PERSONAGGIO
PERSONAGGIO STORICO
Nome sceltoEutichio
Dati anagraficiprima metà VIII d.C.
Nome estesoEutychius
Luogo di morteRavenna
Data di mortegiugno 751
QualificaGenerale
Note biograficheEutichio, eunuco e forse funzionario di palazzo alla corte di Costantinopoli, è l’ultimo esarco e quello rimasto in carica più a lungo, testimone della definitiva dissoluzione dei domini bizantini in Italia settentrionale, probabilmente più militarmente impegnato coi dissidenti interni che coi nemici esterni, i Longobardi. Il suo primo incarico deve essere stato nel 710 la soppressione della rivolta che a Ravenna aveva portato all’assassinio del predecessore Giovanni Rizocopo e alla creazione di un governo autonomo sotto la guida del nobile locale Giorgio: Eutichio doveva intervenire con la forza, ma la caduta di Giustiniano II nel dicembre 711 fecero desistere ogni ostilità e l’esarco poté prendere i suoi incarichi regolari. Durante le congiure e le rivolte che tra 711 e 717 sconvolsero Costantinopoli Eutichio dovette rimanere in disparte e nel 727, quando l’esarco Paolo fu ucciso in una rivolta, Eutichio fu nominato per la seconda volta esarco dall’imperatore Leone III l’Isaurico e giunse in Italia col medesimo incarico del predecessore, imporre i decreti iconoclasti. Il suo fallimento, militare e diplomatico, nei confronti di Roma, portarono nel tempo ad una tale debolezza che dovette aspettare un patto tra papa Gregorio II e il re longobardo Liutprando per entrare, già in avanzato 728, a Ravenna. Da qui poi dovrà fuggire nel 734, quando un esercito longobardo riuscì ad occupare la città: si rifugiò nelle Venezie, dove riuscì ad imporre l’autorità bizantina rispetto all’autonomia del duca Orso e a guidare la riconquista di Ravenna forse già nel 735. Fu l’unica sua vittoria: il concilio romano del 731 sancì la fine dell’iconoclastia in Italia, Ravenna subì un altro assedio finito solo col pagamento di un forte tributo, nel 742 il ducato di Venezia ottenne di nuovo la possibilità di eleggersi da solo il duca, nello stesso anno Ravenna fu salvata dalla definitiva invasione longobarda solo grazie all’intervento diretto di papa Zaccaria. Infine, nel giugno 751 re Astolfo decise la conquista definitiva di Ravenna ed Eutichio morì tentando vanamente di difenderla, sancendo la fine dell’Esarcato.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

ultima modifica: 24/01/2012
personaggio storico

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.