PERSONAGGIO
PERSONAGGIO STORICO
Nome sceltoGiovanni V arcivescovo
Dati anagraficiprima metà VIII d.C.
Nome estesoIohannes quintus iunior
Luogo di morteRavenna
Data di morte744 d.C.
QualificaVescovo
Note biograficheGiovanni fu eletto arcivescovo nel 726 dopo alcuni mesi di sede vacante dopo la morte del predecessore Felice. Il suo mandato fu segnato dalla pressione che Ravenna subì a causa dei Longobardi e della debolezza e diffidenza dell'esarco Eutichio, tornato a Ravenna nel 728 dopo quindici anni, e forse anche per questa situazione il rapporto con Roma si mantenne sempre buono; forse anche per questo non ugualmente lo fu con la chiesa ravennate, per cui dovette passare almeno un anno nelle Venezie in esilio. Nel 731 partecipò ad un concilio a Roma che condannò definitivamente, per l'Occidente, l'iconoclastia; nello stesso anno dotò il monastero di Sant'Apollinare in Classe di molti beni in cambio della sepoltura in basilica e della memoria per diversi anni: la donazione fu tanto ricca che il monastero volle tutelarla facendola trascrivere su pietra, ancora conservata nella basilica classense. Nello stesso periodo però un terremoto fa crollare la basilica Petriana, che non sarà ricostruita: in quegli anni Ravenna e Classe furono più volte assediate ed occupate dai Longobardi, e la seconda iniziò così la definitiva decadenza. Nel 742 assieme ai notabili della città invoca l'intervento di papa Zaccaria per fermare l'invasione longobarda di re Liutprando e lo accoglie nella sua permanenza in Esarcato, riaffermando gli ottimi rapporti con la sede petrina. Scampato il pericolo, Giovanni morì di lì a poco, nel 744.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 24/01/2012
personaggio storico

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.