FONTE
FONTE
AutoreGiulio Esuperanzio
Titolo operaOpusculum
AnnoFine IV sec. d.C.?
Periodoetà dei teodosidi
EpocaTarda Antichità
Noteed.: N. Zorzetti (ed.), Iulii Exuperantii Opusculum, Leipzig 1982.
PASSO
Localizzazione6 / 39
Testo originaleSed Pompeius de Gallia rediens non passus est Lepidi audaciam cum publicis detrimentis impune bacchari: nam fugientes eius copias ac se implicantes festinatione formidinis ita prostravit, ut maiore numero privatus in Sardiniam confugeret, ut impedito commeatu populum Romanum fatigaret inopia ac suas vires armis copiisque et omni instrumento reficeret.
TraduzioneMa Pompeo che tornava dalla Gallia [Cisalpina] non sopportò l'audacia di Lepido che impunemente imperversava con pubblici disastri: infatti così umiliò le sue truppe in fuga e afferrate dalla fretta del terrore, che, privato della maggior parte di esse, [Lepido] fuggì in Sardegna, e poiché la fame aveva stremato il popolo Romano a causa del blocco dei rifornimenti, così [Pompeo] ripristinò le sue forze d'armi e di truppe e ogni equipaggiamento.
Note77 a.C.
COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2011
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 11/08/2011
fonte

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.