PERSONAGGIO
PERSONAGGIO STORICO
Nome sceltoPietro IV
Dati anagraficiX d.C.
Nome estesoPetrus quartus iunior
Luogo di nascitaImola
Data di nascitafine IX d.C.
Luogo di morteRavenna
Data di mortefine X d.C.
QualificaVescovo
Note biograficheD'origine imolese o bolognese, Pietro IV era stato probabilmente un fedele od un collaboratore di papa Giovanni X, e forse era stato eletto grazie al suo momento di favore. L'anno dopo l'elezione, avvenuta nel 927 dopo qualche mese di sede vacante, la caduta di Giovanni X a Roma lasciò Pietro in balìa dei potenti che si contendevano l'Italia, ma ne uscì potendo affermare una forte autonomia politica, probabilmente grazie agli immensi beni fondiari e al coinvolgimento dell'aristocrazia militare dell'Esarcato e della Pentapoli, come si evince dalla copiossa documentazione d'archivio: la sua posizione di forza si nota dalle citazioni privilegiate all'incoronazione a re d'Italia di Ottone I a Pavia nel 951 e nella dieta di Augsburg del 952. I due, che probabilmente strinsero buoni rapporti si reincontrarono a Ravenna nel 963, quando l'arcivescovo accoglie l'imperatore Ottone sceso in Italia per eliminare definitivamente Berengario II del Friuli. Poco dopo Pietro dovette affrontare la crisi più dura del suo lungo episcopato: nel dicembre 965 il diacono Rainerio, fratello del conte Guido che darà vita ad una plurisecolare famiglia signorile, si pone in testa ad una rivolta contro l'arcivescovo, riesce a catturarlo, a depredare l'episcopio e a rinchiudere Pietro nella propria roccaforte a Modigliana. Nell'ottobre 966 l'intervento diretto di Ottone I porta alla liberazione di Pietro, che per il futuro compie alcune riforme dell'archivio, tra cui probabilmente la redazione di un registro degli atti notarili, una copia incompleta del quale è oggi conservato col nome di Codice Bavaro. Pietro IV è pienamente ristabilito nei suoi poteri e in vari concili, diete e sinodi nel 967 viene pienamente reintegrato, seppure riposto sotto l'autorità ultima del papato. Ma la realizzazione di una residenza per Ottone I a Ravenna, che poi ampiamente usata anche dai successori, dimostra la centralità della sede esarcale nella politica imperiale, anche come contraltare politico a Roma, ruolo che ricoprirà anche nel secolo successivo. Pietro IV è di fatto uno dei principali signori d'Italia e probabilmente si sceglie il successore Onesto, che entra in carica prima che Pietro muoia: nell'ottobre 971 Pietro firma un documento mentre risulta che il successore Onesto sia già in carica, e poco dopo l'anziano presule abdica lasciando il nobile Onesto come unico arcivescovo.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 23/01/2012
personaggio storico

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.