FONTE
FONTE
AutoreRufio Festo
Titolo operaBreviarium rerum gestarum populi romani
Anno370 d.C.
Periodoetà dei valentiniani
EpocaTarda Antichità
Noteed.: M.-P. Arnaud-Lindet (ed.), Abrégé des hauts faits du peuple romain, Paris 1994.
PASSO
Localizzazione6.1-2
Testo originale[1] Cum Gallis gravissima bella populi Romani. Galli enim etiam eam partem Italiae, in qua nunc Mediolanum est, usque ad Rubiconem fluvium tenebant in tantum viribus freti, ut Romam ipsam bello peterent, caesis exercitibus Romanis moenia urbis intrarent, Capitolium obsiderent, ad cuius arcem sescenti nobilissumi senatores confugerant; qui M auri libris se ab obsidione redemerunt. Postea, Gallos cum victoria remeantes, Camillus qui in exilio erat, collecta de agris multitudine oppressit aurum et signa quae Galli ceperant, reportavit. [2] Cum Gallis multi consules praetores ac dictatores eventu vario conflixerunt. Marius Gallos de Italia expulit, transcensis Alpibus feliciter adversus eos pugnavit.
Traduzione[1] Contro i Galli il popolo romano condusse durissime guerre. Del resto i Galli controllavano quella parte d'Italia, nella quale è ora Milano, che arriva al fiume Rubicone, con un tale moltitudine di uomini, che portarono la guerra fino alla stessa Roma; sconfitti gli eserciti romani, entrarono nelle mura della città, e assediarono il Campidoglio, nella cui cittadella si rifugiarono seicento illustri senatori; i Galli si ritirarono dall’assedio con mille libbre d’oro [ca. 330 kg.]. Successivamente, mentre i Galli tornavano con la vittoria, Camillo, che era in esilio, raccolta una moltitudine dai campi, li sconfisse e riportò l’oro e le insegne che i Galli avevano predato. [2] Contro i Galli molti consoli, pretori e dittatori vennero a battaglia con alterne fortune. Mario espulse i Galli dall’Italia: attraversate le Alpi, contro essi combatté con esito positivo.
NoteAssedio dei Galli al Campidoglio: 390 a.C. Le campagne di Mario in Gallia si svolsero tra 104-102 a.C. ma non riguardarono i Galli.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2011
NomeAssorati G.

ultima modifica: 13/08/2011
fonte

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.