale si trova la regione salentina. A ovest, o meglio a sud-ovest, ha il Sannio e la Lucania, a oriente è chiusa dal mare Adriatico. Ha città molto opulente, come Lucera, Siponto, Canosa, Agerenzia [Acerenza], Brindisi, Taranto e, sul corno sinistro dell'Italia, che si estende per cinquanta miglia, Otranto, centro di commerci. Il nome Apulia deriva dalla perdizione [greco “apòleia”]: infatti assai rapidamente, per la vampa del sole, le erbe e gli alberi vengono distrutti.
[22] Sedicesima provincia è considerata l'isola di Sicilia, che è bagnata .dal mar Tirreno e dallo Ionio, e prende il nome da un suo condottiero, Siculo. Come diciassettesima è posta la Corsica; diciottesima la Sardegna; l'una e l'altra sono circondate da ogni parte dal mar Tirreno. La Corsica è così chiamata dal suo condottiero Corso, la Sardegna da Sardi, figlio di Ercole.
[23] È certo tuttavia che gli antichi scrittori chiamarono Gallia Cisalpina la Liguria, una parte della Venezia, l'Emilia e la Flaminia. Per questo il grammatico Donato, nel commento a Virgilio, dice che Mantova è in Gallia, e sempre in Gallia nella storia romana si legge che è posta Rimini. Invero in tempi antichissimi Brenno, re dei Galli, che regnava nella città di Senona, con trecentomila Galli Senoni venne in Italia e la occupò fino a Senigallia, che fu chiamata così dai Galli Senoni. Questo è indicato come il motivo per cui i Galli vennero in Italia: assaggiarono del vino portato dall'Italia, e l'avidità di esso li spinse a trasferirsi in questa terra. Di essi centomila, mentre si allontanavano da[ll'isola di] Delfo, poco lontano furono sterminati dalle armi dei Greci. Altri centomila entrarono in Galazia e dapprima furono chiamati Gallogreci, poi Galati: e sono quelli a cui il dottore delle genti, Paolo, scrisse la sua epistola. Centomila Galli, invece, che rimasero in Italia, fondando le città di Ticino, Milano, Bergamo, Brescia, diedero il nome alla regione della Gallia Cisalpina. Questi sono i Galli Senoni, che una volta invasero la città di Romolo. Infatti, come chiamiamo Gallia Transalpina quella che è al di là delle Alpi, così chiamiamo Gallia Cisalpina quella che si trova al di qua delle Alpi.
[24] Anche l'Italia, che comprende tutte queste province, prese il suo nome da Italo, condottiero dei Siculi, che la occupò nei tempi antichi. Oppure è detta Italia perché in essa vi sono grandi buoi, cioè “itali”: dal termine “italus”, nato per diminuzione, ossia se si aggiunge una lettera e se ne muta un'altra, vien fuori “vitulus”, vitello. L'Italia è chiamata anche Ausonia da Ausono, figlio di Ulisse. Dapprima fu chiamata con questo nome la regione di Benevento, in seguito tutta l'Italia fu chiamata così. L'Italia è anche chiamata Lazio, per la ragione che Saturno, fuggendo da suo figlio Giove, in essa avrebbe trovato rifugio.
Dunque, dopo che si è detto quanto basta delle province e del nome dell'Italia, entro i confini della quale furono compiute le imprese che descriveremo, ritorniamo al filo della nostra storia.

NoteConquiste di Alboino: 568 d.C. Fondazione di Cividale da parte di Giulio Cesare: 56/50 a.C. Passaggio degli Appennini da parte di Annibale: 218 a.C. Non è Donato ma Servio a citare Mantova come parte della Cisalpina. Invasione gallica dell'Italia: V a.C. Sacco di Delfi da parte dei Galli ed occupazione della Galazia: 281-278 a.C. Lettera ai Galati: 50/56 d.C. sacco di Roma da parte dei Senoni: inizi IV a.C. La situazione rappresentata è quella della divisione amministrazione dell'Italia dall'inizio del V d.C. alla conquista longobarda.
PASSO
LocalizzazioneII, 26
Testo originaleTicinensis eo tempore civitas ultra tres annos obsidionem perferens, se fortiter continuit, Langobardorum exercitu non procul iuxta ea ab occidentali parte residente. Interim Alboin, eiectis militibus, invasit omnia usque ad Tusciam, praeter Romam et Ravennam vel aliqua castra quae erant in maris litore constituta. Nec erat tunc virtus Romanis, ut resistere possint, quia et pestilentia, quae sub Narsete facta est, plurimos in Liguria et Venetiis extincxerat, et post annum, quem diximus fuisse ubertatis, fames nimia ingruens universam Italiam devastabat. Certum est autem, tunc Alboin multos secum ex diversis, quas vel alii reges vel ipse ceperat, gentibus ad Italiam adduxisse. Unde usque hodie eorum in quibus habitant vicos Gepidos, Vulgares, Sarmatas, Pannonios, Suavos, Noricos sive aliis huiuscemodi nominibus appellamus.
TraduzioneLa città di Pavia resistette valorosamente per oltre tre anni sopportando l'assedio, con l'esercito dei Longobardi accampato non lontano da essa nel settore occidentale. Frattanto Alboino, cacciando ovunque i soldati, dilagò per ogni parte, fino alla Toscana, escluse Roma e Ravenna e alcune fortezze che erano poste sulla riva del mare. Né i Romani avevano il valore sufficiente a resistergli, poiché la pestilenza scoppiata sotto Narsete aveva fatto strage in Liguria e nella Venezia, e, dopo quell'anno di abbondanza del quale abbiamo parlato, una grave carestia assalì l'Italia, devastandola tutta. In più è certo che Alboino aveva condotto con sé una moltitudine di gente presa da stirpi diverse che altri re o lui stesso aveva sottomesse, onde ancor oggi noi chiamiamo molti villaggi coi nomi di coloro che li abitano: Gepidi, Bulgari, Sarmati, Pannoni, Svevi, Norici o altri di questo genere.
NoteInvasione dell'Italia, assedio e conquista di Pavia: 568/9-572 d.C. Epidemia di peste: 570 d.C.
PASSO
LocalizzazioneII, 28-30
Testo originale[28] Qui rex postquam in Italia tres annos et sex menses regnavit, insidiis suae coniugis interemptus est. Causa autem interfectionis eius fuit. Cum in convivio ultra quam oportuerat aput Veronam laetus resederet, cum poculo quod de capite Cunimundi regis sui soceris fecerat reginae ad bibendum vinum dari praecepit atque eam ut cum patre suo laetanter biberet invitavit. Hoc ne cui videatur inpossibile, veritatem in Christo loquor: ego hoc poculum vidi in quodam die festo Ratchis principem ut illut convivis suis ostentaret manu tenentem. Igitur Rosemunda ubi rem animadvertit, altum concipiens in corde dolorem, quem conpescere non valens, mox in mariti necem patris funus vindicatura exarsit, consiliumque mox cum Helmechis, qui regis scilpor, hoc est armiger, et conlactaneus erat, ut regem interficeret, iniit. Qui reginae persuasit, ut ipsa Peredeo, qui erat vir fortissimus, in hoc consilium adsciret. Peredeo cum reginae suadenti tanti nefas consensum adhibere nollet, illa se noctu in lectulo suae vestiariae, cum qua Peredeo stupri consuetudinem habebat, supposuit; ubi Peredeo rem nescius veniens, cum regina concubuit. Cumque illa patrato iam scelere ab eo quaereret, quam se esse existimaret, et ipse nomen suae amicae, quam esse putabat, nominasset, regina subiunxit: "Nequaquam ut putas, sed ego Rosemunda sum", inquit. "Certe nunc talem rem, Peredeo, perpetratam habes, ut aut tu Alboin interficies, aut ipse te suo gladio extinguet". Tunc ille intellexit malum quod fecit, et qui sponte noluerat, tali modo in regis necem coactus adsensit.
Tunc Rosemunda, dum se Alboin in meridie sopori dedisset, magnum in palatio silentium fieri praecipiens, omnia alia arma subtrahens, spatham illius ad lectuli caput, ne tolli aut evaginari possit, fortiter conligavit, et iuxta consilium Peredeo Helmechis interfectorem omni bestia crudelior introduxit. Alboin subito de sopore experrectus, malum quod imminebat intellegens, manum citius ad spatham porrexit; quam strictius religatam abstrahere non valens, adprehenso tamen scabello subpedaneo, se cum eo per aliquod spatium defendit. Sed heu pro dolor! vir bellicosissimus et summae audaciae nihil contra hostem praevalens, quasi unus de inertibus interfectus est, uniusque mulierculae consilio periit, qui per tot hostium strages bello famosissimus extitit. Cuius corpus cum maximo Langobardorum fletu et lamentis sub cuiusdam scalae ascensu, quae palatio erat contigua, sepultum est. Fuit autem statura procerus et ad bella peragenda toto corpore coaptatus. Huius tumulum nostris in diebus Giselpert, qui dux Veronensium fuerat, aperiens, spatham eius et si quid in ornatu ipsius inventum fuerat abstulit. Qui se ob hanc causam vanitate solita aput indoctos homines Alboin vidisse iactabat.
[29] Igitur Helmechis, extincto Alboin, regnum eius invadere conatus est. Sed minime potuit, quia Langobardi, nimium de morte illius dolentes, eum moliebantur extinguere. Statimque Rosemunda Longino praefecto Ravennae mandavit, ut citius navem dirigeret, quae eos suscipere possit. Longinus tali nuntio laetus effectus, festinanter navem direxit, in qua Helmechis cum Rosemunda, sua iam coniuge, noctu fugientes ingressi sunt. Auferentesque secum Albsuindam, regis filiam, et omnem Langobardorum thesaurum, velocius Ravennam pervenerunt. Tunc Longinus praefectus suadere coepit Rosemundae, ut Helmechis interficeret et eius se nuptiis copularet. Illa ut erat ad omnem nequitiam facilis, dum optat Ravennatium domina fieri, ad tantum perpetrandum facinus adsensum dedit; atque dum Helmechis se in balneo ablueret, egredienti ei de lavacro veneni poculum, quod salutis esse adseverabat, propinavit. Ille ubi sensit se mortis poculum bibisse, Rosemunda, evaginato super eam gladio, quod reliquum erat bibere coegit. Sicque Dei omnipotentis iudicio interfectores iniquissimi uno momento perierunt.
[30] His ita peremptis, Longinus praefectus Albsuindam cum Langobardorum thesauris Constantinopolim ad imperatorem direxit. Adfirmant aliqui, etiam Peredeo pariter cum Helmechis et Rosemunda Ravenna venisse atque exinde cum Albsuinda Constantinopolim directus esse ibique in spectaculo populi coram imperatore leonem mirae magnitudinis occidisse. Cui, ut ferunt, ne quid aliquid malignum in regia urbe, quia vir fortis erat, moliretur, iussu imperatoris oculi evulsi sunt. Qui sibi post aliquod tempus duos cultellos aptavit; quibus in utrisque suis manicis absconsis, palatium petiit atque se quaedam ad augusti utilitatem, si ad eum intromitteretur, locuturum promisit. Ad quem augustus duos sibi familiares, qui eius verba susciperent, patricios misit. Qui cum ad Peredeo venissent, ille ad eos, quasi aliquid eis secretius dicturus, propius accessit atque ambos utraque manu gladiis, quos absconsos habebat, fortiter vulneravit, ita ut statim in terra corruerent et expirarent. Sic Samsonis illius fortissimi ex aliqua parte non absimilis, suas iniurias ultus est et pro amissione duorum luminum duos imperatori viros utillimos interemit.

