FONTE
FONTE
AutoreAnonimo
Titolo operaChronica Gallica ad annum 452
Anno453 d.C.
Periodoetà dei teodosidi
EpocaTarda Antichità
Noteed.: T. Mommsen (ed.), Chronica minora saec. IV, V, VI, VII, vol. 1, Berlin 1892 (rist. anast. Muenchen 1981), pp. 615-666 (= Chronica Gallica).
PASSO
Localizzazione77-78
Testo originaleOl. CCXCVIIII. [77] XXII. Placidia, soror imperatoris diu captiva, postea etiam regis uxor, rege fraude sublato Constanti conubio sociatur. [78] Gothi, cum se iterum Atauulpho perempto movissent, Constantii repelluntur occursu.
TraduzioneOlimpiade duecentonovantanovesima. [77] Ventiduesimo anno di regno di Onorio. Placidia, sorella dell'imperatore a lungo prigioniera, poi moglie del re [Ataulfo], ucciso il re in una congiura, è unita in matrimonio a Costanzo [III].
Note416 d.C.; il matrimonio tra Costanzo III e Galla Placidia si è svolto a Ravenna.
PASSO
Localizzazione88-93
Testo originaleOl. CCCI. [88] XXX. Constantio dignitas imperii ab Honorio sponte delata, qua vix octo mensibus usus interit, Valentiniano VIII annorum filio derelicto. [89] Maximus tyrannus de regno deicitur ac Ravennam perductus sublimem spectaculorum pompam tricennalibus Honori praebuit. [90] XXXI. Placidia cum insidias fratri tendere deprehensa esset, Romam exilio relegata. [91] XXXII. Honorius Ravenna defunctus. [92] Nullo iure debitum Iohannes ex primicerio notariorum regnum sumit. [93] Convulneratum multis cladibus reliquit imperium.
TraduzioneOlimpiade trecentunesima. [88] Trentesimo anno di regno di Onorio. Costanzo [III], avuta per volontà di Onorio la dignità imperiale, la tenne per circa otto mesi e morì, lasciando il figlio di otto anni Valentiniano [III]. [89] L’usurpatore Massimo, spodestato del regno e condotto a Ravenna, è mostrato nello splendido corteo delle celebrazioni per i trent’anni di regno di Onorio. [90] Trentunesimo anno di regno di Onorio. Placidia, essendo il fratello ansioso per la paura di intrighi, è relegata a Roma in esilio. [91] Trentaduesimo anno di regno di Onorio. Onorio muore a Ravenna. [92] Senza averne diritto l'ex direttore dei notai Giovanni prende il regno. [93] Lascia l'impero ferito profondamente da molti colpi.
NoteElezione di Costanzo III a imperatore: 420 d.C.; morte di Costanzo III: 421 d.C., quando Valentiniano aveva però solo 2 anni; cattura ed esecuzione di Massimo: 422 d.C.; Galla Placidia si recò a Costantinopoli e non a Roma nel 423 d.C. e non nel 422; morte di Onorio e usurpazione di Giovanni primicerio: 423 d.C.
PASSO
Localizzazione97-101
Testo originaleOl. CCCII. [97] II. In Galliis Exuperantis praefectus a militibus interficitur. [98] Muro Carthago circumdata, quae ex tempore, quo vetus illa destructa est, sanctione Romanorum, ne rebellioni esset munimentum, muris non est permissa vallari. [99] Iohanne ab exercitu Orientis victo et perempto Ravenna depraedatione vastata est. [100] Aetius Gaudenti comitis a militibus in Galliis occisi filius cum Chunis Iohanni opem laturus Italiam ingreditur. [101] III. Valentinianus Romae imperator factus.
TraduzioneOlimpiade trecentoduesima. [97] Secondo anno di regno di Teodosio II da solo. In Gallia il prefetto Esuperanzio è ucciso dai soldati. [98] Cartagine è circondata da mura, le quali dal tempo antico nel quale fu distrutta, per decisione dei Romani perché fosse di monito rispetto a ribellioni, non fu permesso che fosse difesa da mura. [99] Dopo che Giovanni fu vinto e ucciso dall’esercito Orientale, Ravenna viene devastata dal saccheggio. [100] Ezio, figlio del conte Gaudenzio ucciso dai soldati in Gallia, entra in Italia con gli Unni a portare guerra contro Giovanni [usurpatore]. [101] Terzo anno di regno di Teodosio II da solo. Valentiniano [III] è proclamato impertore a Roma.
Note424-426 d.C.; l'incoronazione di Valentiniano III è avvenuta in realtà entro il 425.
PASSO
Localizzazione115-116
Testo originaleOl. CCCIV (...) [115] XI. Aetius in gratiam receptus. [116] Rugila rex Chunorum, cum quo pax firmata, moritur, cui Bleda succedit.
TraduzioneOlimpiade trecentoquattresima. (...) [115] Undicesimo anno di regno di Teodosio II da solo. Ezio ritorna in accordo [con la corte di Ravenna]. [116] Rugila [Rua], re degli Unni, col quale era stato firmato un accordo, muore e gli succede Bleda.
Note434 d.C., ma probabilmente entrambi i fatti sono da collocare al 435.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2011
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 17/07/2015
fonte

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.