PERSONAGGIO
PERSONAGGIO STORICO
Nome sceltoTeoderico
Dati anagrafici454-536 d.C.
Nome estesoFl. Theodericus
VariantiÞiudareiks
VariantiTeodorico
Luogo di nascitaPannonia
Data di nascita454 d.C.
Luogo di morteRavenna
Data di morte30 agosto 526 d.C.
QualificaRe
Note biograficheTeoderico, o come impostosi nella lingua italiana Teodorico, nasce all’interno della famiglia reale gota degli Amali, che da generazioni dava condottieri e re a Goti e Ostrogoti nelle loro peregrinazioni tra la Scandinavia e le pianure sarmatiche. Nato durante lo stanziamento in Pannonia del suo popolo, probabilmente avviato sin da bambino all’esercizio delle armi e del comando militare, trascorre dieci anni a Costantinopoli nella corte dell’imperatore Leone, finché nel 474 torna tra i Goti per succedere al padre appena morto come re. Per altri 15 anni si rivela un fidato alleato dell’impero contro diversi popoli barbarici: nel 489 ottiene dall’imperatore Zenone la giurisdizione sull’Italia che deve conquistare al re Odoacre, a cui Costantinopoli toglie il riconoscimento. Dopo quattro anni, di cui tre passati ad assediare ed assaltare Ravenna, Teoderico conquista la penisola ed il potere: Ravenna nel frangente dimostra tutta la sua efficacia in quanto resiste all’assedio grazie ai rifornimenti via mare, che potevano giungere su più porti, e agli assalti grazie ad un efficace sistema difensivo sia per terra che rispetto al mare, da dove Teoderico tenta degli attacchi anche notturni. Così, presa la città grazie ad un accordo subito tradito con Odoacre, Teoderico vi si insedia subito lasciando la primitiva sede di Verona. Non appena entrato definitivamente in possesso della città, Teoderico si dimostra un regnante di cultura e carisma pari ai più importanti imperatori romani: promuove la costruzione di edifici ed opere pubbliche esaltando sia i goti e la fede ariana, sia gli abitanti locali e la cultura romana, come indicano la promozione del quartiere vescovile ariano, il restauro dell’acquedotto traianeo e della rete idrica cittadina, il restauro della basilica civile dedicata ad Ercole, la protezione della comunità ebraica, ma anche la possibilità di costruire luoghi ed edifici, soprattutto fuori città, da parte dei cattolici. Ugualmente non tollera disordini civili, né intemperanze, neppure se perpetrate da goti verso romani. Manterrà sempre rapporti cordiali ma fermi nei confronti di Roma, sia col senato che con la Chiesa, senza mai però essere accettato in pieno e finendo, soprattutto col primo, in insanabili contrasti che porteranno ai processi politici degli ultimi anni del suo regno. Poco prima della morte promuoverà il monumento simbolo della sua personalità e del suo regno, il mausoleo che il porta il suo nome e che risulta una mirabile opera di ingegneria monumentale. Altri importanti interventi sono stati nel palazzo imperiale, di cui però restano solo alcuni lacerti di mosaico recuperati in scavi archeologici e la chiesa palatina da lui voluta per il culto ariano: la basilica di Sant’Apollinare Nuovo rappresenta la sfida di Teoderico e della cultura ariana nel campo della decorazione e del messaggio dati dal mosaico parietale monumentale, una sfida che ancora oggi si può apprezzare. I mosaici raffiguranti il Palazzo e Classe suggeriscono l’ampiezza di vedute del sovrano, conscio dell’importanza di una città fiorente e di un porto commerciale e militare attivo, e che per il quale infatti farà approntare strutture ed imbarcazioni con notevoli investimenti: a questo saranno legate anche le imprese militari che lo vedranno vittorioso in Gallia, ma anche in Dalmazia e Illirico. La sua principale sconfitta, oltre che nei rapporti con gli ambienti di Roma, sarà con la nobiltà gota, che non accetterà mai del tutto la sua opera di armonizzazione con l’elemento romano, come dimostrato dagli atteggiamenti di Eutarico, per anni di fatto il numero due del regno: il carisma di Teoderico era tale da garantire la stabilità della scena sociale anche per alcuni anni dopo la sua morte, avvenuta a Ravenna per una rapida malattia alla fine dell’agosto 526.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2012
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 22/01/2012
personaggio storico

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.