Traduzione[28] Questo re, dopo che ebbe regnato in Italia tre anni e sei mesi, fu ucciso per le trame della moglie. E questa ne fu la causa. Mentre in Verona sedeva a convito, allegro più del dovuto, ordinò che alla regina fosse portato da bere del vino nella coppa che lui aveva tratto dal cranio del suocero, il re Cunimondo, e la invitò a brindare lietamente con suo padre. Perché a qualcuno ciò non sembri impossibile, affermo in nome di Cristo che è la pura verità: io stesso in un giorno di festa ho veduto il re Ratchis tenere in mano questa coppa per mostrarla ai suoi convitati. Quando Rosmunda se ne accorse, le nacque in cuore un dolore profondo che non riusciva a placare, e s'infiammò del desiderio di uccidere il marito per vendicare la morte del padre; e con Elmichi, che del re era “scilpor”, cioè scudiero, e fratello di latte, preparò un piano per sopprimere il re. Elmichi la persuase a far entrare nel complotto Peredeo, che era uomo assai forte. Poiché questi, per quanto la regina tentasse di persuaderlo, non voleva acconsentire a così grande empietà, ella una notte si mise nel letto d'una sua ancella con la quale Peredeo aveva una relazione. Entrato nel letto, Peredeo, ignaro della cosa, giacque con la regina. E quando poi, consumata la scelleratezza, ella gli chiese chi pensasse che fosse e lui le fece il nome della sua amante, con la quale credeva di trovarsi, la regina replicò: «Non è come credi: sono Rosmunda». E aggiunse: «Hai commesso un'azione tale che o tu ucciderai Alboino, o Alboino con la sua spada metterà te a morte». Egli allora si rese conto del male che aveva compiuto, e se per sua libera scelta mai l'avrebbe voluto, costretto in tal modo a uccidere il re, diede il suo assenso.
Allora Rosmunda, quando nel meriggio Alboino si fu assopito, dato ordine che nel palazzo si facesse un grande silenzio, sottratta ogni altra arma, legò saldamente la sua spada a capo del letto perché non si potesse né prendere né estrarre dalla vagina; e secondo il piano di Elmichi introdusse, più feroce di ogni belva, Peredeo, l'uccisore. Alboino, destatosi all'improvviso dal sonno, intuita la sventura che incombeva, stese rapido la mano alla spada; non riuscendo a estrarla, perché era legata troppo saldamente, afferrò uno sgabello da piedi e si difese per qualche tempo con esso. Ma — ahi, dolore! — quel guerriero così valoroso, di un'audacia estrema, nulla potendo contro il suo nemico, fu ucciso come uno incapace di portar armi e perì per l'intrigo d'una sola donnetta, lui che ovunque era conosciuto per le tante stragi di nemici in guerra! Il suo corpo, tra il grandissimo pianto e i lamenti dei Longobardi, fu sepolto sotto le rampe d'una scala contigua al palazzo. Fu alto di statura, conformato in tutto il suo corpo a fare la guerra. Ai nostri giorni Giselperto, che era stato duca di Verona, aperto il suo sepolcro, ne sottrasse la spada e quanto trovò dei suoi ornamenti. Per questo, con la vanità che è solita tra gli ignoranti, si vantava d'aver veduto Alboino.
[29] Elmichi, ucciso Alboino, cercò di impadronirsi del suo regno. Ma non poté, perché i Longobardi, molto dolendosi della morte del re, tramavano per ucciderlo. Subito Rosmunda mandò a dire a Longino, prefetto di Ravenna, che inviasse al più presto una nave per raccogliere lei ed Elmichi. Longino, contento di queste notizie, mandò in fretta una nave sulla quale Elmichi e Rosmunda, ormai sua moglie, s'imbarcarono nottetempo; così fuggirono portando con sé Albsuinda, figlia del re, e tutto il tesoro dei Longobardi, e giunsero in tutta fretta a Ravenna. Allora il prefetto Longino cominciò a convincere Rosmunda a uccidere Elmichi e a unirsi in matrimonio con lui. Ella, propensa com'era a ogni iniquità, si lusingava di divenire la signora di Ravenna, e diede il suo consenso a perpetrare un così orribile delitto; e un giorno che Elmichi si lavava nel bagno, quand'egli uscì dall'acqua, gli fece bere una tazza di veleno, dicendo che era una medicina. Come Elmichi si accorse d'aver bevuto la coppa della sua morte, snudata la spada sopra Rosmunda, la costrinse a bere ciò che vi restava. Così, per giudizio di Dio onnipotente, i due malvagi assassini morirono nello stesso istante.
[30] Uccisi in tale modo costoro, il prefetto Longino mandò all'imperatore, a Costantinopoli, Albsuinda insieme al tesoro dei Longobardi. Alcuni affermano che insieme a Rosmunda e a Elmichi a Ravenna fosse giunto anche Peredeo; inviato con Albsuinda a Costantinopoli, in uno spettacolo popolare, davanti all'imperatore, avrebbe ucciso un leone di straordinaria grandezza. Narrano pure che per timore che macchinasse nella città regia qualche misfatto, considerata la sua grande forza, per ordine dell'imperatore gli furono cavati gli occhi. Dopo qualche tempo, egli si adattò due coltelli e, nascostone uno per manica, si diresse a palazzo e promise che, se lo avessero introdotto dall'imperatore, gli avrebbe riferito cose che gli sarebbero giovate. L'imperatore mandò due patrizi, che erano suoi stretti collaboratori, per ricevere le sue rivelazioni. Quando essi furono davanti a Peredeo, questi, come intendesse dire qualcosa ancor più in segreto, s'avvicinò di più a loro e, afferrate una per mano le spade tenute nascoste, li colpì entrambi con tale violenza che subito stramazzarono a terra e spirarono. Così, per certi aspetti ben simile al fortissimo Sansone, vendicò i torti ricevuti, e in cambio dei due occhi perduti, uccise due uomini utilissimi all'imperatore.

NoteAssassinio di Alboino: 572 d.C., estate? Cunimondo fu re dei Gepidi, sconfitto e ucciso da re Alboino nel 566 d.C. Prefettura di Longino: 568-584 pre d.C.
PASSO
LocalizzazioneIII, 18-19
Testo originale[18] His ita gestis, Authari rex Brexillum civitatem super Padi marginem positam expugnare adgressus est. In qua Droctulft dux a Langobardis confugerat, seque partibus imperatoris tradens, sociatus militibus, Langobardorum exercitui fortiter resistebat. Iste ex Suavorum, hoc est Alamannorum, gente oriundus, inter Langobardos creverat, et quia erat forma idoneus, ducatus honorem meruerat; sed cum occasione ulciscendae suae captivitatis repperit, contra Langobardorum ilico arma surrexit. Adversus quem Langobardi gravia bella gesserunt, tandemque eum cum militibus quos iuvabat exuperantes, Ravennam cedere conpulerunt. Brexillus capta est, muri quoque eius solum ad usque destructi sunt. Post haec Authari rex cum Smaracdo patricio, qui tunc Ravennae praeerat, usque in annum tertium pacem fecit. [19] Huius sane Droctulft, de quo praemisimus, amminiculo saepe Ravennatium milites adversum Langobardos dimicarunt, extructaque classe, Langobardos, qui Classe urbem tenebant, hoc adiuvante pepulerunt. Cui, cum vitae explesset terminum, honorabile sepulchrum ante limina beati Vitalis martyris tribuentes, tali eius laudes epitaphio extullerunt: "Clauditur hoc tumulo, tantum sed corpore, Drocton; / Nam meritis toto vivit in orbe suis. / Cum Bardis fuit ipse quidem, nam gente Suavus; / Omnibus et populis inde suavis erat. / Terribilis visu facies, sed mente benignus, / Longaque robusto pectore barba fuit. / Hic et amans semper Romana ac publica signa, / Vastator genti adfuit ipse suae. / Contempsit caros, dum nos amat ille, parentes, / Hanc patriam reputans esse Ravenna suam. / Huius prima fuit Brexilli gloria capti; / Quo residens cunctis hostibus horror erat. / Quo Romana potens valuit post signa iubare, / Vexillum primum Christus habere dedit. / Inde etiam, retinet dum Classem fraude Faroaldus, / Vindicet ut Classem, classibus arma parat. / Puppibus exiguis decertans amne Badrino, / Bardorum innumeras vicit et ipse manus. / Rursus et in terris Avarem superavit eois, / Conquirens dominis maxima palma suis. / Martyris auxilio Vitalis fultus, ad istos / Pervenit victor saepe triumphos ovans; Cuius et in templis petiit sua membra iacere, Haec loca post mortem bustis habere iubat. / Ipse sacerdotem moriens petit ista Iohannem, / His rediit terris cuius amore pio".
Traduzione[18] Dopo questi fatti, il re Autari cominciò l'assedio di Brescello, città posta sulle rive del Po. In essa si era rifugiato il duca Droctulfo, che, staccatosi dai Longobardi e passato dalla parte dell'imperatore, unitosi ai soldati bizantini, resisteva valorosamente all'esercito longobardo. Costui, di origine sveva, cioè alamanna, era cresciuto fra i Longobardi, e poiché ne aveva le qualità, aveva ottenuto l'onore del ducato. Ma quando gli si offerse l'occasione di vendicarsi del tempo in cui era stato prigioniero, subito insorse contro le armi dei Longobardi. Contro di lui i Longobardi combatterono aspre battaglie, ma alla fine, battutolo assieme ai soldati bizantini cui recava aiuto, lo costrinsero a ritirarsi a Ravenna; Brescello fu presa e le sue mura rase al suolo. Dopo di che il re Autari fece pace per tre anni col patrizio Smaragdo, che allora governava Ravenna. [19] Guidati da questo Droctulfo di cui abbiamo parlato, i soldati di Ravenna si scontrarono spesso con i Longobardi; col suo aiuto, costruita una flotta, cacciarono i Longobardi che occupavano la città di Classe. A lui, quando fu giunto al termine della sua vita, eressero un onorevole sepolcro davanti alla soglia del beato Vitale martire e con questo epitaffio ne celebrarono le lodi: È chiuso in questo sepolcro, ma solo col corpo, Drocton, / poiché per i suoi meriti è vivo in tutto il mondo. / Stava coi Bardi, ma fu di stirpe sveva, / e perciò era soave a entrambi i popoli: / d'aspetto terribile a vedersi, ma benigno d'animo, / di lunga barba sull'intrepido cuore. / Poiché amava i pubblici segni di Roma, / fu sterminatore della sua stessa gente. / Trascurò i suoi cari genitori, mentre amò noi, / ritenendo che questa fosse, o Ravenna, la sua patria. / La sua prima gloria fu la presa di Brescello: / lì risiedendo, fu terrore di tutti i nemici. / Lì, potente, poté dare aiuto alle insegne romane, / e Cristo gli concesse di avere il primo vessillo. / Mentre ancora Faroaldo occupa Classe con la frode, / per liberarla, prepara le armi per le fiotte. / Con poche navi, combattendo nel fiume Badrino, / lui vinse innumerevoli schiere di Bardi. / Di nuovo vinse l'Avaro nelle terre orientali, / conquistando per i suoi sovrani massimi vantaggi. / Fidando nell'aiuto del martire Vitale, a questi trionfi / spesso giunse, acclamato vincitore. / Nel tempio di lui chiese che giacessero le sue ossa; / ed è gradito a questi luoghi l'averle dopo la sua morte. / Egli stesso, morendo, lo chiese al sacerdote Giovanni, / per il cui pietoso amore ritornò in queste terre.
