Teatro del Popolo - Concordia sulla Secchia

Elementi caratterizzanti
Dati tecnici
pianta rettangolare con gallerie
500 posti
2000-2002
Via della Pace 108
Concordia sulla Secchia (MO)

Fondazione: XX
Il Teatro del Popolo di Concordia fu inaugurato nel 1934 come Teatro del Littorio, assumendo l’attuale denominazione soltanto nel dopoguerra.
Consta di un edificio autonomo che nelle linee semplici ed essenziali del profilo e della facciata ne dichiara implicitamente le funzioni, richiamando altri consimili edifici. Il prospetto di gusto neoclassico presenta al centro un vano porticato (con sovrastante finestrone e timpano) da cui si accede all’atrio d’ingresso, ove si trovano la biglietteria, il bar ed in cui si aprono le porte d’accesso all’ampia sala teatrale. Quest'ultima presenta pianta rettangolare ed è costituita da platea e due ordini di gallerie, con balconate a fascia continua, caratterizzate da una morbida curva a ferro di cavallo. L’arcoscenico è semplice, con andamento rettangolare, quasi privo di decori ad esclusione dello stemma di Concordia, il leone rampante su campo a bande orizzontali bianche e azzurre, posto al centro e dei due mascheroni plastici collocati anch'essi in alto sui due lati, simboleggianti la Tragedia e la Commedia.
Le tappezzerie (sipario e poltrone) sono in velluto rosso, le pareti sono tinteggiate in una particolare tonalità di rosa con lesene e balconate in beige, mentre una serie di colonnine in ghisa sorreggono il secondo ordine di galleria; su queste ultime sono poste delle appliques in cristallo abbinate al grande lampadario posto sul soffitto al centro della sala.
Scomparsi da tempo i mascheroni in rilievo che decoravano il fronte di una delle due balconate, resta il bel velario dipinto in stile Novecento. L'artista vi ha raffigurato otto eleganti e sensuali figure femminili, connotate da notevole plasticità ed espressività cromatica, racchiuse in altrettante specchiature mistilinee che richiamano modelli compositivi ottocenteschi. Sei rappresentano le classiche Muse tratte dalla mitologia antica, sono riconoscibili Melpomene, colei che canta la Tragedia, Talia che rappresenta la Commedia e Tersicore, colei che si diletta nella Danza, mentre due figure sono dedicate alle moderne Arti del Cinema e della Radio, due medaglioni con putti danzanti completano l’insieme. La firma ‘A. Salvarani’ posta a margine di uno dei due tondi ricondurrebbe ad Arcangelo Salvarani. Carpigiano di nascita, Salvarani rappresenta una tra le personalità più interessanti dell’arte modenese di quel periodo, dedito soprattutto alla tecnica dell’acquerello, appresa nel corso di un soggiorno in Polonia e Ucraina, l’artista fu docente di Decorazione pittorica murale presso l’Istituto d’Arte ‘Venturi’ di Modena.
Di proprietà del Comune, il teatro è stato gestito da privati per diversi anni, ospitando spettacoli di genere diverso, tra cui il varietà e le proiezioni cinematografiche. Negli anni Ottanta si è provveduto ad un primo intervento di restauro e riqualificazione, quindi tra il 2000 e il 2002 si è realizzato l’adeguamento della struttura sotto il profilo impiantistico, completando i lavori con le necessarie dotazioni tecnologiche. Attualmente ospita un’importante stagione teatrale che comprende anche teatro ragazzi e spettacoli teatrali di compagnie locali.
Il teatro è stato danneggiato dal terremoto del maggio 2012, attualmente è inagibile.
(Lidia Bortolotti)






Concordia’s Teatro del Popolo was inaugurated in 1934 under the name Teatro del Littorio, and only acquired its current name after World War II.
It is located in its own building, whose simple, essential profile and façade recall other theatres, thus implicitly declaring its function. The neo-classical façade has a porticoed doorway surmounted by a large window and a tympanum leading to the entrance hall, where the café and ticket office are located. From the entrance hall, doors open onto the wide theatre hall. This rectangular hall has a main floor and two orders of horseshoe-shaped galleries, with continuous balconies. The proscenium arch is simple, rectangular in shape, and almost free of decorations apart from the Concordia coat of arms – a rampant lion set against white and blue horizontal bands – located at the centre of the proscenium arch, and two large masks, depicting Tragedy and Comedy, located at the arch’s upper extremities.
Drapes (stage curtains and seats) are in red velvet, the walls are painted a shade of pink, while pillars and balconies are painted beige. A series of small cast-iron columns support the second order of galleries; the latter features crystal appliqués matching the large chandelier hanging from the ceiling in the centre of the hall.
The relief masks that decorated the front of one of the balconies are long gone, but the beautiful velarium, painted in twentieth century style, remains. It features eight elegant, sensual female figures, characterized by a remarkable degree of plasticity and chromatic expressiveness, enclosed in eight mixtilinear frames recalling nineteenth century composition models. Six of them depict the classical Muses of ancient mythology, including Melpomene, the muse of Tragedy, Thalia who represents Comedy, and Terpsichore, she who delights in Dance, while two other figures depict the modern arts of cinema and radio, and two medallions with dancing cherubs complete the decorations. The signature ‘A. Salvarani’ next to one of the two paintings identifies the artist as Arcangelo Salvarani. Born in Carpi, Salvarani was one of the most interesting Modenese artists of his time. He concentrated on watercolour painting, which he learned during a sojourn in Poland and the Ukraine, and taught mural decorative painting at Modena’s Venturi Art Institute.
The theatre is owned by the municipality, but has been under private management for many years. It has hosted many different types of performances, including variété and film screenings. It underwent an initial restoration effort in the 1980s, while the electrical and other systems were renewed between 2000 and 2002 with the necessary technological additions. Currently, it hosts an important theatre season, including theatre for kids and performances by local theatre troupes.
(Lidia Bortolotti)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.

