PERSONAGGIO
PERSONAGGIO STORICO
Nome sceltoPupieno Massimo
Dati anagraficica. 178-238 d.C.
Nome estesoM. Clodius Pupienus Maximus
Luogo di nascitaRoma
Data di nascita178 ca. d.C.
Luogo di morteRoma
Data di morte29 luglio 238 d.C.
QualificaImperatore
Note biograficheClodio Pupieno nasce in una famiglia della più alta nobiltà romana, il patriziato, con antenati provenienti dall'élite di Atene, e svolge una brillante carriera senatoriale di carattere militare sotto l'imperatore Alessandro Severo, giungendo alla legazione della Germania, mentre, forse, suo figlio otteneva il consolato nel 236. Era così uno dei personaggi più in vista del senato quando all'inizio del 238 viene eletto nella commissione vigintivirale che doveva affrontare l'imperatore Massimino il Trace, un tempo riconosciuto ed ora trattato come nemico dello stato. La commissione doveva appoggiare i Gordiani, senatori, rivoltatisi in Africa e riconosciuti come imperatori, ma alla loro sconfitta e vista la presenza di Massimino in Italia, il 22 aprile il senato elegge Pupieno imperatore assieme a Clodio Balbino, e poco dopo a loro viene aggiunto Gordiano III per accontentare plebe e pretoriani: vista l'attitudine militare di Pupieno, gli viene affidata la guerra contro Massimino, impegnato ad assediare Aquileia. Pupieno si reca a Ravenna, dove comincia ad organizzare l'esercito e la difesa della città e del porto militare. La situazione però si risolse da sola poiché i soldati di Massimino lo uccisero e si consegnarono a Pupieno, che così poté tornare a Roma già a metà maggio 238. La situazione però evolse in una rottura con la guardia pretoriana e nell'immobilismo del senato, molto coinvolto da Pupieno e Balbino e diviso su tutto come i due augusti: il 29 luglio una congiura di pretoriani uccise i due augusti acclamando il giovanissimo Gordiano III come unico imperatore.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 23/01/2012
personaggio storico

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.