NoteDifesa di Brescello da re Autari e pace tra Longobardi e Bizantini: 584/585 d.C. Liberazione di Classe dal duca Faroaldo: 586 d.C. Esarcato di Smaragdo: 585-589 e ca. 603-608 pre d.C. Morte di Drocton/Droctulf e sepoltura presso San Vitale sotto l'arcivescovo Giovanni III (607-625 d.C.): ca. 610 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIII, 23-24
Testo originale[23] Eo tempore fuit aquae diluvium in finibus Veneciarum et Liguriae seu ceteris regionibus Italiae, quale post Noe tempore creditur non fuisse. Factae sunt lavinae possessionum seu villarum hominumque pariter et animantium magnus interitus. Destructa sunt itinera, dissipatae viae, tantum tuncque Atesis fluvius excrevit, ut circa basilicam beati Zenonis martyris, quae extra Veronensis urbis muros sita est, usque ad superiores fenestras aqua pertingeret, licet, sicut et beatus Gregorius post papa scripsit, in eadem basilicam aqua minime introierit. Urbis quoque eiusdem Veronensis muri ex parte aliqua eadem sunt inundatione subruti. Facta est autem haec inundatio sexto decimo Kalendas Novembris. Sed tantae coruscationes et tonitrua fuerunt, quantae fieri vix aestivo tempore solent. Post duos quoque menses eadem urbs Veronensium magna ex parte incendio concremata est. [24] In hac diluvii effusione in tantum apud urbem Romam fluvius Tiberis excrevit, ut aquae eius super muros urbis influerent et maximas in ea regiones occuparent. Tunc per alveum eiusdem fluminis cum multa serpentium multitudine draco etiam mirae magnitudinis per urbem transiens usque ad mare discendit. Subsecuta statim est hanc inundationem gravissima pestilentia, quam inguinariam appellant. Quae tanta strage populum devastavit, ut de inaestimabili multitudine vix pauci remanerent. Primumque Pelagium papam, virum venerabilem, perculit et sine mora extinxit. Deinde pastore interempto, sese per populos extendit. In hac tanta tribulatione beatissimus Gregorius, qui tunc levita erat, a cunctis generaliter papa electus est. Qui dum septiformem laetaniam fieri ordinasset, intra unius horae spatium, dum hi Deum deprecarentur, octuaginta ex eis subito ad terra corruentes, spiritum exalarunt. Septiformis autem laetania ideo dicta est, quia omnis urbis populus a beato Gregorio in septem partibus deprecaturus Dominum est divisus. In primo namque choro fuit omnis clerus, in secundo omnes abbates cum monachis suis, in tertio omnes abbatissae cum congregationibus suis, in quarto omnes infantes, in quinto omnes laici, in sexto universae viduae, in septimo omnes mulieres coniugatae. Ideo autem de beato Gregorio plura dicere obmittimus, quia iam ante aliquod annos eius vitam Deo auxiliante texuimus. In qua quae dicenda fuerant iuxta tenuitatis nostrae vires universa discripsimus.
Traduzione[23] A quel tempo ci fu un diluvio nei territori della Venezia, della Liguria e di altre regioni d'Italia, quale non si crede ci sia più stato dal tempo di Noè. Terreni e fattorie diventarono laghi, e ci fu grande strage sia di uomini che di animali. Furono distrutte strade, cancellati sentieri, e tanto crebbe allora l'Adige che attorno alla basilica del beato Zeno martire, posta fuori le mura di Verona, l'acqua toccava quasi le finestre superiori; eppure, scrisse il beato Gregorio, divenuto poi papa, nella basilica ne entrò pochissima. Anche le mura di Verona in alcuni punti crollarono a causa dell'inondazione. Questa avvenne il 17 ottobre, ma ci furono tanti lampi e tuoni quanti raramente se ne hanno d'estate. Sempre a Verona, due mesi dopo, gran parte della città andò distrutta da un incendio. [24] Per quello stesso diluvio, a Roma il Tevere crebbe tanto che le sue acque superarono le mura e inondarono vaste zone della città. Allora nell'alveo del fiume, insieme a un gran numero di serpenti, un drago di sorprendente grandezza attraversò la città e scese al mare. Seguì a questa inondazione una gravissima pestilenza, che chiamano inguinaria. Questa miete un tale numero di vittime fra il popolo che, di un'inestimabile moltitudine, rimasero ben pochi superstiti. E per primo colpì il papa, il venerabile Pelagio, che morì subito. Quindi, spento il pastore, si diffuse fra le popolazioni. In così grande tribolazione, fu eletto papa, con unanime consenso, il beatissimo Gregorio, che allora era levita. Avendo egli disposto che si recitasse una litania a sette voci, nello spazio di un'ora, mentre tutti supplicavano Dio, ottanta di essi, accasciatisi d'improvviso a terra, esalarono lo spirito. La litania a sette voci è detta così perché tutto il popolo della città fu dal beato Gregorio diviso in sette gruppi per pregare il Signore. Nel primo coro c'era tutto il clero, nel secondo tutti gli abati con i loro monaci, nel terzo le badesse con le loro congregazioni, nel quarto tutti i fanciulli, nel quinto tutti i laici, nel sesto tutte le vedove, nel settimo tutte le donne maritate. Del beato Gregorio tralasciamo di dire di più, perché con l'aiuto di Dio abbiamo già narrato la sua vita, qualche anno fa. In essa abbiamo raccontato tutto ciò che c'era da dire, secondo le nostre deboli forze.
NoteAlluvioni ed epidemie: 589-590 d.C. Morte di papa Pelagio ed elezione di papa Gregorio Magno: 590 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIII, 26
Testo originaleHis diebus defuncto Helia Aquilegensi patriarcha, postquam quindecim annos sacerdotium gesserat, Severus huic succedens regendam suscepit ecclesiam. Quem Smaracdus patricius veniens de Ravenna in Gradus, per semet ipsum e basilica extrahens, Ravennam cum iniuria duxit cum aliis tribus ex Histria episcopis, id est Iohanne Parentino et Severo atque Vindemio, necnon etiam Antonio iam sene ecclesiae defensore. Quibus comminans exilia atque violentiam inferens, communicare conpulit Iohanni Ravennati episcopo, trium capitulorum damnatori, qui a tempore papae Vigilii vel Pelagii a Romanae ecclesiae desciverat societate. Exempto vero anno, e Ravenna ad Grados reversi sunt. Quibus nec plebs communicare voluit, nec ceteri episcopi eos receperunt. Smaracdus patricius a daemonio non iniuste correptus, successorem Romanum patricium accipiens, Constantinopolim remeavit. Post haec facta est sinodus decem episcoporum in Mariano, ubi receperunt Severum patriarcham Aquilegensem dantem libellum erroris sui, quia trium capitulorum damnatoribus communicarat Ravennae. Nomina vero episcoporum qui se ab hoc scismate cohibuerunt haec sunt: Petrus de Altino, Clarissimus, Ingenuinus de Sabione, Agnellus Tridentinus, Iunior Veronensis, Horontius Vicentinus, Rusticus de Tarvisio, Fonteius Feltrinus, Agnellus de Acilo, Laurentius Bellunensis, Maxentius Iuliensis et Adrianus Polensis. Cum patriarcha autem communicaverunt isti episcopi: Severus, Parentinus Iohannes, Patricius, Vindemius et Iohannes.
TraduzioneIn questi giorni morì il patriarca di Aquileia, Elia, dopo quindici anni di sacerdozio, e gli successe nel governo di quella chiesa Severo. Il patrizio Smaragdo, giunto da Ravenna a Grado, lo strappò di sua mano dalla basilica e lo condusse a Ravenna, insieme a tre altri vescovi dell'Istria, e cioè Giovanni di Parenzo, Severo e Vindemio, nonché Antonio, ormai vecchio, difensore della Chiesa. Minacciandoli d'esilio e usando violenza, li costrinse ad accordarsi col vescovo di Ravenna, Giovanni, che aveva condannato i tre capitoli e che, al tempo di Pelagio e di papa Vigilio, si era staccato dalla Chiesa di Roma. Trascorso un anno, ritornarono da Ravenna a Grado, ma né il popolo volle avere più rapporti con essi, né gli altri vescovi li ricevettero. Il patrizio Smaragdo, punito giustamente dal demonio, ricevuto come successore il patrizio Romano, ritornò a Costantinopoli. Dopo di ciò fu indetto a Marano un sinodo di dieci vescovi che riaccolse il patriarca di Aquileia, Severo, il quale fece una ritrattazione scritta del suo errore, poiché a Ravenna si era accordato con chi aveva condannato i tre capitoli. I nomi dei vescovi che si astennero da questo scisma sono: Pietro da Altino, Clarissimo (di Concordia), Ingenuino da Saben, Agnello da Trento, luniore da Verona, Oronzio da Vicenza, Rustico da Treviso, Fonteio da Feltre, Agnello da Asolo, Lorenzo da Belluno, Massenzio da Zuglio, Adriano da Pola. Col patriarca invece si accordarono questi vescovi: Severo, Giovanni di Parenzo, Patrizio, Vindemio e Giovanni.
NoteArresto del patriarca Severo: ca. 588/589 d.C., al tempo dell'arcivescovo Giovanni II (578-595 d.C.). Esarcato di Romano: 589-596 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIII, 27
Testo originaleHac tempestate rex Authari ad Histriam exercitum misit; cui exercitui Euin dux Tridentinus praefuit. Qui post praedas et incendia, facta pacem in annum unum, magnam pecuniam regi detulerunt. Alii quoque Langobardi in insula Amacina Francionem magistrum militum, qui adhuc de Narsetis parte fuerat et iam se per viginti annos continuerat, obsidebant. Qui Francio post sex menses obsidionis suae Langobardis eandem insulam tradidit, ipse vero, ut obtaverat, dimissus a rege, cum sua uxore et supellectili Ravennam properavit. Inventae sunt in eadem insula diviciae multae, quae ibi de singulis fuerant civitatibus commendatae.
TraduzioneIn questo periodo il re Autari mandò un esercito in Istria, alla testa del quale c'era Evin, duca di Trento. Dopo aver depredato e incendiato, fatta la pace per un anno, portarono al re molto denaro. Altri Longobardi sull'isola Comacina assediavano Francione, generale bizantino, che un tempo era stato con Narsete e ormai da vent'anni si teneva saldo da solo. Francione, dopo sei mesi di assedio, consegnò l'isola ai Longobardi e, secondo il desiderio che aveva espresso, lasciato libero dal re, con sua moglie e le sue masserizie riparò a Ravenna. Furono trovate in quell'isola molte ricchezze, postevi in custodia dalle singole città.
NoteSpedizione in Istria e caduta dell'Isola Comacina: 588/589 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIV, 2-4
Testo originale[2] Hoc anno fuit siccitas nimium gravis a mense Ianuario usque ad mensem Septembrium; et facta est magna penuria famis. Venit quoque et magna locustarum magnitudo in territorium Tridentinum, quae maiores erant quam ceterae locustae; et mirum dictum, herbas paludesque depastae sunt, segetes vero agrorum exigue contigerunt. Sequenti quoque anno pari nihilominus modo adventarunt. [3] His diebus Agilulf rex occidit Mimulfum ducem de insula Sancti Iuliani, eo quod se superiori tempore Francorum ducibus tradidisset. Gaidulfus vero Pergamensis dux in civitate sua Pergamo rebellans, contra regem se communivit; sed datis obsidibus pacem cum rege fecit. Rursum se Gaidulfus in insula Comacina seclausit. Agilulf vero rex in eandem Comacinam insulam ingressus, homines Gaidulfi exinde expulit et thesaurum, quem ibidem a Romanis positum invenerat, Ticinum transtulit. Gaidulfus vero iterato Pergamum confugiens, ibique ab Agilulfo rege obtemptus, rursus in gratia receptus est. Rebellavit quoque dux Ulfari contra regem Agonem aput Tarvisium et obsessus captusque est ab eo. [4] Hoc anno fuit pestis inguinaria iterum aput Ravennam, Gradus et Histria nimium gravis, sicut et prius ante triginta annos extiterat. Hoc etiam tempore Agilulfus rex cum Avaris pacem fecit. Childepertus quoque bellum gessit cum consobrino suo, Hilperici filio; in quo proelio usque ad triginta milia hominum caesa sunt. Fuit autem tunc hiems frigida nimis, qualem vix aliquis prius recolebat fuisse. In regione quoque Brionum sanguis de nubibus fluxit; et inter Reni fluvii aquas rivulus cruoris emanavit.