Questo sito web è conforme alla normativa sull'uso dei cookie.
Per fornire in modo efficace  i nostri servizi e per abilitare determinate funzionalità, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo che si chiamano "cookie". I cookie vengono memorizzati sul tuo dispositivo per essere poi ritrasmessi al Sito alla tua successiva visita.  Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell'utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell'utente.
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione e a fini pubblicitari. Il sito consente invece l'installazione di cookie da sistemi di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi interamente questa informativa estesa sull'uso dei cookie.

TIPI DI COOKIE CHE UTILIZZA IL SITO

Cookie indispensabili e funzionali

Questi cookie, definiti "cookie tecnici", sono essenziali al fine di consentire di navigare nel sito ed utilizzare appieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi necessari non possono essere fruiti. Verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utente non modifichi le impostazioni nel proprio browser (leggi più avanti tutte le indicazioni su come fare). Navigando su questo sito, accetti di fatto che tali cookie possano essere installati sul tuo dispositivo.
Ai sensi dell'articolo 122, comma 1, del Codice della privacy (nella formulazione vigente a seguito della entrata in vigore del d.lgs.69/2012) i cookies "tecnici" possano essere utilizzati anche in assenza del consenso dell'interessato. L'organismo europeo che riunisce tutte le Autorità Garanti per la privacy dei vari Stati Membri (il c.d. Gruppo "Articolo 29" ) ha chiarito nel Parere 4/2012 (WP194) intitolato "Esenzione dal consenso per l'uso dei cookies" quali sono le tipologie di cookie per i quali non è necessario acquisire il consenso preventivo e informato dell'utente:
1) cookies con dati compilati dall'utente (identificativo di sessione), della durata di una sessione o cookies persistenti limitatamente ad alcune ore in taluni casi;
2) cookies per l'autenticazione, utilizzati ai fini dei servizi autenticati, della durata di una sessione;
3) cookies di sicurezza incentrati sugli utenti, utilizzati per individuare abusi di autenticazione, per una durata persistente limitata;
4) cookies di sessione per lettori multimediali, come i cookies per lettori "flash", della durata di una sessione;
5) cookies di sessione per il bilanciamento del carico, della durata di una sessione;
6) cookies persistenti per la personalizzazione dell'interfaccia utente, della durata di una sessione (o poco più);
7) cookies per la condivisione dei contenuti mediante plug-in sociali di terzi, per membri di una rete sociale che hanno effettuato il login.

Cookie di terze parti

Nel corso della navigazione sul sito potresti ricevere sul tuo dispositivo anche cookie che integrano funzionalità sviluppate da terzi come le icone e le condivisioni dei contenuti sui social network  o l'uso di servizi software di terze parti (come i software che generano le mappe e ulteriori software che offrono dei servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito. In altre parole, detti cookies sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito.
Questo tipo di cookie ricadono sotto diretta e esclusiva responsabilità della stessa terza parte.
L'Utente è quindi invitato a consultare le informazioni sulla privacy e sull'utilizzo di cookie di terze parti direttamente sul sito internet dei rispettivi gestori, di seguito elencati.

COME DISABILITARE I COOKIE

Puoi negare il consenso all'utilizzo dei cookie selezionando l'impostazione appropriata sul tuo browser.  
Si forniscono di seguito i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell'help del software).
Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Opera, Apple Safari 

Per cancellare cookie già memorizzati sul dispositivo

Anche se viene revocata l'autorizzazione all'utilizzo di cookie di terze parti, prima di tale revoca i cookie potrebbero essere stati memorizzati sul dispositivo dell'utente. Per motivi tecnici non è possibile cancellare tali cookie, tuttavia il browser dell'utente consente la loro eliminazione tra le impostazioni sulla privacy. Le opzioni del browser contengono infatti l'opzione 'Cancella dati di navigazione' che può essere utilizzata per eliminare i cookies, dati di siti e plug-in.