PERSONAGGIO
PERSONAGGIO STORICO
Nome sceltoLeone
Dati anagraficiseconda metà VIII d.C.
Nome estesoLeo
Luogo di morteRavenna
Data di morte14 febbraio 777 d.C.
QualificaVescovo
Note biograficheLeone compie la carriera ecclesiastica all’interno della chiesa ravennate e, da stretto collaboratore dell’arcivescovo Sergio, viene designato come suo successore. Ma nel 769, alla morte di Sergio, la sua elezione è contrastata dalla nobiltà militare dell’ex Esarcato, molto legata al regno longobardo., che appoggia lo scriniario (archivista) Michele. Il duca di Rimini Maurizio arriverà a catturare Leone a Ravenna e a tradurlo a Rimini dove rimarrà prigioniero per qualche mese: in risposta papa Stefano III ottiene l’intervento del re franco Carlo Magno che con la sola minaccia e con le truppe in Italia, ottenne il rilascio e l’insediamento di Leone. Nonostante l’aspirazione ad una maggiore autonomia da Roma, Leone come Sergio mantenne buoni rapporti con Roma e soprattutto con la monarchia franca, in un’ottica antilongobarda. Rispetto al papato, indebolito dalle lotte interne, nel 772 Leone fa arrestare Paolo Afiarta, messo papale ma anche agente al servizio della monarchia longobarda, caduto in disgrazia con la morte di Stefano III e l’elezione di Adriano II: Leone non solo arrestò il traditore, ma di sua iniziatica fece processare e giustiziare Paolo, imponendo la sua autorità sul papato, che voleva il prigioniero a Roma, e mettendosi in bella mostra rispetto alla nobiltà franca, che vedeva eliminato un personaggio scomodo. Questo episodio fu probabilmente decisivo per convincere il re longobardo Desiderio ad intraprendere un’azione decisiva per le sorti del suo regno, e nel 772 invade l’Esarcato, occupando Faenza e Comacchio e depredando il territorio attorno a Ravenna, posta sotto assedio. Dopo alcuni mesi di inutili trattative, papa Adriano II chiede l’intervento diretto di Carlo Magno, che intraprenderà la campagna definitiva con la quale diverrà re dei Longobardi. La tradizione ravennate si arroga parte dei meriti nella vittoria carolingia: l’arcivescovo Leone avrebbe inviato un suo messo, il futuro successore Martino, ad aiutare i Franchi a superare lo sbarramento creato dai Longobardi in val di Susa. Dopo la vittoria franca Leone intraprese una guerra diplomatica con papa Adriano II per affermarsi agli occhi di Carlo Magno per vedersi riconosciuto il proprio potere sull’Esarcato e i dintorni, dove gli amministratori locali erano più fedeli a lui che al papa, a cui spettava nominalmente il potere. Nel febbraio 777, alla sua morte, Leone poteva vantare la parziale vittoria, sua e della chiesa ravennate, sul papa e la chiesa romana.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 22/01/2012
personaggio storico

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.