Traduzione[2] In quell'anno ci fu una gravissima siccità da gennaio a settembre; la seguì una grande carestia. Venne anche nel territorio trentino una grande moltitudine di locuste, di grandezza maggiore del normale; e, mirabile a dirsi, si nutrirono d'erbe e di vegetazione palustre, ma toccarono poco le messi dei campi. E tornarono allo stesso modo l'anno seguente. [3] In questi giorni il re Agilulfo uccise Mimulfo, duca dell'isola di San Giuliano [isola di San Giulio d’Orta], perché precedentemente si era messo dalla parte dei duchi franchi. Gaidulfo, duca di Bergamo, si ribellò e si fortificò nella sua città contro il re; ma poi, consegnatigli degli ostaggi, fece la pace. Si chiuse poi una seconda volta nell'isola Comacina. Il re Agilulfo, sbarcato sull'isola, cacciò gli uomini dei duca e trasferì a Pavia il tesoro che vi trovò, e che lì era stato riposto dai Romani. Gaidulfo fuggì di nuovo a Bergamo, dove, caduto nelle mani di Agilulfo, fu ancora una volta accolto nel suo favore. Al re Agone si ribellò anche il duca Ulfari a Treviso: fu da lui assediato e fatto prigioniero. [4] In quell'anno nel territorio di Ravenna, di Grado e in Istria ricomparve una peste inguinale particolarmente atroce, com'era stata trent'anni prima. In quel tempo re Agilulfo stipulò la pace con gli Avari. Childeberto fece guerra anche con suo cugino, figlio di Ilperico, e in questa battaglia furono uccisi circa trentamila uomini. Ci fu allora un inverno durissimo, quale a stento si ricordava ce ne fossero stati prima. Inoltre nella terra dei Brioni piovve sangue dalle nubi e tra le acque del fiume Reno sgorgò un ruscello di sangue.
NoteAgone è nome alternativo di Agilulfo. Siccità, carestia ed epidemia di peste: 591-592 d.C. Rivolta di Mimulfo: ca. 592 d.C. Rivolta di Gaidulfo: ca. 594 d.C. Rivolta di Ulfari: ca. 595 d.C. Epidemia di peste inguinaria a Ravenna: 596 d.C. Pace tra Longobardi ed Avari: 596 d.C. Battaglia tra i re Franchi Childeberto II e Gundovaldo: 585 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIV, 8-9
Testo originale[8] Hac etiam tempestate Romanus patricius et exharchus Ravennae Romam properavit. Qui dum Ravennam revertitur, retenuit civitates quae a Langobardis tenebantur, quarum ista sunt nomina: Sutrium, Polimartium, Hortas, Tuder, Ameria, Perusia, Luceolis, et alias quasdam civitates. Quod factum cum regi Agilulfo nuntiatum esset, statim Ticino egressus, cum valido exercitu civitatem Perusium petiit; ibique per dies aliquod Maurisionem ducem Langobardorum, qui se Romanorum partibus tradiderat, obsedit, et sine mora captum vita privavit. Huius regis adventum in tantum beatus Gregorius papa exterritus est, ut ab expositione templi, de quo in Ezechiele legitur, desisteret, sicut ipse quoque in suis homeliis refert. Rex igitur Agilulf, rebus conpositis, Ticinum repedavit. Nec multum post, suggerente maxime Theudelinda regina sua coniuge, sicut eam beatus papa Gregorius suis epistulis saepius ammonuit, cum eodem viro sanctissimo papa Gregorio atque Romanis pacem firmissimam pepigit. Eidemque reginae idem venerabilis sacerdos pro gratiarum actione hanc epistulam direxit: [9] "Gregorius Theudelindae reginae Langobardorum. Quia excellentia vestra ad faciendum pacem studiosius et benigne se, sicut solet, inpenderit, renuntiante filio nostro Probo abbate cognovimus. Nec enim aliter de christianitate vestra confidendum fuit, nisi quia in causa pacis laborem et bonitatem vestram omnibus monstraretis. Unde omnipotenti Deo gratias agimus, qui ita cor vestrum sua pietate regit, ut, sicut fidem rectam tribuit, ita quoque placita sibi vos semper operari concedat. Non enim, excellentissima filia, de sanguine, qui ab utraque parte fundendus fuerat, parvam te credas adquisisse mercedem. Ex qua re voluntati vestrae gratias referentes, Dei nostri misericordiam deprecamur, ut bonorum vobis vicem in corpore et anima hic et in futuro conpenset. Salutantes vos praeterea paterna dilectione hortamur, ut aput excellentissimum coniugem vestrum illa agatis, quatenus christianae rei publicae societatem non rennuat. Nam sicut et vos scire credimus, multis modis est utile, si se ad eius amicitiam conferre voluerit. Vos ergo more vestro quae ad gratiam partium pertinent semper studete atque, ubi causa mercedis se dederit, elaborate, ut bona vestra amplius ante omnipotentis Dei oculos commendetis". Item epistola eiusdem ad Agilulfum regem: "Gregorius Agilulfo regi Langobardorum. Gratias excellentiae vestrae referimus, quia peticionem nostram audientes, pacem, quae utrisque esset partibus profutura, sicut de vobis confidentiam habuimus, ordinastis. Ex qua re excellentiae vestrae prudentiam et bonitatem valde laudamus, quia pacem diligendo, Deum vos, qui auctor ipsius est, amare, monstratis. Nam si, quod absit, facta non fuisset, quid agi habuit, nisi ut cum peccato et periculo partium miserorum rusticorum sanguis, quorum labor utrisque proficit, funderetur? Sed ut prodesset nobis eandem pacem, quemadmodum a vobis facta est, sentiamus, paterna caritate salutantes petimus, ut, quotiens occasio se dederit, ducibus vestris per diversa loca et maxime in his partibus constitutis vestris praecipiatis epistolis, ut hanc pacem, sicut promissum est, pure custodiant, et occasiones sibi aliquas non quaerant, unde aut contentio quaedam aut ingratitudo nascatur, quatenus voluntati vestrae agere gratias valeamus. Latores vero praesentium litterarum, sicut revera homines vestros, in eo quod debuit affectu suscepimus, quia iustum fuit, ut viros sapientes et qui pacem factam Deo propitio nuntiarunt cum caritate et suscipere et dimittere deberemus".
Traduzione[8] Sempre in questo periodo il patrizio Romano, esarca di Ravenna, si recò a Roma. Mentre ritornava a Ravenna, occupò alcune città che erano tenute dai Longobardi e i cui nomi sono: Sutri, Bomarzo, Orte, Todi, Amelia, Perugia, Luceoli e altre. Quando ciò fu annunciato ad Agilulfo, subito il re uscì da Pavia con un forte esercito e mosse verso Perugia; lì assediò per alcuni giorni Maurissione, duca dei Longobardi, che era passato dalla parte dei Romani; e, fattolo prigioniero, lo uccise. Per la calata di questo re, papa Gregorio tanto fu atterrito, che tralasciò il commento alla visione del tempio di cui si parla in Ezechiele, come egli stesso riferisce nelle sue omelie. Il re Agilulfo, messe a posto le cose, ritornò a Pavia. Non molto tempo dopo, per suggerimento soprattutto della regina Teodolinda, sua moglie, come con tanta insistenza le aveva consigliato il beato papa Gregorio nelle sue lettere, stabilì con quel santissimo papa e con i Romani una pace saldissima; e il venerabile pastore, per ringraziarla, le inviò questa lettera: [9] «Gregorio a Teodolinda, regina dei Longobardi. Abbiamo saputo dal nostro figlio abate Probo quanto la vostra eccellenza si sia impegnata, com'è solita, con sollecitudine e benignità, a ristabilire la pace. Né del resto c'era da attendersi altro dalla vostra fede cristiana, se non che mostraste a tutti la vostra bontà e il vostro zelo per la pace: onde rendiamo grazie a Dio onnipotente, che governa il vostro cuore con la sua pietà, in modo che, come vi concede una retta fede, così vi permetta di operare sempre secondo la sua volontà. Non crediate, o eccellentissima figlia, di aver acquistato un piccolo merito per il sangue che stava per essere sparso da una parte e dall'altra. Perciò, mentre vi ringraziamo del vostro buon volere, preghiamo la misericordia del nostro Dio, affinché vi ricompensi adesso e in futuro con il bene del corpo e dell'anima. Salutandovi, inoltre, con paterno affetto, vi esortiamo a operare presso il vostro eccellentissimo sposo perché non rinneghi il patto che ha stretto con la repubblica cristiana. Infatti, come crediamo che anche voi sappiate, per molti aspetti è utile che egli voglia giungere a rapporti di amicizia con essa. Voi dunque, com'è vostro costume, siate sempre sollecita di ciò che giova alla concordia delle due parti; e quando si presenterà un'occasione di ben meritare, impegnatevi per raccomandare sempre più le vostre buone azioni agli occhi di Dio onnipotente». C'è anche una lettera di papa Gregorio a re Agilulfo: «Gregorio ad Agilulfo, re dei Longobardi. Ringrazio la vostra eccellenza poiché, ascoltando la nostra richiesta e come avevamo confidato di voi, stabiliste quella pace che gioverà all'una e all'altra parte; lodiamo molto la prudenza e la bontà vostra, giacché, amando la pace, mostrate di amare Dio, che di essa è autore. Infatti, nel caso che non fosse stata conclusa — ciò non sia mai! —, cosa si sarebbe fatto, con peccato e pericolo di tutti, se non spargere il sangue dei nostri miseri contadini, il cui lavoro giova a tutti? Ma affinché sentiamo anche noi il giovamento di quella pace nel modo in cui è stata stipulata, con paterno amore salutandovi vi chiediamo che, ogni volta che se ne darà l'occasione, con vostre lettere esortiate ovunque i vostri duchi, e soprattutto quelli stabiliti in questi luoghi, a custodire questa pace con animo retto, com'è stato promesso; a non cercare per sé occasioni da cui nascano contese e disgusti; di modo che noi possiamo rendere grazie al vostro volere. I latori della presente lettera accogliemmo come uomini vostri, con l'affetto che conveniva, poiché era giusto che ricevessimo e congedassimo con amore uomini saggi i quali annunciarono che, col favore di Dio, la pace era fatta».
NoteEsarcato di Romano: 589-596 d.C. Occupazione di Perugia da parte di Romano: 592 d.C. Contrattacco di re Agilulfo e assedio di Roma: 593-594 d.C. Pace tra Longobardi e Bizantini: 598 d.C. Le lettere di Gregorio Magno corrispondono rispettivamente a IX, 68 e IX, 66 dell'autunno 598 d.C. della raccolta conservata.
PASSO
LocalizzazioneIV, 10
Testo originaleInter haec sequenti mense Ianuario paruit stella cometis mane et vespere per totum mensem. Eo quoque mense defunctus est Iohannes archiepiscopus Ravennae. Cuius in locum Marianus civis Romanus substitutus est. Euin quoque duce in Tridentu mortuo, datus est eidem loco dux Gaidoaldus, vir bonus ac fide catholicus. Isdem ipsis diebus Baioarii usque ad duo milia virorum dum super Sclavos inruunt, superveniente cacano omnes interficiuntur. Tunc primum cavalli silvatici et bubali in Italiam delati, Italiae populis miracula fuerunt.
TraduzioneFrattanto, nel seguente mese di gennaio apparve una stella cometa, di mattina e di sera, per tutto il mese. Nello stesso mese morì Giovanni, arcivescovo di Ravenna, cui successe Mari[ni]ano, cittadino romano. Essendo morto anche Evin, duca di Trento, fu messo come duca di quella regione Gaidoaldo, uomo buono e di fede cattolica. Nello stesso periodo i Bavari con circa duemila uomini fecero irruzione nella terra degli Slavi, ma, sopraggiunto il Cacano, furono tutti uccisi. Allora, per la prima volta furono portati in Italia i cavalli selvatici e i bufali, che destarono grande stupore nelle popolazioni d'Italia.
