PERSONAGGIO
PERSONAGGIO STORICO
Nome sceltoFelice
Dati anagraficiinizi VIII d.C.
Nome estesoFelix
Luogo di nascitaRavenna
Data di nascitaseconda metà VII d.C.
Luogo di morteRavenna
Data di morte25 novembre 725 d.C.
QualificaVescovo
Note biograficheCresciuto nella gerarchia ecclesiastica ravennate, Felice era abate di San Bartolomeo quando fu eletto arcivescovo il 31 marzo 709. Il suo mandato fu segnato dai conflitti: all'inizio entrò in contrasto con papa Costantino sulle formule dell'obbedienza ecclesiastica, e pochi mesi dopo fu oggetto della ritorsione bizantina all'appoggio dato alle congiure che avevano rovesciato Giustiniano II nel 695. Costui, tornato al potere, inviò truppe in Italia che posero in ceppi la nobiltà ravennate e ridussero all'obbedienza quella romana. Felice fu portato a Costantinopoli con la nobiltà ravennate: furono torturati e mutilati, diversi giustiziati. L'arcivescovo fu confinato sul mar Nero e poté tornare a Ravenna solo nel 712, dopo la definitiva eliminazione di Giustiniano II, la cui testa giunse a Ravenna con l'arcivescovo. Negli anni successivi Felice, venerato come un martire, si diede ad una profonda opera di ordinamento della curia arcivescovile, intervenendo sulla gestione dell'immenso patrimonio, sulla biblioteca, sull'archivio, sui testi liturgici e sul patrimonio culturale: tra le sue iniziative, la più duratura è la collazione dei sermoni di S. Pietro Crisologo, base delle edizioni moderne. Lui stesso scrisse diverse opere che però bruciò prima di morire, fatto accaduto nel novembre 725.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

ultima modifica: 24/01/2012
personaggio storico

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.