STRADA
STRADA STORICA
StatoItalia
RegioneEmilia - Romagna
NomeVia Emilia
Denominazione anticaVia Aemilia
Denominazione anticaItem ab Arimino Dertonam
AutoritàTracciata dal console Marco Emilio Lepido
Anno187 a.C.
Periodoetà della colonizzazione
EpocaRepubblicano
Inizio (luogo)Rimini
Fine (luogo)Piacenza
DescrizioneTracciata su un insieme di percorsi pedecollinari, la via Emilia fu realizzata con lo scopo di collegare gli insediamenti dei coloni romani della parte meridionale della pianura padana e di facilitare gli spostamenti dei contingenti militari nell'area e verso nord: così da subito unì le colonie e le piazzeforti di Rimini, Bologna, Modena, Parma e Piacenza, alle quali le fonti antiche aggiungono le molte località sorte successivamente. Fu realizzata da Marco Emilio Lepido nel 187 a.C. durante il suo primo consolato prolungando la via Flaminia (220 a.C.) da Rimini a Piacenza. La via Emilia costituì il cardine delle comunicazioni nella regione e in generale nell’Italia settentrionale, in quanto le città poste su di essa rappresentavano sia i capolinea delle strade provenienti dal versante appenninico che i punti di partenza di quelle dirette verso il nord. Il suo tracciato costituirà inoltre, in molti casi, l’asse da cui si dipartiranno le direzioni dei limiti centuriali con leggere variazioni a seconda dei luoghi. Queste caratteristiche geografiche sono alla base della continuità senza soluzioni ed interruzioni del percorso, sottolineato dai rinvenimenti ma ancor più dai manufatti ancora in essere, a partire dal punto iniziale della via, il ponte di Tiberio di Rimini, ancora in gran parte risalente al 21 d.C., datazione dell’iscrizione dedicatoria sul parapetto (CIL XI, 367). Particolarmente numerosi e indicativi, per la diffusione lungo tutto il percorso, sono i miliari, che assieme ai ponti extraurbani e alle città sono le opere caratterizzanti la strada e da lei la romanizzazione della pianura padana: già il primo tratto, tra Rimini e Cesena, presenta oltre al ponte di Tiberio, quelli sul fiume Uso a San Vito, in parte ancora visibile, e a Santarcangelo, che testimoniano lo sdoppiamento della via nel primo tratto, e quello sul fiume Rubicone a Savignano, assieme a ben sei o sette miliari, dei quali quattro (o cinque) con iscrizioni. Proseguendo in Romagna sono stati rinvenuti miliari con iscrizioni reimpiegati nell’abbazia di S. Ruffillo a Forlimpopoli e nelle pievi di S. Maria in Acquedotto e di S. Giovanni in Ottavo (nota come Pieve del Thò), più uno anepigrafe poco distante da Faenza, e poco dopo resti dei ponti antichi sul Lamone, sul Senio e sul Santerno. Particolarmente ricca s’è dimostrata l’area di Claterna e dell’odierna Castel S. Pietro Terme, da dove provengono due miliari con iscrizione e ben tre ponti, che attraversavano il fiume Sillaro (da cui proviene un’iscrizione) ed i torrenti Gaiana e Quaderna. Attorno a Bologna sono stati rinvenuti due ponti, sull’Aposa e sul Reno, e ben quattro miliari iscritti. Anche al modenese si devono rinvenimenti di miliari già da secoli, ma il grande incrocio di percorsi che caratterizza il sistema viario romano dell’area tra Modena e Bologna rende problematica l’attribuzione di molti dei dodici miliari, di cui undici iscritti, anche se è probabile che la maggior parte di essi siano da riferire all’Emilia, per l’importanza primaria sempre mantenuta dalla via d’origine repubblicana: oltre Modena si incontra il ponte sulla Secchia, noto soprattutto da un’iscrizione, e poi quello sull’Enza con in mezzo un miliario da Reggio Emilia. Anche tra i quattro miliari iscritti attribuiti tradizionalmente all’Emilia a Parma, ce ne sono di discussi se appartenenti alla via Parma-Brescello, via secondaria ma insolitamente ricca di miliari iscritti: infine nell’ultimo tratto si segnalano i ponti sui torrenti Parma, Stirone e Nure, e sul fiume Taro, oltre al miliario da Pontenure, ormai a pochi kilometri da Piacenza.
La data di fondazione e di avviamento dei lavori è citata da Livio, ma anche dai più antichi miliari, provenienti dal bolognese (CIL XI, 6641; 6642; 6645). Grande attenzione pose a tutta la rete viaria Augusto in diversi momenti e la via Emilia testimonia un interesse forse già nel 27 a.C. (CIL XI, 6650), ma sicuramente nel 2 a.C. quando la via ufficiale fu allungata al fiume Trebbia e probabilmente il tracciato fu complessivamente oggetto di importanti interventi (CIL XI, 8103 da Borgo Panigale; AE 1957,215 da San Vito di Rimini; AE 2000,584 da Rivalazzetto di Parma): l’inizio dei lavori del ponte sul Marecchia a Rimini nel 14 d.C. è forse il momento finale di tali lavori, di notevole impegno, considerando che il ponte è stato completato solo nel 21 (CIL XI, 367). Per l’età altoimperiale siamo informati su interventi puntuali soprattutto su ponti distrutti, come sul Sillaro nel 100 d.C. (CIL XI, 6813) e sul Secchia nel 259 d.C. (CIL XI, 826), ma anche di un intervento complessivo del 142 d.C. determinato da un lungo periodo d’incuria (CIL XI, 6664). Il IV sec. è un periodo di particolare attenzione alla via Emilia, per le diverse campagne militari tra i pretendenti dell’impero che la percorrono per conquistare Roma: ma i ventitre miliari (sebbene di alcuni sia incerta la via d’attribuzione) prodotti tra il ca. 300 e il ca. 377 testimoniano soprattutto la necessità e la ricerca di consenso mediante l’autocitazione su infrastrutture pubbliche di imperatori ed usurpatori, che avranno fatto qualche intervento per migliorare il passaggio dei propri eserciti, ma senza programmazione e forse con mezzi ed efficacia limitati, tradotti in iscrizioni che rispetto alle più antiche si presentano formalmente incomplete e graficamente meno curate e calligrafiche.

Bibl. F. Lenzi (a cura di), Regio VIII. Luoghi, uomini, percorsi dell'età romana in Emilia - Romagna, Bologna 2006, pp. 544-563; P.L. Dall'Aglio, I. Di Cocco, La linea e la rete. Formazione storica del sistema stradale in Emilia - Romagna, Milano 2006, pp. 77-139, 305-309; P. Grossi, Pietre miliari della VIII regio: analisi litologiche, provenienza dei materiali e loro distribuzione, "Epigraphica" 69 (2007), pp. 181-207; G.B. Cairo, La via Aemilia come limes difensivo del Nord Italia alla prova dei fatti, “Rivista Storica dell’Antichità” 41 (2011), pp. 223-233.

COMPILAZIONE
COMPILAZIONE
Data2011
NomeAssorati G.

data ultima modifica: 04/07/2012
Viabilità storica

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.