NoteLa morte dell'arcivescovo Giovanni II e l'elezione di Mariniano è del 595 d.C., ma altre fonti collocano apparizioni di stelle comete al 555/564 e 606 d.C., data quest'ultima della morte di Mariniano e della successiva elezione dell'arcivescovo Giovanni III.
PASSO
LocalizzazioneIV, 14-15
Testo originale[14] Subsequenti tempore rursum Ravennam et eos qui circa ora maris erant pestis gravissima vastavit. Sequenti quoque anno mortalitas valida populos Veronensium attrivit. [15] Tunc etiam signum sanguineum in caelum apparuisse visum est et quasi hastae sanguineae et lux clarissima per totam noctem. Theudepertus rex Francorum eo tempore cum Clothario patruele suo bellum gerens, eius exercitum vehementer adflixit.
Traduzione[14] Successivamente Ravenna e le popolazioni vicine alla riva del mare furono di nuovo devastate da una gravissima pestilenza. Sempre nell'anno seguente una grande mortalità abbatté le popolazioni del Veronese. [15] Parve che anche allora fosse apparso in cielo un segnale di sangue, come delle aste sanguigne, e una luce chiarissima per tutta la notte. In quel tempo Teodeberto, re dei Franchi, fece guerra al cugino Clotario, battendo duramente il suo esercito.
NoteEpidemia di peste: ca. 596 d.C. Guerra tra i re franchi Clotario II e Teodeberto II: 596 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIV, 20
Testo originaleHis diebus capta est filia regis Agilulfi cum viro suo Gudescalco nomine de civitate Parmensi ab exercitu Gallicini patricii, et ad urbem Ravennatium sunt deducti. Hoc quoque tempore misit Agilulf rex cacano regi Avarorum artifices ad faciendas naves, cum quibus isdem cacanus insulam quandam in Thracia expugnavit.
TraduzioneIn questi giorni la figlia del re Agilulfo, assieme a suo marito Gudescalco, di Parma, fu catturata dall'esercito del patrizio Gallicino[= Callinico]. Sempre in questo tempo il re Agilulfo mandò al Cacano, re degli Avari, degli artigiani per costruire le navi con cui lo stesso Cacano espugnò un'isola della Tracia.
NoteCattura della figlia di re Agilulfo: 602 d.C. Esarcato di Callinico: 596-603 ca.
PASSO
LocalizzazioneIV, 23
Testo originaleUsque ad haec tempora Patavium civitas, fortissime militibus repugnantibus, Langobardis rebellavit. Sed tandem, iniecto igni, tota flammis vorantibus concremata est, et iussu regis Agilulfi ad solum usque destructa est. Milites tamen qui in ea fuerunt Ravennam remeare permissi sunt.
TraduzioneFino a tutto questo tempo, la città di Padova si oppose con le armi ai Longobardi, in una strenua resistenza dei soldati. Ma alla fine le fu appiccato il fuoco e dalle fiamme che tutto divorano fu completamente arsa, e per ordine del re Agilulfo rasa al suolo. Tuttavia ai soldati che vi si trovavano fu concesso di riparare a Ravenna.
NoteDistruzione di Padova: 603 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIV, 25
Testo originaleAgilulfo quoque regi tunc nascitur filius de Theudelinda regina in Modiciae palatio, qui Adaloald est appellatus. Sequenti tempore Langobardi castrum Montis Silicis invaserunt. Per idem tempus, repulso apud Ravennam Gallicino, rediit Smaracdus, qui prius fuerat Ravennae patricius.
TraduzioneAl re Agilulfo nasce anche un figlio dalla regina Teodolinda nel palazzo di Monza, ed è chiamato Adaloaldo. In seguito i Longobardi invasero la cittadella di Monselice. In quel tempo a Ravenna, cacciato via Gallicino[= Callinico], ritornò Smaragdo, che già in precedenza era stato patrizio della città.
NoteNascita di Adaloaldo: 603 d.C. Conquista di Monselice: 602/3 d.C. Esarcato di Callinico: 596-603 ca. d.C. Secondo esarcato di Smaragdo: ca. 603-608 ante d.C.
PASSO
LocalizzazioneIV, 28
Testo originaleErat autem his diebus adhuc discordia Langobardis cum Romanis propter captivitatem filiae regis. Qua de causa rex Agilulf egressus Mediolanio mense Iulio, obsedit civitatem Cremonensem cum Sclavis, quos ei cacanus rex Avarorum in solacium miserat, et cepit eam duodecimo Kalendas Septembris et ad solum usque destruxit. Pari etiam modo expugnavit etiam Mantuam, et interruptis muris eius cum arietibus, dans veniam militibus qui in ea erant revertendi Ravennam, ingressusque est in ea die Iduum Septembrium. Tunc etiam partibus Langobardorum se tradidit castrum quod Vulturina vocatur; milites vero Brexillum oppidum igni cremantes, fugierunt. His ita patratis, reddita est filia regis a Smaracdo patricio cum viro ac filiis ac rebus cunctis; factaque est pax mense nono usque Kalendas Aprilis indictionis octavae. Filia vero regis mox a Ravenna Parmam rediit; ob difficultatem partus periclitata, statim defuncta est. Hoc anno Teudepertus et Theudericus reges Francorum adversus Clotharium patruum suum dimicarunt. In quo certamine ex utraque parte multa milia ceciderunt.
TraduzioneC'era in quel tempo ancora discordia tra Longobardi e Romani a causa della prigionia della figlia del re. Perciò il re Agilulfo, uscito da Milano, nel mese di luglio assediò la città di Cremona con gli Slavi che gli aveva mandato in aiuto il Cacano, re degli Avari; la prese il 21 agosto e la rase al suolo. Allo stesso modo espugnò Mantova, aprendo con gli arieti un varco nelle sue mura, e vi entrò il 13 settembre, concedendo ai soldati che erano in essa la possibilità di ritornare a Ravenna. Allora si consegnò ai Longobardi anche il castello che è chiamato Valdoria. A Brescello invece i soldati fuggirono, dando alle fiamme la fortezza. Compiute queste cose, gli fu restituita dal patrizio Smaragdo la figlia col marito, i figli e ogni cosa. Fu fatta anche una tregua da settembre fino al primo di aprile dell'indizione ottava. La figlia del re ritornò da Ravenna a Parma dove, travagliata da un parto difficile, morì subito dopo. In quell'anno Teodeberto e Teodorico, re dei Franchi, combatterono contro Clotario, loro zio, e in quella battaglia morirono molte migliaia di uomini da entrambe le parti.
NoteConquista di Cremona, Mantova e Brescello: 603 d.C. Secondo esarcato di Smaragdo: ca. 603-608 ante d.C. Tregua tra Bizantini e Longobardi: 604-605 d.C. Guerra tra Teodeberto II e Teodorico II contro Clotario II: 596 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIV, 34-35
Testo originale[34] Hac aetate Iohannes Consinus invasit Neapolim. Quem de eadem civitate non multos post dies Eleutherius patricius expulit eumque interfecit. Post haec isdem Eleutherius patricius eunuchus imperii iura suscepit. Qui dum a Ravenna Romam pergeret, in castro Luceolis a militibus interfectus est, caputque eius Constantinopolim imperatori delatum est. [35] Hac etiam tempestate misit rex Agilulf Stablicianum notarium suum Constantinopolim ad Focatem imperatorem. Qui rediens cum legatis imperatoris, facta pace annuali, Agilulfo regi idem legati imperialia munera optulere.
Traduzione[34] In quel tempo Giovati Consino invase Napoli, ma non molti giorni dopo il patrizio Eleuterio lo cacciò dalla città e lo uccise. Poi il patrizio Eleuterio, un eunuco, assunse i poteri dell'impera tre. Mentre da Ravenna si dirigeva a Roma, nella cittadella di Luceoli fu ucciso dai soldati, e la sua testa fu mandata all'imperatore a Costantinopoli. [35] Sempre in questo periodo il re Agilulfo mandò il suo notaio Stabiliciano a Costantinopoli dall'imperatore Foca. Ritornò con gli ambasciatori imperiali, i quali, sottoscritta la pace per un anno, recarono doni dell'imperatore al re Agilulfo.
NoteRivolta di Giovanni di Compsa o Consino: 616-617 d.C. Esarcato di Eleuterio e sua rivolta: 616-619 d.C. Pace tra Longobardi e Bizantini: 609-610 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIV, 42
Testo originaleIgitur Arioald postquam super Langobardos duodecim annis regnum tenuit, ab hac luce subtractus est; Langobardorum regnum Rothari genere Arodus suscepit. Fuit autem viribus fortis et iustitiae tramitem sequens, sed tamen fidei christianae non rectam lineam tenens, Arrianae hereseos perfidia maculatus est. Siquidem Arriani minorem Patri Filium, Spiritum quoque sanctum minorem Patri et Filio ad suam perniciem dicunt; nos autem catholici Patrem et Filium et Spiritum sanctum in tribus personis unum et verum Deum aequali potentia eademque gloria confitemur. Huius temporibus pene per omnes civitates regni eius duo episcopi erant, unus catholicus et alter Arrianus. In civitate quoque Ticinensi usque nunc ostenditur, ubi Arrianus episcopus aput basilica sancti Eusebii residens baptisterium habuit, cum tamen ecclesiae catholicae alius episcopus resideret. Qui tamen Arrianus episcopus, qui in eadem civitate fuit, Anastasius nomine, ad fidem catholicam conversus, Christi postea ecclesiam rexit. Hic Rothari rex Langobardorum leges, quas sola memoria et usu retinebant, scriptorum serie conposuit codicemque ipsum edictum appellari praecepit. Erat autem iam ex quo Langobardi in Italiam venerant annus septuagesimus septimus, sicut idem rex in sui edicti testatus est prologo. Ad hunc regem Arichis dux Beneventi filium suum Aionem direxit. Qui cum Ravennam venisset, Ticinum pergens, ibi ei Romanorum malitia talis potio data est, quae eum mente excedere faceret; atque ex eo tempore numquam pleni sanique sensus fuit.
TraduzioneArioaldo, dopo aver esercitato il comando sui Longobardi per dodici anni, fu sottratto a questa luce. Assunse allora il regno dei Longobardi Rotari, arodo di stirpe. Fu uomo di grande forza, che seguiva la via della giustizia, ma tuttavia non camminò sulla retta traccia della fede cristiana, perché si macchiò delle perfidie dell'eresia ariana. Gli ariani per loro perdizione sostengono che il Figlio è minore del Padre, e anche Io Spirito Santo è minore sia del Padre che del Figlio; noi cattolici invece crediamo che il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, unico vero Dio in tre persone, siano di uguale potestà e di pari gloria. Al tempo di questo re in quasi tutte le città del regno c'erano due vescovi, uno cattolico e l'altro ariano. Ancor oggi a Pavia si mostra dove aveva il battistero il vescovo ariano, che risiedeva nella basilica di Sant'Eusebio, mentre a capo della chiesa cattolica c'era un altro vescovo. Tuttavia un vescovo ariano, che fu in quella città, di nome Anastasio, si convertì alla fede cattolica e resse poi la chiesa di Cristo. Il re Rotari riunì e ordinò per iscritto le leggi dei Longobardi, che essi conservavano solo nella memoria e nelle usanze, e volle che quella raccolta fosse chiamata Editto. Era il settantasettesimo anno dalla venuta dei Longobardi in Italia, come lo stesso re attesta nel prologo del suo editto. Arichis, duca di Benevento, inviò a questo re suo figlio Aione. Nel viaggio verso Pavia, giunto a Ravenna, dalla malvagità dei Romani gli fu data una bevanda tale da farlo uscire di mente: e da quel tempo non fu mai più sano e normale di sentimento.
NoteMorte di Arioaldo ed elezione di Rotari: 636 d.C. Editto di Rotari: 643 d.C. Passaggio di Aione da Ravenna: pre 641 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIV, 45
Testo originaleIgitur Rothari rex Romanorum civitates ab urbe Tusciae Lunensi universas quae in litore maris sitae sunt usque ad Francorum fines cepit. Opitergium quoque, civitatem inter Tarvisium et Foroiuli positam, pari modo expugnavit et diruit. Cum Ravennantibus Romanis bellum gessit ad fluvium Aemeliae quod Scultenna dicitur. In quo bello a parte Romanorum, reliquis terga dantibus, octo milia ceciderunt. Eo tempore magnus Romae terrae motus factus est, magnaque tunc fuit inundatio aquarum. Post haec fuit clades scabearum, ita ut nullus potuisset mortuum suum agnoscere propter nimium inflationis tumorem.
TraduzioneIl re Rotari conquistò tutte le città dei Romani poste sulla riva del mare da Luni in Toscana fino ai confini della Francia. Espugnò nello stesso modo e distrusse Oderzo, che si trova fra Treviso e Cividale. Mosse guerra ai Romani di Ravenna, presso il fiume dell'Emilia detto Scultenna; in questa guerra caddero ottomila Romani, mentre gli altri si davano alla fuga. A quel tempo a Roma avvenne un vasto terremoto seguito da una grande inondazione. Dopo di essi scoppiò un'epidemia di scabbia, tale che nessuno poteva più riconoscere un suo morto a causa dell'eccessivo gonfiarsi della tumefazione.
NoteCampagne di Rotari fino alla battaglia dello Scultenna-Panaro: 639/640-643 d.C. Per altre fonti il terremoto e l'epidemia di scabbia a Roma sono da collocare al 615/618 d.C.
PASSO
LocalizzazioneIV, 51
Testo originaleIgitur Aripert postquam aput Ticinum per annos novem Langobardos rexerat diem obiens, regnum duobus filiis suis adhuc aduliscentibus Perctarit et Godeperto regendum reliquit. Et Godepert quidem Ticini sedem regni habuit, Perctarit vero in civitate Mediolanensi. Inter quos fratres, facientibus malignis hominibus, discordiae et odiorum fomes surrexit in tantum, ut alter alterius regnum invadere conaretur. Qua de re Godepertus Garipaldum Taurinatium ducem ad Grimuald Beneventanorum strenuum tunc ductorem direxit, invitans eum, ut quantotius veniret et sibi adversus germanum suum Perctarit auxilium ferret, regisque filiam, suam germanam, ei se daturum promittens. Sed legatus ipse fraudulenter contra suum dominum agens, Grimualdum exhortatus est, ut veniret et Langobardorum regnum, quod aduliscentes germani dissipabant, ipse arriperet, qui aetate maturus, consilio providus et viribus fortis existeret. Grimuald haec audiens, mox animum ad regnum Langobardorum obtinendum erexit. Ordinatumque aput Beneventum Romualdum suum filium ducem, ipse cum electa manu Ticinum profecturus iter arripuit, ac per omnes civitates, per quas viam habuit, sibi amicos et adiutores ad regnum percipiendum adscivit. Transemundum vero comitem Capuanum per Spoletium et Tusciam direxit, ut eius regionis Langobardos suo consortio coaptaret. Qui imperata sibi strenue perficiens, ei cum multis adiutoribus aput Aemiliam in itinere occurrit. Igitur Grimuald, cum prope Placentiam cum robusta virorum multitudine advenisset, Garipaldum, qui legatus ad eum missus a Godeperto fuerat, Ticinum praemisit, ut eidem Godeperto de suo adventu nuntiaret. Qui ad Godepertum veniens, Grimualdum citius adventare dixit. Cumque Godepert ab eo quaereret, quo in loco eidem Grimualdo hospitium parare deberet, Garipald ita respondit: quod dignum esset, ut Grimualdus, qui pro eius causa venerat eiusque sororem accepturus esset, hospitium intra palatium haberet. Quod ita quoque factum est. Nam adveniens Grimuald, intra palatium mansionem accepit. Isdem vero Garipald totius nequitiae seminator Godeperto persuasit, ut non aliter quam lorica sub veste indutus cum Grimualdo locuturus veniret; asserens, quia eum Grimuald occidere vellet. Rursus idem fallendi artifex ad Grimualdum veniens dixit, quod, nisi se fortiter praepararet, eum Godepertus suo gladio perimeret, asseverans, Godepertum, quando cum eo ad conloquendum veniret, loricam sub veste gestare. Quid plura? Cum ad conloquium die crastino venissent, et Godepertum post salutationem Grimualdus amplexatus esset, statim sensit, quod loricam sub veste gestaret. Nec mora, evaginato gladio eum vita privavit. Regnumque eius et omnem potentiam invadens, suae subdidit ditioni. Habebat autem tunc Godepert iam filium parvulum nomine Raginpertum, qui a Godeperti fidelibus sublatus et occulte nutritus est. Nec eum Grimuald persequi curavit, quippe qui adhuc infantulus esset. Quo audito Perctarit, qui aput Mediolanum regnabat, quod germanus eius esset extinctus, quanta potuit velocitate fugam arripuit adque ad regem Avarum cacanum pervenit, uxorem Rodelindam et parvulum filium nomine Cunicpertum relinquens, quos Grimuald Beneventum in exilium direxit. His ita gestis, Garipaldus, cuius instigatione et certamine ista patrata sunt - et non solum haec egerat, sed et fraudem in legatione sua fecerat, dum munera, quae deferre Beneventum debuerat, non integra deportasset - talium ergo operum patrator non diu laetatus est. Erat quidam parvus homunculus ex propria familia Godeperti oriundus in civitate Taurinatium. Is cum Garipaldum ducem ipso sacratissimo paschali die ad orationem in beati Iohannis basilicam venturum sciret, super sacrum baptisterii fontem conscendens laevaque manu se ad columellum tugurii continens, unde Garipaldus transiturus erat, evaginato ense sub amictu tenens, cum iuxta eum Garipald venisset, ut pertransiret, ipse, elevato amictu, toto adnisu eodem ense in cervice percussit caputque eius protinus amputavit. Super quem qui cum Garipaldo venerant inruentes, multis eum ictuum vulneribus occiderunt Qui licet occubuerit, tamen Godeperti sui domini iniuriam insigniter ultus est.
TraduzioneFrattanto Ariperto, dopo aver regnato per nove anni a Pavia sui Longobardi, giunto all'estremo suo giorno, lasciò il governo ai suoi due figli ancora adolescenti, Perctarito e Godeperto. Godeperto stabilì la sede del regno a Pavia, Perctarito a Milano. Tra i due fratelli, per opera di uomini malvagi, nacquero motivi di discordia e di odio, tanto che l'uno tentò di invadere il regno dell'altro. Perciò Godeperto inviò Garipaldo, duca di Torino, da Grimoaldo, allora valoroso duca di Benevento, invitandolo a venire al più presto e a portargli aiuto contro suo fratello Perctarito, promettendo di dargli in moglie la figlia del re, sua sorella. Ma il messaggero, agendo subdolamente contro il suo signore, esortò Grimoaldo a venire — lui che era maturo di età, saggio e valoroso — per impossessarsi del regno dei Longobardi, che i due giovani fratelli mandavano in rovina. Grimoaldo, sentendo ciò, subito innalzò il suo ardire sino alla conquista del regno. Collocato come duca di Benevento suo figlio Romualdo, si mise in marcia, con una scelta schiera, alla volta di Pavia; e in tutte le città per le quali passava, si associava amici e persone disposte a sostenerlo nella conquista del regno. Mandò Transemundo, conte di Capua, attraverso il ducato di Spoleto e la Toscana per portare dalla sua parte i Longobardi di quella regione. Questi, avendo eseguito validamente il suo incarico, gli andò incontro sulla via Emilia con molti seguaci. Giunto quindi Grimoaldo presso Piacenza con una robusta moltitudine di uomini, mandò avanti verso Pavia Garipaldo, che gli era stato inviato come messaggero da Godeperto, perché avvertisse lo stesso Godeperto del suo arrivo. Quindi, giunto da Godeperto, il duca di Torino gli disse che Grimoaldo stava rapidamente avvicinandosi. Chiedendogli il re in quale luogo dovesse far preparare l'alloggio ospitale, Garipaldo rispose che era giusto che Grimoaldo, venuto per la sua causa e in procinto di prendere in sposa sua sorella, fosse ospitato dentro il palazzo reale. E così fu fatto. Grimoaldo, al suo arrivo, fu sistemato nella reggia. Ma Garipaldo, seminatore di ogni malizia, persuase Godeperto a non andare a colloquio con Grimoaldo senza portare la corazza sotto la veste, asserendo che Grimoaldo lo voleva uccidere. E ancora io stesso artefice d'inganni, tornato da Grimoaldo, gli disse che, se non si preparava da uomo forte, Godeperto l'avrebbe ucciso con la sua spada e gli diede questo avviso come prova: che Godeperto, quando fosse venuto a parlare con lui, avrebbe indossato sotto la veste la corazza. Che più? II giorno seguente, venuti a colloquio, quando Grimoaldo dopo i saluti abbracciò Godeperto, subito s'accorse che sotto la veste portava la corazza. Senza indugio, sguainata la spada, gli tolse la vita. impadronitosi del suo regno e di ogni potere, li sottomise alla sua autorità. Godeperto aveva anche un figlioletto di nome Raginperto, che fu portato via e allevato di nascosto dai fedeli del padre. Né Grimoaldo si preoccupò di farne ricerche, dato che era ancora un bimbetto. Udito quanto era avvenuto, Perctarito, che regnava a Milano, poiché suo fratello era stato ucciso, più rapidamente che poté si diede alla fuga e giunse presso il Cacano, re degli Avari, abbandonando la moglie Rodolinda e un figlioletto di nome Cunicperto, che Grimoaldo mandò in esilio a Benevento. Compiute così queste azioni, Garipaldo, per istigazione e opera del quale tutto era accaduto — e non solo di questo era responsabile, ma anche di frode durante l'ambasceria, non avendo consegnato integralmente i doni che avrebbe dovuto portare a Benevento chi dunque aveva ordito tali opere, non ebbe molto tempo per rallegrarsene. C'era allora a Torino un ometto d'umile condizione che faceva parte della famiglia di Godeperto. Costui, avendo saputo che nel santissimo giorno della Pasqua il duca Garipaldo sarebbe andato a pregare nella chiesa del beato Giovanni Battista, salì sul sacro fonte del battistero aggrappandosi con la mano sinistra a una colon-netta che sosteneva il tetto, dalla parte per la quale Garipaldo stava per passare, e nascondendo sotto il mantello la spada sguainata; quando Garipaldo, passando, gli fu accanto, egli, alzato il mantello, gli calò la spada sulla nuca con quanta forza aveva e quasi gli staccò la testa. Balzatigli addosso quelli che erano venuti con Garipaldo, colpendolo ripetutamente lo finirono. Ma anche se cadde, egli vendicò, in maniera insigne, l'offesa fatta al suo signore Godeperto.
NoteMorte di Ariperto ed elezione di Pertarito e Godeperto: 661 d.C. Intervento di Grimoaldo di Benevento: 662 d.C.
PASSO
LocalizzazioneV, 27
Testo originaleSed et Forum Populi, Romanorum civitatem, cuius cives eidem adversa quaedam intulerant Beneventum proficiscenti missosque illius euntes et redeuntes a Benevento saepius laeserant, hoc modo delevit. Quadragesimorurn tempore per Alpem Bardonis Tusciam ingressus, nescientibus omnino Romanis, in ipso sacratissimo sabbato paschali super eandem civitatem, ea hora qua baptismum fiebat, inopinate inruit, tantamque occisorum stragem fecit, ut etiam diacones ipsos, qui infantulos baptizabant, in ipso sacro fonte perimeret. Sicque eandem urbem deiecit, ut usque hodie paucissimi in ea commaneant habitatores.
TraduzioneAnche Forlimpopoli, città dei Romani, i cui cittadini avevano commesso contro di lui atti di ostilità, allorché si dirigeva a Benevento, e avevano spesso fatto del male ai suoi messi che si recavano o tornavano da quella città, fu da lui distrutta in questo modo: al tempo della quaresima, entrato in Toscana attraverso il monte Bardone senza che i Romani se ne accorgessero, il santissimo sabato di Pasqua piombò all'improvviso sulla città nell'ora in cui si amministrava il battesimo, e compì una tale strage, che nel sacro fonte furono massacrati gli stessi diaconi che stavano battezzando i bambini. Inferse a quella città un colpo tale, che ancor oggi in essa rimangono pochissimi abitanti.
NoteDistruzione di Forlimpopoli: ca. 670/671 d.C. Spedizione di re Grimoaldo a Benevento: 663 d.C.
PASSO
LocalizzazioneVI, 3
Testo originaleAt vero Rodoald, quem aput Foroiuli praemisimus ducatum tenuisse, cum ab eadem civitate abesset, Ansfrit de castro Reunia ducatum eius absque regis nutu pervasit. Quo comperto, Rodoald in Histriam fugiit ac deinde navigio per Ravennam Ticinum ad Cunincpertum regem pervenit. Ansfrit vero non contentus ducatum Foroiulanensium regere, insuper contra Cunincpertum rebellans, regnum eius invadere voluit. Sed conprehensus in Verona, ad regem deductus, evulsis oculis, in exilium trusus est. Foroiulano autem ducatui post haec Ado, frater Rodoaldi, lociservatoris nomine per annum et menses septem gubernavit.
TraduzioneIntanto mentre Rodoaldo, che come abbiamo detto era duca di Cividale, si trovava lontano dalla città, Ansfrit, della cittadella di Reunia [Ragonia], senza alcun consenso da parte del re, gli invase il ducato. Saputolo, Rodoaldo fuggì in Istria e di qui in nave via Ravenna giunse a Pavia dal re Cunicperto. Ansfrit, poi, non bastandogli il governo del Friuli, si ribellò anche al re e volle occupare il suo regno. Ma catturato a Verona e condotto davanti al re, gli furono strappati gli occhi e venne cacciato in esilio. In seguito il ducato del Friuli fu governato per un anno e sette mesi da Adone, fratello di Rodoaldo, coi titolo di «conservatore del luogo».
NoteRibellione e sconfitta del duca Ansfrit da parte del re longobardo Cuniperto: 698 d.C.
PASSO
LocalizzazioneVI, 11
Testo originaleInter haec Constantinus imperator aput Constantinopolim moritur, et eius minor filius Iustinianus Romanorum regnum suscepit, cuius per decem annos gubernacula tenuit. Hic Africa a Sarracenis abstulit et cum eisdem pacem terra marique fecit. Hic Sergium pontificem, quia in erroris illius synodo, quam Constantinopolim fecerat, favere et subscribere noluit, misso Zacharia protospathario suo, iussit Constantinopolim deportari. Sed militia Ravennae vicinarumque partium iussa principis nefanda contemnens, eundem Zachariam cum contumeliis ab urbe Roma et iniuriis pepulit.
TraduzioneNel frattempo a Costantinopoli morì l'imperatore Costantino e assunse l'impero dei Romani suo figlio minore Giustiniano, che lo tenne per dieci anni. Egli strappò l'Africa ai Saraceni e fece pace con essi per terra e per mare. Inviò il capo delle sue guardie Zaccaria con l'ordine di deportare a Costantinopoli il pontefice Sergio, perché non aveva voluto appoggiare e sottoscrivere le conclusioni di quel sinodo eretico che l'imperatore aveva convocato a Costantinopoli. Ma l'esercito di Ravenna e dei luoghi vicini, sprezzando gli ordini nefandi del principe, con contumelie e ingiurie cacciò Zaccaria da Roma.
NoteMorte dell'imperatore Costantino IV Pogonato e successione di Giustiniano II [Rinotmeto]: 685 d.C. Spedizione di Zaccaria contro papa Sergio e rivolta delle truppe ravennati: 692 d.C. Concilio Quinisesto di Costantinopoli: 692 d.C.
PASSO
LocalizzazioneVI, 34
Testo originaleAt vero Filippicus, qui et Bardanis dictus est, postquam in imperiali dignitate confirmatus est, Cyrum, de quo dixeramus, de pontificatu eiecto, ad gubernandum monasterium suum Pontum redire praecepit. Hic Filippicus Constantino papae litteras pravi docmatis direxit, quas ille cum apostolicae sedis concilio respuit; et huius rei causa fecit picturas in porticu sancti Petri, quae gesta sex sanctarum sinodorum universalium retinent. Nam et huiusmodi picturas, cum haberentur in urbe regia, Filippicus iusserat auferri. Statuit populus Romanus, ne heretici imperatoris nomen aut chartas aut figuram solidi susciperent. Unde nec eius effigies in ecclesia introducta est, nec nomen ad missarum sollempnia prolatum. Hic cum annum unum et sex mensibus regnum gessisset, contra eum Anastasius, qui et Artemius dictus est, insurgens, eum regno expulit oculisque privavit, nec tamen occidit. Hic Anastasius litteras Constantino papae Romam per Scolasticum patricium et exarcum Italiae direxit, quibus se fautorem catholicae fidei et sancti sexti concilii praedicatorem esse declaravit.
TraduzioneFilippico, detto anche Bardane, dopo che fu confermato nella dignità imperiale, destituì dal pontificato quel Ciro di cui s'è detto e ordinò che ritornasse nel Ponto a reggere il suo monastero. Questo Filippico inviò a papa Costantino una lettera di ispirazione eretica, che il papa respinse con un concilio della sede apostolica; per questo il papa fece dipingere nel portico di San Pietro le vicende dei sei santi sinodi universali. Infatti Filippico, avendo nella sua capitale analoghe pitture, le aveva fatte togliere. Stabilì il popolo romano che non si usasse il nome dell'imperatore eretico, né i suoi sigilli, né la sua immagine sulle monete; per cui la sua effigie non fu più introdotta in chiesa, e il suo nome non fu più pronunciato nella solennità della messa. Dopo appena un anno e sei mesi insorse contro di lui Anastasio, chiamato anche Artemio, che lo cacciò dal regno e gli cavò gli occhi, ma non lo uccise. Questo Anastasio indirizzò a papa Costantino a Roma una lettera per mezzo di Scolastico, patrizio ed esarca d'Italia, con cui si dichiarò fautore della fede cattolica e sostenitore del santo sesto concilio.
NoteRegno di Filippico Bardane: 711-713 d.C. Regno di Anastasio II: 713-715 d.C. Esarcato di Scolastico: 713-723 pre d.C. Sesto concilio corrisponde al III concilio di Costantinopoli: 680-681 d.C.
PASSO
LocalizzazioneVI, 44
Testo originalePer haec tempora Faroaldus Spolitanorum ductor Classem civitatem Ravennantium invasit; sed iussu regis Liutprandi hisdem Romanis reddita est. Contra hunc Faroaldum ducem filius suus Transamundus insurrexit, eumque clericum faciens, locum eius invasit. His diebus Teudo Baioariorum dux gentis orationis gratiam Romam ad beatorum apostolorum vestigia venit.
TraduzioneIn questi tempi Faroaldo, duca degli Spoletani, occupò la città ravennate di Classe, ma per ordine di re Liutprando la restituì ai Romani. Contro questo duca Faroaldo insorse suo figlio Transemundo che, costretto il padre a farsi chierico, prese il suo posto. In quei giorni Teudo, duca dei Bavari, si recò in pellegrinaggio sulle vestigia dei beati apostoli a Roma
NoteOccupazione di Classe da parte del duca Faroaldo II: 716 d.C. Deposizione di Faroaldo da parte di Trasamondo II: 720 d.C. Pellegrinaggio del duca Teudo a Roma: ca. 720 d.C.
PASSO
LocalizzazioneVI, 48-49
Testo originale[48] Liutprand quoque audiens, quod Sarraceni, depopulata Sardinia, etiam loca illa, ubi ossa sancti Augustini episcopi propter vastationem barbarorum olim translata et honorifice fuerant condita, foedarent, misit, et dato magno pretio, accepit et transtulit ea in urbem Ticinensem ibique cum debito tanto patri honore recondidit.
His diebus Narnia civitas a Langobardis pervasa est. [49] Eoque tempore rex Liutprandus Ravennam obsedit, Classem invasit atque destruxit. Tunc Paulus patricius ex Ravenna misit qui pontificem interemerent; sed Langobardis pro defensione pontificis repugnantibus, Spoletinis in Salario ponte et ex aliis partibus Langobardis Tuscis resistentibus, consilium Ravennantium dissipatum est. Hac tempestate Leo imperator aput Constantinopolim sanctorum imagines depositas incendit Romanoque pontifici similia facere, si imperialem gratiam habere vellet, mandavit. Sed pontifex hoc facere contempsit. Omnis quoque Ravennae exercitus vel Venetiarum talibus iussis uno animo restiterunt, et nisi eos pontifex prohibuisset, imperatorem super se constituere sunt adgressi. Rex quoque Liutprand castra Emiliae, Feronianum et Montembellium, Buxeta et Persiceta, Bononiam et Pentapolim Auximumque invasit. Pari quoque modo tunc et Sutrium pervasit. Sed post aliquod dies iterum Romanis redditum est. Per idem tempus Leo augustus ad peiora progressus est, ita ut conpelleret omnes Constantinopolim habitantes tam vi quam blandimentis, ut deponerent ubicumque haberentur imagines tam Salvatoris quamque eius sanctae genetricis vel omnium sanctorum, easque in medium civitatis incendio concremari fecit. Et quia plerique ex populo tale scelus fieri praepediebant, aliquanti ex eis capite truncati, alii parte corporis multati sunt. Cuius errori Germanus patriarcha non consentiens, a propria sede depulsus est, et eius in loco Anastasius presbiter ordinatus est.

Traduzione[48] Liutprando, sentendo che i Saraceni, devastata la Sardegna, infestavano anche quei luoghi ove un tempo, per salvarle dalla profanazione dei barbari, erano state trasportate e onorevolmente sepolte le ossa di Sant'Agostino vescovo, mandò dei messi e, pagando una forte somma, le ottenne, le trasportò a Pavia e le ripose con l'onore dovuto a così grande padre.
In questi giorni, la città di Narni fu occupata dai Longobardi. [49] A quel tempo, re Liutprando assediò Ravenna, e occupò e distrusse Classe. Allora il patrizio Paolo mandò da Ravenna alcuni che uccidessero il pontefice; ma i Longobardi insorsero in sua difesa: gli Spoletani facendo resistenza sul ponte Salario, quelli di Toscana in altre parti; il piano dei Ravennati fu così sventato. In questo tempo, a Costantinopoli, l'imperatore Leone fece rimuovere e bruciare le immagini dei santi e mandò a dire al romano pontefice che, se voleva conservare il favore imperiale, facesse la stessa cosa; ma il pontefice rifiutò con sdegno. Tutto l'esercito di Ravenna e delle Venezie si oppose con unanime volere a tale ordine; e se non li avesse trattenuti il pontefice, erano intenzionati a darsi essi stessi un altro imperatore. Il re Liutprando occupò allora le città emiliane di Feroniano [Pavullo nel Frignano?], Monteveglio, Busseto, Persiceto, Bologna, la Pentapoli e Osimo. Allo stesso modo conquistò allora anche Sutri. Ma dopo qualche giorno la restituì di nuovo ai Romani. In questo stesso tempo l'imperatore Leone arrivò ad azioni ancora peggiori, così da costringere tutti gli abitanti di Costantinopoli, sia con la forza sia con le lusinghe, a rimuovere dovunque si trovassero le immagini del Salvatore, della santa sua genitrice anzi di tutti i santi, e le fece dare alle fiamme in mezzo alla città. E poiché la maggior parte del popolo era riluttante a compiere un simile delitto, parecchi ne fece decapitare, altri furono mutilati nel corpo. Il patriarca Germano, che non voleva acconsentire a questo errore, fu cacciato dalla sua sede, e in suo luogo fu posto il presbitero Anastasio.

NoteTraslazione delle reliquie di Sant'Agostino a Pavia: 722 d.C. Conquista di Narni: 725/726 d.C. Occupazione di Ravenna e Classe: 726 d.C. Spedizione dell'esarco Paolo (723-726 d.C.) contro papa Gregorio II (715-731 d.C.): 723/724 d.C. Decreti iconoclasti dell'imperatore Leone III Isaurico, rivolta dell'Esarcato e Venezie, ed occupazione dei castra Emiliae da parte di re Liutprando: 727 d.C.
PASSO
LocalizzazioneVI, 54-56
Testo originale[54] Per idem tempus Sarracenorum exercitus rursum in Galliam introiens, multam devastationem fecit. Contra quos Carolus non longe a Narbone bellum committens, eos sicut et prius maxima caede prostravit. Iterato Sarraceni Gallorum fines ingressi, usque ad Provinciam venerunt, et capta Arelate, omnia circumquaque demoliti sunt. Tunc Carolus legatos cum muneribus ad Liutprandum regem mittens, ab eo contra Sarracenos auxilium poposcit; qui nihil moratus cum omni Langobardorum exercitu in eius adiutorium properavit. Quo conperto gens Sarracenorum mox ab illis regionibus aufugit; Liutprandus vero cum omni suo exercitu ad Italiam rediit. Multa idem regnator contra Romanos bella gessit, in quibus semper victor extitit, praeter quod semel in Arimino eo absente eius exercitus caesus est, et alia vice, cum aput vicum Pilleum, rege in Pentapoli demorante, magna multitudo horum qui regi munuscula vel exenia vel singularum ecclesiarum benedictiones deferebant, a Romanis inruentibus caesa vel capta est. Rursus cum Ravennam Hildeprandus, regis nepus, et Peredeo Vicentinus dux optinerent, inruentibus subito Veneticis, Hildeprandus ab eis captus est, Peredeo viriliter pugnans occubuit.
Insequenti quoque tempore Romani, elatione solita turgidi, congregati universaliter, habentes in capite Agathonem Perusinorum ducem, venerunt ut Bononiam conprehenderent, ubi tunc Walcari, Peredeo et Rotcari morabantur in castris. Qui super Romanos inruentes, multam de eis stragem fecerunt reliquosque fugam petere conpulerunt.
[55] His diebus Transamundus contra regem rebellavit. Super quem rex cum exercitu veniens, ipse Transamundus Romam fuga petiit. In cuius loco Hildericus ordinatus est. Mortuo autem Romualdo iuniore Beneventanorum duce, qui viginti et sex ducatum tenuerat annis, Gisulfus, eius filius adhuc parvolus, remansit. Contra quem aliqui insurgentes, eum moliti sunt extinguere; sed Beneventanorum populus, qui suis ductoribus semper fidelis extitit, eos perimerunt, sui ducis vitam servantes. Qui Gisulfus dum adhuc propter aetatem puerilem idoneus ad tantum populum regendum non esset, Liutprand rex Beneventum tunc veniens, eum exinde abstulit et aput Beneventum suum nepotem Gregorium ducem ordinavit, cui in matrimonio uxor sociata Giselperga nomine fuit. Ita rex Liutprand rebus conpositis ad suum solium remeavit; Gisulfumque suum nepotem paterna pietate erudiens, ei Scaunipergam nobili ortam progenie in matrimonium iunxit. Ipse rex eo tempore in langorem decidens, morti adproximavit.
Quem Langobardi vita excedere existimantes, eius nepotem Hildeprandum foras muros civitatis ad basilicam sanctae Dei genetricis, quae ad Perticas dicitur, regem levaverunt. Cui dum contum, sicut moris est, traderent, in eius conti summitate cuculus avis volitando veniens insedit. Tunc aliquibus prudentibus hoc portentu visum est significari, eius principatum inutilem fore. Rex autem Liutprand cum hoc cognovisset, non aequo animo accepit; tamen de infirmitate convalescens, eum regni sui consortem habuit.
Evolutis dehinc aliquod annis, Transamundus, qui Romam fugerat, Spoletium rediens, Hildericum extinxit rursumque contra regem rebellionis audaciam sumpsit.
[56] At vero Gregorius dum aput Beneventum annis septem ducatum gessisset, vitam exemptus est. Post cuius obitum Godescalcus dux effectus, annis tribus Beneventanis praefuit; cui in coniugio uxor sociata nomine Anna fuit. Rex igitur Liutprand talia de Spoletio sive Benevento audiens, rursum cum exercitu Spoletium petiit. Qui Pentapolim veniens, dum a Fano civitatem Forum Simphronii pergeret, in silva, quae in medio est, Spoletini se cum Romanis sociantes, magna incommoda regis exercitui intulerunt. Qui rex in novissimo loco Ratchis ducem et eius fratrem Aistulfum cum Foroiulanis constituit. Supra quos Spoletini et Romani inruentes, aliquos ex eis vulneraverunt. Sed tamen Ratchis cum suo germano et aliquibus viris fortissimis omne illud pugnae pondus sustinentes viriliterque certantes, multisque trucidatis, se suosque exinde, praeter ut dixi paucis sauciatis, eximerunt. Ibi quidam Spoletinorum fortissimus Berto nomine nominative Ratchis adclamans, armis instructus super eum venit. Quem Ratchis subito percutiens, equo deiecit. Cumque eum eius socii perimere vellent, eum pietate solita fugere permisit. Qui manibus pedibusque reptans, silvam ingressus evasit. Super Aistulfum vero in quodam ponte duo fortissimi Spoletini a tergo venientes, unum eorum aversa cuspide feriens de eodem ponte deiecit, alterum vero, subito ad eum conversus, vita privatum post socium mersit.

Traduzione[54] Nello stesso tempo, un esercito dí Saraceni, entrato di nuovo in Gallia, provocò gravi devastazioni. Carlo attaccò battaglia non lontano da Narbona, come in precedenza, e ne menò grande strage. Di nuovo i Saraceni, entrati nei territori dei Galli, si spinsero fino in Provenza e, presa Arles, distrussero ogni cosa tutto attorno. Allora Carlo, mandando ambasciatori con doni al re Liutprando, gli chiese aiuto contro i Saraceni; il re mosse senza indugio in aiuto di Carlo con tutto l'esercito dei Longobardi. Avendolo saputo, il popolo saraceno fuggì da quelle regioni e Liutprando con tutto il suo esercito ritornò in Italia.
In seguito anche i Romani, gonfi della solita superbia, si radunarono tutti insieme con a capo Agatone, duca di Perugia, e vennero per prendere Bologna, dove allora avevano il campo Walcari, Peredeo e Rotcari. Ma questi ultimi, piombando sui Romani, ne fecero una grande strage, e costrinsero i superstiti a fuggire. Questo re [Liutprando] fece molte guerre contro i Romani, e in esse risultò sempre vincitore, tranne una prima volta a Rimini, quando, in sua assenza, il suo esercito fu battuto; e un'altra volta quando, presso il villaggio di Pilleo [Peglio], mentre il re era nella Pentapoli, una grande moltitudine di popolo che portava al re piccole offerte o doni di ospitalità o la benedizione di singole comunità ecclesiali, fu attaccata all'improvviso dai Romani, e sterminata o fatta prigioniera; infine, quando Ildeprando, nipote del re, e Peredeo, duca di Vicenza, occupavano Ravenna, e per un improvviso assalto dei Veneti Ildeprando fu da loro catturato e Peredeo cadde combattendo valorosamente.
[55] In quei giorni Transemundo si ribellò contro il re. Ma, quando il re gli venne addosso con l'esercito, Transemundo si rifugiò a Roma. Al suo posto fu nominato Ilderico. Morto anche Romualdo II, duca di Benevento, che aveva tenuto il ducato per ventisei anni, restò suo figlio Gisulfo, ancora fanciullo. Alcuni insorsero contro di lui e cercarono di ucciderlo; ma il popolo di Benevento, che fu sempre fedele ai suoi governanti, mandò a morte gli insorti, salvando la vita al suo duca. Poiché Gisulfo, per l'età troppo giovane, non era in grado di governare un così grande popolo, re Liutprando venne a Benevento e lo destituì, nominando duca suo nipote Gregorio, al quale fu unita in matrimonio Giselperga. Sistemate in tal modo le cose, re Liutprando ritornò alla sua reggia; allevò con paterna pietà suo nipote Gisulfo e lo unì in matrimonio con Scauniperga, di nobile stirpe.
In questo tempo il re cadde ammalato, e fu vicino a morte. I Longobardi, stimandolo ormai prossimo a lasciare questa vita, fuori delle mura della città, nella chiesa della santa madre di Dio chiamata Alle Pertiche, acclamarono re suo nipote Ildeprando. Mentre, com'è costume, gli consegnavano l'asta, sulla punta dell'arma venne a posarsi, volando, un cuculo. Ad alcuni saggi quel portento parve significare che il suo principato sarebbe stato inutile. Il re Liutprando, come ne venne a conoscenza, non la prese bene; tuttavia, quando cominciò a riprender salute, dopo la malattia, associò il nipote al regno.
Trascorsi ancora alcuni anni, Transemundo, che era fuggito a Roma, tornò a Spoleto, uccise Ilderico e di nuovo riprese l'ardire di ribellarsi al re.
[56] Gregorio, dopo aver retto per sette anni il ducato di Benevento, uscì da questa vita. Dopo la sua morte, Godescalco, nominato duca, governò i Beneventani per tre anni. A lui fu unita in matrimonio Anna. Il re Liutprando, quando sentì tali notizie di Spoleto e di Benevento, di nuovo si diresse con l'esercito contro Spoleto. Passati i confini della Pentapoli, dalla città di Fano si dirigeva verso Fossombrone, quando, in una selva che è a metà strada, gli Spoletani, unitisi con i Romani, provocarono gravi difficoltà all'esercito del re. Questi collocò nella retroguardia il duca Ratchis e suo fratello Astolfo con i Friulani. Gli Spoletani e i Romani li attaccarono ferendone alcuni. Tuttavia Ratchis col fratello e alcuni uomini valorosissimi sostennero tutto il peso di quella battaglia, combattendo animosamente, uccisero molti nemici e riuscirono a sottrarsi all'agguato insieme ai loro uomini, tranne pochi che, come ho detto, rimasero feriti. Nello scontro il più valoroso tra quelli di Spoleto, di nome Bertone, chiamò Ratchis per nome e gli si buttò sopra con le armi; Ratchis, con un colpo improvviso, lo fece cadere dal cavallo. I suoi compagni volevano ucciderlo, ma lui, con la consueta pietà, lo lasciò fuggire. E quello, strisciando sulle mani e sui piedi, raggiunse la selva e sparì. Astolfo poi, sopra un ponte, fu aggredito alle spalle da due fortissimi Spoletani: ruotando la lancia, uno lo ferì precipitandolo dal ponte; voltatosi poi di scatto, uccise l'altro e lo gettò in acqua dietro il suo compagno.

NoteSpedizione di re Liutprando contro gli Arabi in Provenza: 737/738 d.C. Spedizione del duca Agatone su Bologna: ca. 734 d.C. Sconfitte dei Longobardi a Rimini e Peglio: ca. 730/735 e ca. 739 d.C. Occupazione longobarda e riconquista bizantina di Ravenna: 734 d.C. Rivolte e sconfitte del duca Trasamondo II di Spoleto: 739 e 742 d.C. Morte di Romualdo II di Benevento e lotte di successione: 731-732 d.C. Morte del duca Gregorio di Benevento e successione di Godescalco: 739 d.C. Battaglia tra Fano e Fossombrone: 742 d.C.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 06/02/2012
fonte

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.